Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
23 aprile 2018
P-002243-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-002243-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Uso estensivo del neonecotinoide Imidacloprid in Puglia
 Risposta scritta 

Nel 2013 la Commissione europea ha severamente ristretto l'uso di prodotti contenenti alcuni neonecotinoidi, tra cui l'Imidacloprid, a causa delle gravi conseguenze degli stessi sulle api.

La decisione della Commissione europea era basata su una valutazione del rischio dell'Agenzia europea per la sicurezza alimentare del 2012 che vietava l'uso di tre neonecotinoidi ad eccezione di casi ristretti (uso in serra).

Nell'ultimo decreto ministeriale del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali del 23 marzo 2018 sulle misure di emergenza in merito alla diffusione di Xylella fastidiosa, l'Imidacloprid viene indicato quale sostanza attiva suggerita per la lotta al batterio.

Secondo il suddetto decreto ministeriale, l'obbligo del trattamento insetticida con Imidacloprid avrà inizio dal 30 aprile 2018 e riguarderà un'area estesa che va da Santa Maria di Leuca fino alla provincia di Bari, causando la morte degli insetti impollinatori e rappresentando un pericolo di tossicità per la salute umana.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione europea rispondere ai seguenti quesiti:
1. Come intende far rispettare il divieto d'uso di tale sostanza su un'area così vasta?
2. Prevede una valutazione del rischio per il caso di specie?
Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2018Avviso legale