Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2016/2000(IMM)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0062/2016

Testi presentati :

A8-0062/2016

Discussioni :

Votazioni :

PV 12/04/2016 - 5.6
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2016)0099

Testi approvati
PDF 156kWORD 62k
Martedì 12 aprile 2016 - Strasburgo Edizione definitiva
Richiesta di revoca dell'immunità di Hermann Winkler
P8_TA(2016)0099A8-0062/2016

Decisione del Parlamento europeo del 12 aprile 2016 sulla richiesta di revoca dell'immunità di Hermann Winkler (2016/2000(IMM))

Il Parlamento europeo,

–  vista la richiesta di revoca dell'immunità di Hermann Winkler, trasmessa il 25 settembre 2015 dalla Procura di Lipsia, nel quadro di un'indagine preliminare riguardante un incidente stradale con il riferimento 600 AR 3037/15, e comunicata in Aula il 14 dicembre 2015,

–  visto che Hermann Winkler ha rinunciato al diritto di essere ascoltato in conformità dell'articolo 9, paragrafo 5, del regolamento,

–  visti gli articoli 8 e 9 del protocollo n. 7 sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea e l'articolo 6, paragrafo 2, dell'atto relativo all'elezione dei membri del Parlamento europeo a suffragio universale diretto, del 20 settembre 1976,

–  viste le sentenze pronunciate dalla Corte di giustizia dell'Unione europea il 12 maggio 1964, 10 luglio 1986, 15 e 21 ottobre 2008, 19 marzo 2010, 6 settembre 2011 e 17 gennaio 2013(1),

–  visto l'articolo 46 della Legge fondamentale tedesca (Grundgesetz),

–  visti l'articolo 5, paragrafo 2, l'articolo 6, paragrafo 1, e l'articolo 9 del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione giuridica (A8-0062/2016),

A.  considerando che la Procura di Lipsia (Germania) ha richiesto la revoca dell'immunità parlamentare di Hermann Winkler, deputato al Parlamento europeo, nel quadro dell'avvio di un procedimento d'inchiesta in merito a un presunto reato;

B.  considerando che, ai sensi dell'articolo 9 del protocollo sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea, i deputati beneficiano sul territorio nazionale delle immunità riconosciute ai membri del parlamento del loro paese;

C.  considerando che, a norma dell'articolo 46, paragrafo 2, della Legge fondamentale tedesca (Grundgesetz), un deputato può essere chiamato a rispondere di un reato perseguibile solo dopo l'autorizzazione del parlamento, a meno che non sia colto nell'atto di commettere il fatto o durante il giorno successivo;

D.  considerando che la richiesta riguarda un'indagine preliminare in merito a un grave incidente stradale che ha avuto luogo il 23 settembre 2015 e in cui è stato coinvolto Hermann Winkler;

E.  considerando che l'azione penale non riguarda opinioni o voti espressi da un deputato del Parlamento europeo nell'esercizio delle sue funzioni ai sensi dell'articolo 8 del protocollo n. 7 sui privilegi e sulle immunità dell'Unione europea;

F.  considerando che, alla luce delle informazioni acquisite dalla commissione, non vi è motivo di ritenere che l'intento sotteso al procedimento penale sia di danneggiare l'attività politica del deputato (fumus persecutionis);

G.  considerando che il presunto reato non è evidentemente connesso alla posizione di Hermann Winkler di deputato al Parlamento europeo;

H.  considerando che, nel caso in questione, risulta quindi opportuno revocare l'immunità parlamentare;

1.  decide di revocare l'immunità di Hermann Winkler;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere immediatamente la presente decisione e la relazione della sua commissione competente alle autorità tedesche e a Hermann Winkler.

(1) Sentenza della Corte di giustizia del 12 maggio 1964, Wagner/Fohrmann e Krier, 101/63, ECLI:EU:C:1964:28; sentenza della Corte di giustizia del 10 luglio 1986, Wybot/Faure e altri, 149/85, ECLI:EU:C:1986:310; sentenza del Tribunale del 15 ottobre 2008, Mote/Parlamento, T-345/05, ECLI:EU:T:2008:440; sentenza della Corte di giustizia del 21 ottobre 2008, Marra/De Gregorio e Clemente, C-200/07 e C-201/07, ECLI:EU:C:2008:579; sentenza del Tribunale del 19 marzo 2010, Gollnisch/Parlamento, T-42/06, ECLI:EU:T:2010:102; sentenza della Corte di giustizia del 6 settembre 2011, Patriciello, C-163/10, ECLI:EU:C:2011:543; sentenza del Tribunale del 17 gennaio 2013, Gollnisch/Parlamento, T-346/11 e T-347/11, ECLI:EU:T:2013:23.

Avviso legale