Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2014/2844(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

RC-B8-0111/2014

Discussioni :

Votazioni :

PV 18/09/2014 - 10.7
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2014)0028

Testi approvati
PDF 146kWORD 65k
Giovedì 18 settembre 2014 - Strasburgo Edizione definitiva
Situazione in Libia
P8_TA(2014)0028RC-B8-0111/2014

Risoluzione del Parlamento europeo del 18 settembre 2014 sulla situazione in Libia (2014/2844(RSP))

Il Parlamento europeo,

–  viste le sue precedenti risoluzioni sulla Libia,

–  viste le conclusioni del Consiglio "Affari esteri" del 15 agosto 2014 e le conclusioni del Consiglio europeo del 30 agosto 2014 sulla Libia,

–  viste le dichiarazioni del vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza (VP/AR) del 26 agosto 2014,

–  visto il pacchetto PEV sulla Libia del settembre 2014,

–  vista la nomina, il 14 agosto 2014, di Bernardino León alla carica di rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Libia,

–  viste le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nn. 1970, 1973 (2011) e 2174 del 27 agosto 2014,

–  vista la relazione della missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) del 4 settembre 2014, intitolata "Overview of violations of international human rights and humanitarian law during the ongoing violence in Libya" (quadro d'insieme delle violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale durante le violenze in corso in Libia),

–  vista la riunione degli inviati speciali per la Libia della Lega araba, dell'Unione europea, della Francia, della Germania, dell'Italia, di Malta, della Spagna, del Regno Unito e degli Stati Uniti con le Nazioni Unite, del 24 luglio 2014, per discutere dei recenti sviluppi in Libia,

–  viste le elezioni politiche libiche tenutesi nel mese di giugno 2014,

–  visti le Convenzioni di Ginevra del 1949 e i loro protocolli aggiuntivi del 1977, come pure l'obbligo che incombe alle parti belligeranti di rispettare e garantire il rispetto del diritto umanitario internazionale in qualsiasi circostanza,

–  visti la Convenzione sulla sicurezza del personale delle Nazioni Unite e del personale associato e il suo protocollo facoltativo,

–  vista la decisione del Consiglio del 22 maggio 2013 che istituisce la missione dell'Unione europea di assistenza alle frontiere in Libia (EUBAM),

–  vista la ratifica da parte della Libia, in data 25 aprile 1981, della Convenzione dell'Unione africana che regola gli aspetti specifici dei problemi dei rifugiati in Africa,

–  visto l'articolo 123, paragrafi 2 e 4, del suo regolamento,

A.  considerando che nel febbraio 2011 i cittadini libici sono scesi in strada per ottenere diritti politici e hanno subito un'indiscriminata repressione dello Stato, il che ha scatenato nove mesi di conflitto civile e portato alla caduta del regime di Gheddafi; che nelle ultime settimane si è registrato un grave deterioramento della situazione della sicurezza, della stabilità politica, dei diritti umani e della situazione umanitaria in Libia;

B.  considerando che gli scontri tra milizie rivali, e più in particolare tra quelle di Misurata e Zintan, si sono intensificati negli ultimi mesi e i combattimenti per il controllo di Tripoli e Bengasi, in particolare, hanno destabilizzato la Libia e la sua transizione democratica, provocando un crescente numero di vittime civili, sfollati interni e rifugiati; che secondo le stime dell'UNSMIL, si è avuto uno sfollamento interno di almeno 100 000 cittadini libici con l'ultima ondata di scontri e che altri 150 000, tra cui molti lavoratori migranti, hanno abbandonato il paese;

C.  considerando che il 24 agosto 2014 le forze di una milizia di affiliazione islamista hanno preso il controllo di Tripoli e del suo aeroporto civile; che milizie di affiliazione islamista sono collegate a gruppi armati quali lo Stato islamico, AQIM, al-Jammaa al-Libiya, al-Moukatila e Ansar al-Charia;

D.  considerando che i recenti combattimenti rendono più probabile la minaccia di una proliferazione dei gruppi terroristici; che tale aspetto, in caso di mancato intervento, potrebbe inasprire una situazione già volatile nell'intera regione;

E.  considerando che la Libia si trova confrontata a una recrudescenza degli scontri tra gruppi armati locali, tra cui attacchi contro civili e proprietà private e massicce violazioni dei diritti umani, che costituiscono in alcuni casi crimini di guerra; che decine di civili sarebbero stati rapiti a Tripoli e Bengasi unicamente sulla base delle loro reali o sospette affiliazioni tribali, familiari o religiose; che gli autori delle violenze sembrano ignorare le possibili conseguenze delle loro azioni sui civili innocenti;

F.  considerando che la situazione dei diritti umani si sta ulteriormente deteriorando nel paese, ivi inclusi casi di detenzione arbitraria, rapimenti, omicidi colposi, torture e violenze contro giornalisti, funzionari, figure politiche e paladini dei diritti umani, come il brutale omicidio dell'attivista di spicco Salwa Bugaighis;

G.  considerando che i recenti scontri hanno provocato un generale deterioramento delle condizioni di vita in Libia, dove scarseggiano generi alimentari, carburanti, acqua ed energia elettrica; che la partenza del personale medico straniero e le carenze nelle forniture mediche hanno reso ancora più critica la già ardua situazione della popolazione civile;

H.  considerando che dal dicembre 2013, in conseguenze del deterioramento della situazione della sicurezza, sono stati uccisi o rapiti diversi cittadini stranieri; che ad agosto 2014 diversi Stati membri dell'UE si sono associati agli Stati Uniti nella ferma condanna delle continue violenze in Libia;

I.  considerando che il 25 giugno 2014 si sono svolte le elezioni legislative; che in seguito alle recenti violenze, la Camera dei rappresentanti legittimamente eletta, che sostituisce l'ex Congresso nazionale generale (CNG), è stata trasferita da Tripoli a Tobruk e che le milizie islamiste non riconoscono né la Camera dei rappresentanti né il nuovo governo e hanno formato un loro governo e parlamento;

J.  considerando che secondo gli organi d'informazione statali della Libia, l'Assemblea incaricata di redigere la Costituzione, eletta nel febbraio 2014 e composta da 60 rappresentanti delle tre regioni storiche della Libia, pubblicherà un progetto di Costituzione entro la fine del 2014, mentre il relativo referendum potrebbe svolgersi nel mese di marzo 2015;

K.  considerando che è urgentemente necessario ripristinare la credibilità del processo politico in Libia; che il diffuso scetticismo tra i comuni cittadini libici ha condotto a un'erosione della credibilità e a una bassa partecipazione alle recenti elezioni; che la minaccia al processo democratico, iniziato dopo la caduta del colonnello Gheddafi, si sta intensificando in conseguenza delle recenti violenze;

L.  considerando che all'UNSMIL è stato affidato il compito principale del consolidamento dello Stato e che l'Unione europea si è concentrata sul sostegno alla Libia attraverso l'EUBAM;

M.  considerando le notizie di un coinvolgimento di elementi esterni nelle violenze in Libia, anche sotto forma di azioni militari e la fornitura di armi e munizioni, nonché di interventi che inaspriscono le divisioni locali, con ripercussioni sulle deboli strutture di governance e minano la transizione democratica della Libia; che alcuni Stati del Golfo e alcuni altri attori regionali appoggiano attualmente le fazioni rivali nei crescenti disordini interni nel paese;

N.  considerando che la risoluzione 2174 (2014) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite autorizza il divieto di viaggio e il congelamento dei beni nei confronti delle persone ed entità che, secondo quanto stabilito dal Comitato delle Sanzioni, intraprendono o agevolano altri atti che minacciano la pace, la stabilità o la sicurezza della Libia, oppure ostacolano o mettono in pericolo il positivo completamento della sua transizione politica;

O.  considerando che centinaia di migranti e rifugiati in fuga dalle violenze in Libia sarebbero deceduti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l'Europa, causando una crisi di profughi su vasta scala in Italia e a Malta; che, secondo l'ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), dal giugno 2014 hanno perso la vita 1 600 persone nel tentativo di raggiungere l'Europa; che la Libia è il principale punto di partenza dei migranti che tentano di arrivare in Europa; che, stando alle stime dell'UNHCR, si ritiene che 98 000 delle circa 109 000 persone giunte in Italia dall'inizio del 2014 siano partite dalla Libia; considerando il timore che altri 500 migranti abbiano perso la vita dopo che l'imbarcazione su cui viaggiavano sarebbe stata speronata da un'altra nave nei pressi di Malta il 15 settembre 2014;

P.  considerando che il 26 febbraio 2011 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha deferito la situazione in Libia alla Corte penale internazionale (CPI); che il 27 giugno 2011 la CPI ha emesso tre ordini di cattura nei confronti di Muammar Gheddafi, Saif al-Islam Gheddafi e Abdullah Al-Senussi per crimini contro l'umanità; che le altre persone sospettate non sono sotto la custodia della Corte; che le autorità libiche hanno insistito sulla necessità di processarle nell'ambito dell'ordinamento giuridico interno della Libia;

Q.  considerando che il 25 agosto 2014 si è tenuta in Egitto la terza riunione ministeriale per i paesi limitrofi della Libia, cui hanno partecipato i ministri degli Esteri di Libia, Tunisia, Algeria, Sudan, Niger e Ciad, nonché della Lega Araba, per discutere della crisi libica; che il consesso ha rilasciato un comunicato stampa in cui si ribadisce la legittimità delle istituzioni libiche e si rifiuta qualsiasi interferenza esterna, auspicando il disarmo delle milizie e proponendo la creazione di un graduale meccanismo sanzionatorio contro gli individui o le entità che bloccano il processo di pace;

1.  condanna la crescente violenza, in particolare contro la popolazione civile e le istituzioni civili; invita tutte le parti belligeranti a cessare immediatamente qualsiasi violenza e a trovare un accordo su un cessate il fuoco onde porre fine alle crescenti sofferenze della popolazione, nonché ad avviare un dialogo politico nazionale inclusivo ai fini della creazione di uno Stato fondato sul rispetto dei diritti umani, della democrazia e della legalità; chiede che i responsabili delle violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale siano chiamati a rispondere delle loro azioni; esprime profonda preoccupazione e piena solidarietà con la popolazione civile e le istituzioni civili libiche che ne subiscono le conseguenze;

2.  esorta tutte le parti belligeranti a rispettare i principi di umanità, neutralità, imparzialità e indipendenza al fine di garantire l'erogazione di aiuti umanitari, l'incolumità dei civili che beneficiano di tale assistenza e la sicurezza del personale umanitario;

3.  ricorda la necessità che tutte le parti in Libia si impegnino a proteggere sistematicamente i civili e che tutti i detenuti siano trattati nel rispetto dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale; ricorda altresì che gli attacchi intenzionali contro il personale che presta assistenza umanitaria o che partecipa a missioni di mantenimento della pace nel rispetto della Carta delle Nazioni Unite, ai fini della protezione di civili o di beni civili ai sensi del diritto internazionale in materia di conflitti armati, costituiscono crimini di guerra in virtù dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale;

4.  rileva l'incidenza della generale situazione di insicurezza e del peggioramento della governance in Libia sulla sicurezza regionale ed europea; rammenta che i combattimenti avvenuti nei mesi di luglio e agosto 2014 per il controllo dell'aeroporto di Tripoli hanno comportato una drammatica escalation delle violenze e sprofondato il paese nel caos, provocando numerose vittime e la distruzione di infrastrutture strategiche;

5.  è profondamente preoccupato per le notizie circa il coinvolgimento di attori regionali nelle violenze in Libia e chiede ai paesi limitrofi e agli attori regionali di astenersi dal compiere azioni suscettibili di aggravare le attuali divisioni e compromettere la transizione democratica della Libia; li invita altresì a rafforzare i controlli alle loro frontiere, incluse quelle portuali e aeroportuali, e a mantenere le ispezioni rigorose di tutti i carichi da e verso la Libia; plaude all'ospitalità offerta dalla Tunisia a centinaia di migliaia di cittadini libici in fuga dalle violenze;

6.  ricorda la risoluzione 2174 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, approvata il 27 agosto 2014, che inasprisce le attuali sanzioni internazionali nei confronti della Libia includendovi la responsabilità penale di chi partecipa o sostiene atti che minacciano la pace, la stabilità o la sicurezza del paese o che ostacolano o pregiudicano il positivo completamento della sua transizione politica; invita l'Alto rappresentante, l'Unione europea, i suoi Stati membri e la comunità internazionale in senso lato a prendere in considerazione la possibilità di applicare tali misure a determinati individui che minacciano le prospettive di pace e di transizione democratica della Libia e a stilare un elenco specifico di tali soggetti, analogamente a quanto era avvenuto per Gheddafi e la sua cerchia ristretta;

7.  rammenta la necessità che le parti belligeranti rispondano delle loro azioni e siano perseguibili dinanzi alle giurisdizioni nazionali o alla Corte penale internazionale, che è competente per i crimini di guerra, i crimini contro l'umanità, i genocidi e le violenze carnali equiparate a crimini di guerra perpetrati in Libia dal 15 febbraio 2011, in virtù della risoluzione 1970 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite;

8.  sostiene fermamente gli sforzi compiuti dalla missione delle Nazioni Unite di sostegno in Libia (UNSMIL) e dal neodesignato inviato speciale delle Nazioni Unite per la Libia, Bernardino León, al fine di promuovere e agevolare il dialogo nazionale tra politici e attori influenti nel paese; esorta la comunità internazionale ad intraprendere iniziative riguardo alla situazione in Libia attraverso le Nazioni Unite;

9.  sostiene la Camera dei rappresentanti quale organo legittimo scaturito dalle elezioni del giugno 2014; invita il governo libico ad interim, la Camera dei rappresentanti eletta e l'Assemblea incaricata della redazione della nuova Costituzione ad assolvere ai propri compiti nel rispetto dello Stato di diritto e dei diritti umani, in uno spirito improntato all'inclusione, nell'interesse del paese e con l'obiettivo di tutelare i diritti di tutti i cittadini libici, incluse le minoranze religiose; sollecita tutte le parti a sostenere questi organi e ad avviare un dialogo politico inclusivo che consenta di ripristinare la stabilità e di concordare la via da seguire; invita i membri della Camera dei rappresentanti a visitare il Parlamento europeo e a incontrare i suoi nuovi deputati onde instaurare relazioni parlamentari con essi;

10.  riconosce il ruolo fondamentale che le donne hanno svolto nella transizione della Libia e sottolinea l'importanza della piena partecipazione delle donne al processo decisionale del paese e alla creazione di istituzioni nazionali a tutti i livelli;

11.  sottolinea che lo sfruttamento e la vendita del petrolio devono essere gestiti dalle autorità libiche, e invita la comunità internazionale ad astenersi da qualsiasi transazione con altri soggetti; chiede che le società internazionali attive in Libia rendano note le proprie operazioni finanziarie nel settore energetico;

12.  invita la Commissione e il SEAE a coordinare gli interventi degli Stati membri in Libia e a focalizzare la loro assistenza sul consolidamento dello Stato e delle istituzioni e, insieme agli Stati membri, alle Nazioni Unite, alla NATO e ai partner regionali, a coadiuvare la creazione di forze di sicurezza efficaci (forze armate e di polizia), sotto il comando e il controllo nazionale, in grado di garantire la pace e l'ordine nel paese, nonché a sostenere la conclusione di un cessate il fuoco e a mettere a punto un meccanismo per il suo monitoraggio; sottolinea la necessità che l'Unione europea privilegi anche l'assistenza alla riforma del sistema giudiziario libico, come pure di altri settori cruciali per la governance democratica;

13.  rileva che la missione di assistenza alle frontiere (EUBAM) istituita dall'Unione in Libia non è finora riuscita a raggiungere il proprio obiettivo di migliorare la sicurezza delle frontiere del paese; osserva che questa missione è attualmente sospesa e che la maggior parte del suo personale è stata rimpatriata a causa delle condizioni di sicurezza, ad eccezione di una piccola squadra trasferita a Tunisi; sottolinea che un contributo dell'Unione alla sicurezza incentrato unicamente sulla sicurezza delle frontiere è palesemente insufficiente oltre ad essere incoerente sia con le necessità del paese che con le sfide per la sicurezza regionale, inclusa quella dell'UE; invita pertanto l'alto rappresentante a rivedere il mandato della missione dell'Unione europea di assistenza alle frontiere al fine di definire una nuova missione nell'ambito della PSDC che tenga conto della mutata situazione in Libia, soprattutto per quanto riguarda l'urgente necessità di costruzione dello Stato, rafforzamento delle istituzioni e riforma del settore della sicurezza;

14.  ribadisce la propria preoccupazione per la proliferazione di armi, munizioni ed esplosivi come pure per il contrabbando di armi in Libia, che rappresentano un rischio per la stabilità nel paese e per la sua popolazione;

15.  esprime profonda preoccupazione per l'arrivo sulle coste italiane e maltesi di un numero inaudito di richiedenti asilo e migranti irregolari, molti dei quali in partenza dal territorio libico; chiede all'Unione europea di dar seguito alle priorità individuate nell'ambito della task force per il Mediterraneo e di avviare un dialogo politico sulle tematiche della migrazione con il governo libico non appena le condizioni lo consentiranno; esprime profondo rammarico per la morte di altre 500 persone dovuta alla presunta collisione tra l'imbarcazione su cui viaggiavano e un'altra nave nelle vicinanze di Malta;

16.  invita l'UE e gli Stati membri ad aiutare e sostenere efficacemente l'Italia nel suo lodevole impegno volto a salvare vite umane e a far fronte ai flussi migratori in vertiginosa ascesa provenienti dal Nord Africa, in particolare dalla Libia;

17.  chiede che l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati in Libia sia riaperto e possa operare senza restrizioni; invita l'Unione a continuare a offrire assistenza umanitaria, finanziaria e politica nelle aree di crisi del Nord Africa e del Medio Oriente onde affrontare alla radice le cause delle pressioni migratorie e umanitarie;

18.  è profondamente preoccupato per la crescente presenza di gruppi e individui dediti al terrorismo legati ad Al Qaeda e operanti in Libia, e ribadisce la necessità di contrastare con ogni mezzo le minacce alla pace e alla sicurezza internazionali poste dagli atti terroristici, conformemente alla Carta delle Nazioni Unite e al diritto internazionale, incluso il diritto internazionale applicabile in materia di diritti umani, di rifugiati e di questioni umanitarie;

19.  ribadisce il fermo sostegno e il costante impegno dell'UE a favore delle aspirazioni democratiche del popolo libico, in particolare nel contesto dell'attuale crisi e della transizione democratica del paese; chiede che l'UE partecipi in misura ancora maggiore al sostegno a favore della stabilità e della transizione democratica in Libia;

20.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, al governo e alla Camera dei rappresentanti della Libia, al Segretario generale delle Nazioni Unite, alla Lega araba e all'Unione africana.

Avviso legale