Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2014/2042(BUD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0004/2014

Testi presentati :

A8-0004/2014

Discussioni :

Votazioni :

PV 17/09/2014 - 9.2
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2014)0017

Testi approvati
PDF 299kWORD 60k
Mercoledì 17 settembre 2014 - Strasburgo Edizione definitiva
Mobilitazione del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione - domanda EGF/2014/001 EL/Nutriart - Grecia
P8_TA(2014)0017A8-0004/2014
Risoluzione
 Allegato

Risoluzione del Parlamento europeo del 17 settembre 2014 sulla proposta di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alla mobilitazione del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in conformità del punto 13 dell'accordo interistituzionale, del 2 dicembre 2013, tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria (domanda EGF/2014/001 EL/Nutriart, presentata dalla Grecia) (COM(2014)0376 – C8-0032/2014 – 2014/2042(BUD))

Il Parlamento europeo,

–  vista la proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2014)0376 – C8-0032/2014),

–  visto il regolamento (UE) n. 1309/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, sul Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (2014-2020) e che abroga il regolamento (CE) n. 1927/2006(1) (nuovo regolamento FEG),

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 1311/2013 del Consiglio, del 2 dicembre 2013, che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020(2), in particolare l'articolo 12,

–  visto l'accordo interistituzionale del 2 dicembre 2013 tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria(3) (AII del 2 dicembre 2013), in particolare il punto 13,

–  vista la procedura di trilogo prevista al punto 13 dell'AII del 2 dicembre 2013,

–  vista la lettera della commissione per l'occupazione e gli affari sociali,

–  vista la lettera della commissione per lo sviluppo regionale,

–  vista la relazione della commissione per i bilanci (A8‑0004/2014),

A.  considerando che l'Unione ha predisposto appositi strumenti legislativi e di bilancio per fornire un sostegno supplementare ai lavoratori che risentono delle conseguenze dei grandi cambiamenti strutturali nei flussi commerciali mondiali e per agevolare il loro reinserimento nel mercato del lavoro;

B.  considerando che il sostegno finanziario dell'Unione ai lavoratori licenziati dovrebbe essere dinamico e reso disponibile nel modo più rapido ed efficiente possibile, in conformità della dichiarazione comune del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione, adottata durante la riunione di concertazione del 17 luglio 2008, e nel rispetto dell'AII del 2 dicembre 2013 con riferimento all'adozione di decisioni di mobilitazione del FEG;

C.  considerando che la Grecia ha presentato la domanda EGF/2014/001 EL/Nutriart per un contributo finanziario dal FEG in seguito ai licenziamenti effettuati dalla Nutriart S.A. e 25 fornitori e produttori a valle nonché 24 lavoratori autonomi la cui attività è cessata poiché dipendeva dall'impresa principale in Grecia, con 508 lavoratori destinatari di misure cofinanziate dal FEG, nel corso del periodo di riferimento compreso tra il 16 luglio 2013 e il 16 novembre 2013,

D.  considerando che il 66,34% dei lavoratori ammessi a beneficiare delle misure è rappresentato da uomini e il 33,66% da donne; che la grande maggioranza (86,42%) dei lavoratori ha dai 30 ai 54 anni; che l'8,07% dei lavoratori è di età compresa tra i 55 e i 64 anni;

E.  considerando che la domanda soddisfa le condizioni di ammissibilità stabilite dal regolamento FEG;

1.  conviene con la Commissione che le condizioni stabilite all'articolo 4, paragrafo 1, lettera a), del nuovo regolamento FEG sono soddisfatte e che, di conseguenza, la Grecia ha diritto a un contributo finanziario a norma del regolamento in parola;

2.  osserva che le autorità greche hanno trasmesso la domanda per il contributo finanziario FEG il 5 febbraio 2014, fornendo ulteriori informazioni supplementari fino al 2 aprile 2014, e che la sua valutazione è stata messa a disposizione della Commissione il 24 giugno 2014; si compiace della rapidità della valutazione, che è durata quattro mesi;

3.  osserva che questa è la prima domanda presentata e valutata nell'ambito del nuovo regolamento FEG;

4.  osserva che i licenziamenti effettuati dalla Nutriart S.A. e 25 fornitori e produttori a valle nonché 24 lavoratori autonomi la cui attività è cessata poiché dipendeva dall'impresa principale in Grecia sono legate alla crisi economica e finanziaria mondiale, facendo riferimento al fatto che l'economia greca ha registrato un calo cumulato del PIL pari al 5% dal 2008 e, nonostante si stia lentamente riprendendo dalla recessione, non è ancora in grado di creare nuove opportunità di lavoro e di ridurre il tasso di disoccupazione, che ha raggiunto un record storico attestandosi al 26-27% della popolazione attiva;

5.  osserva che i fatti che hanno causato i licenziamenti sono principalmente tre: (1) la diminuzione del reddito familiare disponibile che ha influito in modo molto negativo sul consumo di una vasta gamma di prodotti — dovuta all'aumento della pressione fiscale, alla riduzione degli stipendi dei dipendenti sia pubblici che privati e all'aumento della disoccupazione — con un conseguente calo radicale del potere d'acquisto; (2) il ritardo nei pagamenti dalla maggior parte dei clienti di Nutriart, e 3) la drastica riduzione dei prestiti alle imprese e ai singoli cittadini dovuta al tentativo del sistema bancario greco di ridurre i prestiti in essere;

6.  sottolinea che i 508 licenziamenti aggraveranno ulteriormente il problema della disoccupazione nelle regioni dell'Attica e della Macedonia centrale; che nel quarto trimestre del 2013 il tasso di disoccupazione era del 28,2% in Attica e del 30,3% in Macedonia centrale(4); osserva altresì che l'Attica produce il 43% del PIL nazionale, per questo l'effetto della chiusura di imprese che vi hanno sede si propaga a tutta l'economia greca; rileva, inoltre, che l'aumento della disoccupazione nei due principali centri urbani della Grecia ha indebolito la coesione sociale e ha contribuito alla formazione di tensioni sociali;

7.  valuta positivamente il fatto che, al fine di fornire un'assistenza tempestiva ai lavoratori, le autorità greche abbiano deciso di avviare l'attuazione dei servizi personalizzati a favore dei lavoratori interessati già il 30 aprile 2014, con largo anticipo rispetto alla decisione definitiva in merito alla concessione del sostegno del FEG al pacchetto coordinato proposto;

8.  accoglie con grande favore il fatto che oltre ai 508 lavoratori licenziati, le autorità greche offriranno servizi personalizzati cofinanziati dal FEG a un massimo di 505 giovani disoccupati e non frequentanti corsi di istruzione o di formazione (NEET) al di sotto di 30 anni, portando il totale di beneficiari che parteciperanno a queste misure a 1 013; sottolinea che questa disposizione del nuovo regolamento FEG è applicata per la prima volta;

9.  osserva che l'importo massimo ammissibile di 15 000 EUR sarà concesso a 150 lavoratori e NEET selezionati quale contributo volto a consentire loro di rendersi professionalmente autonomi; sottolinea che la finalità di questa misura è quella di promuovere l'imprenditorialità fornendo finanziamenti, nell'ottica di portare alla creazione di nuovi posti di lavoro a medio termine;

10.  osserva che il pacchetto coordinato di servizi personalizzati da cofinanziare comprende misure a favore dei lavoratori licenziati, dei lavoratori autonomi la cui attività è cessata e dei NEET quali l'orientamento professionale, la formazione, riqualificazione, formazione professionale, i servizi di consulenza verso l'imprenditorialità, il contributo per l'avvio di un'impresa, le indennità per la ricerca di occupazione e le indennità di mobilità; accoglie con grande favore il fatto che, per la prima volta, i lavoratori autonomi siano inclusi nel cofinanziamento del FEG;

11.  accoglie positivamente l'idea di avviare un incubatore destinato a nuove imprese innovative;

12.  accoglie favorevolmente il fatto che il pacchetto coordinato di servizi personalizzati sia stato elaborato in consultazione con i rappresentanti dei beneficiari interessati, il sindacato GSEE (Confederazione generale dei lavoratori greci) e la Confederazione ellenica delle imprese, e che durante le varie fasi di attuazione del FEG e nell'accesso al medesimo saranno applicati una politica di parità tra donne e uomini nonché il principio di non discriminazione;

13.  ricorda l'importanza di migliorare le possibilità di tutti i lavoratori di cercare un impiego attraverso una formazione adeguata e il riconoscimento delle capacità e delle competenze acquisite durante la carriera professionale del lavoratore; si attende che la formazione offerta nell'ambito del pacchetto coordinato sia adattata non solo alle esigenze dei lavoratori licenziati, ma anche all'effettivo contesto imprenditoriale;

14.  osserva che le informazioni fornite sul pacchetto coordinato di servizi personalizzati da finanziare a titolo del FEG includono informazioni sulla complementarità con azioni finanziate dai Fondi strutturali; sottolinea che le autorità greche confermano che le azioni ammissibili non ricevono aiuti da altri strumenti finanziari dell'Unione; ribadisce la sua richiesta alla Commissione affinché presenti, nelle sue relazioni annuali, una valutazione comparativa di tali dati, onde assicurare il pieno rispetto dei regolamenti esistenti ed evitare che si verifichino duplicazioni relativamente ai servizi finanziati dall'Unione;

15.  apprezza la procedura perfezionata messa in atto dalla Commissione, dando seguito alla richiesta del Parlamento europeo di accelerare la concessione delle sovvenzioni; osserva che la Commissione ha completato la valutazione della conformità della domanda alle condizioni per la concessione di un contributo finanziario entro 12 settimane dal ricevimento della domanda completa;

16.  sottolinea che, conformemente all'articolo 9 del nuovo regolamento FEG, occorre assicurare che l'assistenza a titolo del FEG sia limitata al minimo necessario per garantire solidarietà e sostegno temporaneo, una tantum, ai beneficiari interessati, e che non sostituisca inoltre le azioni che sono di competenza delle imprese in forza della legislazione nazionale o dei contratti collettivi;

17.  accoglie con favore l'adozione del nuovo regolamento FEG che riflette l'accordo raggiunto tra il Parlamento e il Consiglio concernente la reintroduzione del criterio di mobilitazione a seguito della crisi, l'aumento del contributo finanziario dell'Unione al 60% dei costi totali stimati delle misure proposte, l'incremento dell'efficienza del trattamento delle domande d'intervento del FEG in seno alla Commissione e da parte del Parlamento e del Consiglio riducendo i tempi per la valutazione e l'approvazione, l'estensione delle azioni e dei beneficiari ammissibili ai lavoratori autonomi e ai giovani, nonché il finanziamento di incentivi per la creazione di imprese proprie;

18.  approva la decisione allegata alla presente risoluzione;

19.  incarica il suo Presidente di firmare tale decisione congiuntamente al Presidente del Consiglio e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea;

20.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione, compreso l'allegato, al Consiglio e alla Commissione.

(1) GU L 347 del 20.12.2013, pag. 855.
(2) GU L 347 del 20.12.2013, pag. 884.
(3) GU C 373 del 20.12.2013, pag. 1.
(4)Fonte: ELSTAT, Indagine sulla forza lavoro, quarto trimestre 2013.


ALLEGATO

DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

relativa alla mobilitazione del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione in conformità del punto 13 dell'accordo interistituzionale, del 2 dicembre 2013, tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria (domanda EGF/2014/001 EL/Nutriart, presentata dalla Grecia)

(Il testo dell'allegato non figura poiché esso corrisponde all'atto finale, la decisione 2014/698/UE.)

Avviso legale