Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 18k
10 aprile 2019
P-001762-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-001762-19
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Elisabetta Gardini (PPE) , Lorenzo Cesa (PPE)

 Oggetto:  Deducibilità delle auto aziendali in Italia
 Risposta scritta 

In Europa è attivo il regime ordinario di deducibilità delle auto aziendali che consente ad aziende e titolari di partita IVA di scaricare il 100 % dei costi.

In deroga al regime fiscale europeo, da oltre 30 anni in Italia vige un regime fiscale penalizzante: è sottoposto a un basso tetto (18 076 euro) e a un'ulteriore limitazione del 20 % di deducibilità. Gran parte del costo delle auto aziendali rimane in capo alle aziende italiane che sopportano così oneri decisamente superiori a quelli delle loro concorrenti europee.

Questa situazione penalizza anche il mercato dell'auto italiano. Nel 2018 sono state vendute in Italia il 43,1 % di auto aziendali, il 20 % in meno dei 5 maggiori mercati dove l'IVA è deducibile. Se anche in Italia vigesse il regime fiscale europeo, si venderebbero ogni anno circa 100 mila veicoli in più, con un fatturato medio stimato di 2 miliardi di euro e un gettito fiscale di 500 milioni di euro.

Si chiede alla Commissione europea di:
1) Richiamare l'Italia ad attivare il regime ordinario in tema di deducibilità sulle auto aziendali vigente in Europa da oltre trent'anni;
2) Rigettare la richiesta di ulteriore proroga triennale al regime di parziale deducibilità delle auto aziendali inoltrata dal Governo italiano.
Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2019Avviso legale