Procedura : 2018/2840(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : RC-B8-0364/2018

Testi presentati :

RC-B8-0364/2018

Discussioni :

Votazioni :

PV 13/09/2018 - 10.1

Testi approvati :

P8_TA(2018)0344

PROPOSTA DI RISOLUZIONE COMUNE
PDF 281kWORD 55k
12.9.2018
PE624.073v01-00}
PE624.074v01-00}
PE624.076v01-00}
PE624.077v01-00}
PE624.081v01-00}
PE624.087v01-00} RC1
 
B8-0364/2018}
B8-0365/2018}
B8-0367/2018}
B8-0368/2018}
B8-0372/2018}
B8-0378/2018} RC1

presentata a norma dell'articolo 135, paragrafo 5, e dell'articolo 123, paragrafo 4, del regolamento

in sostituzione delle proposte di risoluzione seguenti:

B8-0364/2018 (ECR)

B8-0365/2018 (Verts/ALE)

B8-0367/2018 (S&D)

B8-0368/2018 (GUE/NGL)

B8-0372/2018 (PPE)

B8-0378/2018 (ALDE)


sull'Uganda, arresto di parlamentari dell'opposizione (2018/2840(RSP))


Cristian Dan Preda, Joachim Zeller, Elmar Brok, José Ignacio Salafranca Sánchez-Neyra, Jaromír Štětina, Laima Liucija Andrikienė, Krzysztof Hetman, Eduard Kukan, Patricija Šulin, Tomáš Zdechovský, Marijana Petir, Tunne Kelam, Elisabetta Gardini, Roberta Metsola, Csaba Sógor, Željana Zovko, Romana Tomc, Ramona Nicole Mănescu, Cristian-Silviu Buşoi, Giovanni La Via, Pavel Svoboda, Ivan Štefanec, Bogdan Brunon Wenta, József Nagy, Adam Szejnfeld, Stanislav Polčák, Tadeusz Zwiefka, Michaela Šojdrová, Sandra Kalniete, Francis Zammit Dimech, David McAllister, Seán Kelly, Ivana Maletić, Deirdre Clune, Dubravka Šuica, Andrey Kovatchev, Anna Záborská, Milan Zver, László Tőkés, Inese Vaidere a nome del gruppo PPE
Elena Valenciano, Soraya Post, Norbert Neuser a nome del gruppo S&D
Karol Karski, Charles Tannock, Monica Macovei, Branislav Škripek, Ruža Tomašić, Pirkko Ruohonen-Lerner a nome del gruppo ECR
Marietje Schaake, Petras Auštrevičius, Beatriz Becerra Basterrechea, Izaskun Bilbao Barandica, Dita Charanzová, Gérard Deprez, Martina Dlabajová, Nadja Hirsch, Filiz Hyusmenova, Ivan Jakovčić, Petr Ježek, Ilhan Kyuchyuk, Patricia Lalonde, Valentinas Mazuronis, Louis Michel, Javier Nart, Urmas Paet, Maite Pagazaurtundúa Ruiz, Carolina Punset, Jozo Radoš, Frédérique Ries, Robert Rochefort, Ramon Tremosa i Balcells, Ivo Vajgl, Johannes Cornelis van Baalen, Hilde Vautmans, Cecilia Wikström a nome del gruppo ALDE
Lola Sánchez Caldentey, Merja Kyllönen, Marie-Christine Vergiat, Patrick Le Hyaric, Kateřina Konečná, Jiří Maštálka, Tania González Peñas, Xabier Benito Ziluaga, Estefanía Torres Martínez, Barbara Spinelli, Miguel Urbán Crespo a nome del gruppo GUE/NGL
Pascal Durand, Maria Heubuch, Bodil Valero a nome del gruppo Verts/ALE
Ignazio Corrao, Piernicola Pedicini, Fabio Massimo Castaldo a nome del gruppo EFDD

Risoluzione del Parlamento europeo sull'Uganda, arresto di parlamentari dell'opposizione (2018/2840(RSP))  

Il Parlamento europeo,

–  viste le sue precedenti risoluzioni sull'Uganda,

–  vista la dichiarazione locale congiunta, del 17 agosto 2018, resa dalla delegazione dell'Unione europea, dai capimissione dell'Austria, del Belgio, della Danimarca, della Francia, della Germania, dell'Irlanda, dell'Italia, dei Paesi Bassi, della Svezia e del Regno Unito e dai capimissione della Norvegia e dell'Islanda per quanto riguarda le elezioni suppletive svoltesi nel comune di Arua,

–  vista la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 10 dicembre 1948, di cui l'Uganda è firmataria,

–  visto il patto internazionale sui diritti civili e politici del 1966, ratificato dall'Uganda il 21 giugno 1995,

–  vista la convenzione del 1984 delle Nazioni Unite contro la tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, inumane o degradanti,

–  vista la Carta africana sulla democrazia, le elezioni e il buon governo,

–  vista la dichiarazione della Commissione dei diritti umani dell'Uganda sulle questioni emergenti in materia di diritti umani nel paese in seguito alle elezioni suppletive svoltesi nel comune di Arua il 15 agosto 2018,

–  visto la relazione relativa all'Uganda del gruppo di lavoro sull'esame universale periodico del Consiglio dei diritti umani,

–  visto l'accordo di partenariato ACP-UE ("accordo di Cotonou"), in particolare l'articolo 8, paragrafo 4, sulla non discriminazione,

–  vista la Costituzione della Repubblica dell'Uganda del 1995, modificata nel 2005,

–  visti l'articolo 135, paragrafo 5, e l'articolo 123, paragrafo 4, del suo regolamento,

A.  considerando che le elezioni suppletive tenutesi il 15 agosto 2018 nel comune di Arua, nell'Uganda nord-occidentale, le quali hanno condotto all'elezione di Kassiano Wadri, candidato indipendente dell'opposizione, sono state contrassegnate da atti di violenza;

B.  considerando che il Presidente dell'Uganda, Yoweri Museveni, il deputato indipendente Robert Kyagulanyi Ssentamu, noto anche come Bobi Wine, e vari altri politici, si sono impegnati nella campagna di Arua il 13 agosto 2018, nel quadro di un'elezione suppletiva carica di tensioni, scaturite dall'omicidio di un parlamentare nel mese di giugno;

C.  considerando che il popolare musicista Bobi Wine si è rivelato un critico influente del Presidente Museveni dopo aver vinto nel 2017 un seggio nel parlamento ugandese;

D.  considerando che il 13 agosto 2018 a fine giornata Yasin Kawuma, autista di Bobi Wine, è stato ucciso con un'arma da fuoco in circostanze poco chiare, e che mentre il Presidente Museveni si accingeva a lasciare Arua alcuni sostenitori di Kassiano Wadri avrebbero attaccato l'auto presidenziale lanciando pietre;

E.  considerando che la polizia ha arrestato due giornalisti del canale televisivo NTV Uganda, Herbert Zziwa e Ronald Muwanga, in quanto stavano trasmettendo in diretta dalla zona in cui è stato ucciso Kawuma;

F.  considerando che Wine, Wadri e alcune altre persone sono state arrestate subito dopo; che Wine è stato accusato di possesso di armi da fuoco;

G.  considerando che 33 persone, tra cui Wadri e quattro parlamentari (Robert Kyagulanyi, Francis Zaake, Gerald Karuhanga e Paul Mwiru), sono state accusate di tradimento il giorno successivo alle elezioni e Wine è stato accusato da un tribunale militare di possesso di armi da fuoco illegali;

H.  considerando che le proteste scaturite ad Arua, Kampala e Mityana in conseguenza di tali arresti sono state sedate in modo violento dalle forze di sicurezza dell'Uganda; che è stato segnalato l'uso di gas lacrimogeni e munizioni attive;

.  considerando che il 20 agosto 2018 James Akena, un fotografo che stava lavorando per la Reuters a un servizio sulle manifestazioni politiche di Kampala nell'ambito della campagna #freeBobiWine, è stato picchiato dai soldati, arrestato e posto in stato di detenzione per diverse ore;

J.  considerando che secondo alcune fonti Wine e altre persone detenute sono state torturate durante la detenzione; che, dopo aver inizialmente negato tali accuse, le autorità si sono impegnate a svolgere indagini in merito;

K.  considerando che Wine è stato successivamente accusato di tradimento da un tribunale civile, in seguito alla decisione del tribunale militare di non procedere con le accuse di possesso illecito di armi da fuoco;

L.  considerando che Wine è stato quindi rilasciato su cauzione e ha lasciato l'Uganda per curarsi negli Stati Uniti;

M.  considerando che l'ex Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad al-Hussein, ha esortato il governo dell'Uganda a condurre un'indagine approfondita, indipendente e imparziale in merito alle gravi accuse di violazioni dei diritti umani, tra cui le esecuzioni extragiudiziali, l'uso eccessivo della forza e della tortura e altre forme di maltrattamento, assicurando i responsabili alla giustizia;

N.  considerando che Kizza Besigye, leader del Forum per il cambiamento democratico (FDC) e quattro volte candidato alla presidenza, è stato posto in stato di detenzione in varie occasioni dalla polizia o dall'esercito tra il 2001 e il 2017, e da ultimo il 25 settembre 2017;

O.  considerando che in Uganda gli arresti e le intimidazioni ai danni di figure politiche dell'opposizione si verificano abitualmente;

1.  esprime profonda preoccupazione per l'arresto dei parlamentari dell'opposizione avvenuto a seguito delle elezioni suppletive svoltesi ad Arua;

2.  sottolinea che è fondamentale per la democrazia ugandese che il Presidente e il governo dell'Uganda rispettino l'indipendenza del parlamento in quanto istituzione nazionale e l'indipendenza del mandato dei suoi membri, e garantisca che questi ultimi possano svolgere liberamente il mandato per cui sono stati eletti;

3.  invita le autorità ugandesi a revocare le presunte accuse infondate mosse contro Bobi Wine e a porre fine alla repressione nei confronti dei politici e dei sostenitori dell'opposizione;

4.  esorta le autorità ugandesi ad avviare senza indugio un'indagine efficace, imparziale e indipendente sull'assassinio di Yasin Kawuma e sui decessi e i casi segnalati di uso eccessivo della forza durante le proteste; auspica che sia svolta un'indagine indipendente sui presunti atti di tortura e maltrattamento perpetrati sui detenuti di Arua; sottolinea la necessità di consegnare i responsabili di tali reati alla giustizia;

5.  reitera il proprio impegno a favore della liberà di espressione e ribadisce la crucialità del ruolo svolto dai media in una società democratica; rileva con preoccupazione che i giornalisti che si occupavano delle dimostrazioni e delle sommosse sono stati malmenati insieme ai partecipanti, e che due giornalisti sono stati arrestati; esorta le autorità ugandesi a creare le condizioni adatte affinché i giornalisti possano svolgere senza impedimenti il proprio lavoro di informare sugli sviluppi politici del paese;

6.  ricorda alle autorità ugandesi l'obbligo di garantire, proteggere e promuovere i diritti fondamentali, compresi i diritti civili e politici dei cittadini del paese, tra cui la libertà di parola e di riunione;

7.  ricorda al governo dell'Uganda i suoi obblighi assunti a livello internazionale, in particolare per quanto riguarda il rispetto delle libertà fondamentali e dello Stato di diritto e il trattamento dei procedimenti giudiziari, con particolare riferimento al diritto a un processo equo e imparziale;

8.  invita le autorità di contrasto a proteggere le libertà fondamentali senza alcuna forma di intimidazione, rispettando in tal modo l'articolo 24 della costituzione ugandese, che sancisce che "nessun individuo deve subire qualsivoglia forma di tortura o pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti";

9.  esorta le forze di sicurezza ugandesi a dar prova di moderazione negli interventi durante le proteste, a desistere dall'utilizzo di proiettili veri, ad agire lecitamente e nel pieno rispetto del diritto in materia di diritti umani, nonché a consentire ai giornalisti di svolgere in piena libertà il loro lavoro di informazione;

10.  fa appello al contempo ai manifestanti perché agiscano ed esercitino i loro diritti nel pieno rispetto della legalità;

11.  invita l'UE a sfruttare il peso politico fornito dai programmi di aiuto allo sviluppo, in particolare i programmi di sostegno al bilancio, allo scopo di rafforzare la difesa e la promozione dei diritti umani in Uganda;

12.  elogia il lavoro svolto dalla Commissione dei diritti umani dell'Uganda a seguito degli arresti, degli assassinii e delle torture compiuti in occasione delle elezioni suppletive ad Arua, tra cui le visite presso i centri di detenzione, le ricerche delle persone scomparse e gli interventi per garantire i diritti dei prigionieri, quali l'assistenza medica e le visite dei familiari;

13.  invita il vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza a monitorare da vicino la situazione in Uganda; sottolinea che il Parlamento dovrebbe essere informato qualora qualsivoglia parlamentare ugandese dell'opposizione sia ostacolato o ostruito nell'espletamento delle sue funzione di legislatore;

14.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, al Presidente della Repubblica dell'Uganda, al Presidente del parlamento ugandese nonché all'Unione africana e alle sue istituzioni.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2018Avviso legale