Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
4 settembre 2017
P-005474-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-005474-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Crisi mitilicoltura Puglia
 Risposta scritta 

La forte ondata di caldo che ha investito il bacino tarantino nelle ultime settimane ha creato condizioni non idonee alla sopravvivenza dei molluschi allevati in questo mare, generando un vero stato di calamità. È infatti il terzo episodio di moria nell'arco di sei anni: il primo avvenuto nel 2012, il secondo nel 2015, con danni agli operatori di 25/30 000 tonnellate compreso il seme e circa 7 milioni di euro di danno economico.

Sarebbe opportuno attivare un monitoraggio costante delle acque con adozione di sistemi di allarme ed un piano per lo spostamento del prodotto in altre aree. Inoltre, se non si procede alla raccolta dei gusci dei mitili morti, ci saranno gravi problemi ecologici a causa del conseguente stato di putrefazione.

Può la Commissione verificare se:
1. l'Italia ha fatto una richiesta di indennizzo per i mitilicoltori che hanno subito danni?
2. c'è la possibilità di finanziare i lavori necessari per ripulire i fondali dai molluschi morti?
3. l'Italia ha attivato le misure idroambientali previste dal FEAMP attuale?
Avviso legale