Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 104kWORD 21k
22 maggio 2018
P-002053/2018(ASW)
Risposta di Karmenu Vella a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: P-002053/2018

La Commissione è a conoscenza del fatto che l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha raccomandato, negli orientamenti del 2006 sulla qualità dell'aria(1), la definizione di obiettivi per il particolato fine (PM2,5) consistenti in concentrazioni medie annuali di 10 µg/m3 e in concentrazioni giornaliere di 25 µg/m3.

Nel 2013, nell'ambito di una revisione più ampia della politica dell'UE in materia di qualità dell'aria, la Commissione ha valutato la possibilità di adottare un valore limite più ambizioso per il PM2,5 e ha concluso che non era opportuno rivedere le norme sulla qualità dell'aria(2). Ha fatto inoltre osservare che la direttiva del 2008 relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita(3) sarebbe stata oggetto di un riesame inteso ad una sua eventuale rivalutazione, una volta attuata una diminuzione delle concentrazioni di fondo nell'ambito della direttiva concernente la riduzione delle emissioni nazionali di determinati inquinanti atmosferici(4) (adottata nel 2016).

Nel 2017 la Commissione ha pertanto avviato un processo volto a valutare l'adeguatezza delle direttive in materia di qualità dell'aria ambiente(5) alla luce della strategia «legiferare meglio». Obiettivo di tale processo è valutare se le direttive e l'intero quadro normativo in materia di qualità dell'aria siano idonei allo scopo, vagliando espressamente l'efficacia, l'efficienza, la coerenza, la pertinenza e il valore aggiunto UE dell'acquis dell'Unione in questo settore. La Commissione prevede di concludere tale vaglio di adeguatezza nel 2019.

(1)http://www.who.int/airpollution/publications/aqg2005/en/
(2)https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX:52013DC0918
(3)Direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell’aria ambiente e per un’aria più pulita in Europa
(4)Direttiva 2016/2284/CE concernente la riduzione delle emissioni nazionali di determinati inquinanti atmosferici.
(5)https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/initiatives/ares-2017-3763998_en

Ultimo aggiornamento: 25 maggio 2018Avviso legale