Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 36kWORD 9k
27 novembre 2019
P-004062/2019
Interrogazione prioritaria con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Isabella Tovaglieri
 Oggetto: Impatti economici e occupazionali della "plastic tax"

Il recente tentativo del governo italiano di introdurre una "plastic tax" ha generato critiche unanimi sia da parte dei produttori che dei sindacati: in particolare, secondo questi ultimi, la nuova tassa, a fronte di effetti trascurabili, andrà a colpire un comparto di 2 000 imprese e ben 50 000 addetti, oltre a ripercuotersi su tutti i consumatori finali.

Come può la Commissione europea incentivare la piena sostenibilità della transizione verso un'economia circolare supportando la competitività delle imprese europee ed evitando, nel contempo, di porre ulteriori oneri su imprese e lavoratori?

Considerando la necessità di ridurre la quantità di plastica e di aumentarne il riciclaggio, quali specifici strumenti finanziari la Commissione intende mettere a disposizione per favorire e accelerare la ricerca e lo sviluppo di materiali più sostenibili e meno impattanti, incluse le plastiche stesse?

Il settore della plastica rappresenta un valore aggiunto a livello europeo sotto molti profili, non da ultimi quelli occupazionali. Alla luce degli obiettivi del 2030 indicati nella Strategia europea per la plastica nell'economia circolare, sta la Commissione pensando a uno studio d'impatto sugli aspetti occupazionali che la transizione comporta, per contemperare transizione e tutela dei posti di lavoro?

Ultimo aggiornamento: 3 dicembre 2019Avviso legale