Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 100kWORD 17k
4 gennaio 2017
P-000033-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-000033-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Acquacoltura a Manfredonia
 Risposta scritta 

Manfredonia è stata inserita con legge 426/98 tra i siti di interesse nazionale (SIN). Il ministero dell'Ambiente ha delimitato l'estensione del SIN tra aree private e aree pubbliche. Delle aree pubbliche la porzione maggiore di territorio è rappresentata dall'area marina prospiciente il polo chimico e che ingloba interamente il porto «Alti fondali».

Dalla carta dell'Istituto geografico militare usata per la perimetrazione, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il 26 febbraio 2000, si evince che tale porto è escluso dall'area SIN.

Nel 2008 l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) ha individuato il mercurio tra i vari inquinanti presenti nei sedimenti marini di tale area.

La Regione Puglia, sulla base del regolamento (CE) n. 1198/2006 relativo al Fondo europeo per la pesca 2007-2013 (delibera della Giunta regionale n. 1149/09, misura 3.5 «Progetti Pilota»), ha approvato la graduatoria dei progetti finanziabili, tra i quali alcuni concernenti la fauna ittica nel porto Alti fondali.

Può la Commissione verificare:
l'applicazione dell'articolo 34 del regolamento (UE) n. 1380/2013 e dell'articolo 5, paragrafo 2, lettera b), della direttiva 2008/56/CE?
il rispetto del principio «chi inquina paga»?
se la gestione dei siti inquinati, in attesa dell'approvazione della convenzione di Minamata sul mercurio, è conforme agli articoli 5, 6 e 8 della direttiva 2004/35/CE alla luce dei fatti qui indicati?
Avviso legale