Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 77kWORD 21k
7 dicembre 2018
P-005158/2018(ASW)
Risposta del Presidente Juncker a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: P-005158/2018

Gli Orientamenti del Consiglio europeo del 29 aprile 2017 per i negoziati sulla Brexit (articolo 50)(1) stabiliscono, al punto 15, che spetta «ai 27 Stati membri decidere rapidamente sulla sede futura delle agenzie e strutture dell’UE che si trovano nel Regno Unito». In base a una procedura approvata dai capi di Stato e di governo di tutti i 27 Stati membri per il trasferimento delle agenzie dell'UE con sede a Londra, dopo tre votazioni il 20 novembre 2017 i 27 Stati membri hanno selezionato Amsterdam quale nuova sede dell'Agenzia. Il 17 ottobre 2018 il Parlamento europeo e il Consiglio hanno convenuto un testo di compromesso del regolamento che determina che la sede dell'Agenzia europea per i medicinali sarà Amsterdam.

Per quanto attiene ai costi per il bilancio dell'Unione europea connesso all'esigenza che l'Agenzia occupi una sede provvisoria prima di insediarsi nei locali definitivi, la Commissione informa l'onorevole parlamentare che, come convenuto con l'Agenzia, tali costi sono sostenuti dai Paesi Bassi. La Commissione ha trasmesso all'Agenzia la domanda dell'onorevole parlamentare sui costi già sostenuti dalla stessa per il trasferimento da Londra verso Amsterdam. La risposta perverrà alla Commissione il più presto possibile. Infine, la Commissione non è in grado di fornire le stime dei costi connessi all'eventuale esito sfavorevole del contenzioso in corso con la società Canary Wharf.

(1)https://www.consilium.europa.eu/media/21763/29-euco-art50-guidelinesen.pdf

Ultimo aggiornamento: 13 dicembre 2018Avviso legale