Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2016/2584(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : B8-0449/2016

Testi presentati :

B8-0449/2016

Discussioni :

Votazioni :

Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2016)0122

Testi approvati
PDF 191kWORD 86k
Mercoledì 13 aprile 2016 - Strasburgo Edizione definitiva
Epidemia del virus Zika
P8_TA(2016)0122B8-0449/2016

Risoluzione del Parlamento europeo del 13 aprile 2016 sull'epidemia del virus Zika (2016/2584(RSP))

Il Parlamento europeo,

–  vista la dichiarazione dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) del 1° febbraio 2016, con la quale l'epidemia del virus Zika è stata dichiarata un'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale,

–  vista la decisione n. 1082/2013/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2013, relativa alle gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero e che abroga la decisione n. 2119/98/CE(1),

–  visto il regolamento (UE) n. 1291/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 dicembre 2013, che istituisce il programma quadro di ricerca e innovazione (2014-2020) – Orizzonte 2020(2),

–  vista l'interrogazione alla Commissione sull'epidemia del virus Zika (O-000030/2016 – B8-0119/2016),

–  visti l'articolo 128, paragrafo 5, e l'articolo 123, paragrafo 2, del suo regolamento,

A.  considerando che il 1° febbraio 2016 l'OMS ha dichiarato l'epidemia del virus Zika un'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale;

B.  considerando che il virus Zika è un virus emergente trasmesso dalle zanzare che è stato isolato per la prima volta nel 1947 nei macachi rhesus della foresta Zika, in Uganda, attraverso una rete di monitoraggio della febbre gialla silvestre;

C.  considerando che focolai sporadici di infezioni da virus Zika sono stati registrati in due regioni facenti parte dell'Unione europea, la Martinica e la Guyana francese, nonché in Africa, nelle Americhe, in Asia e nella regione del Pacifico, e che nell'Unione europea sono stati segnalati casi di infezione, in particolare nei territori d'oltremare della Guadalupa e di Saint-Martin;

D.  considerando che nel 2007 il virus ha fatto per la prima volta la sua comparsa al di fuori delle regioni endemiche conosciute, causando un'epidemia nelle isole Yap, negli Stati federati di Micronesia, cui hanno fatto seguito una vasta epidemia nella Polinesia francese nel 2013-2014 e la successiva diffusione del virus in vari paesi dell'Oceania, tra cui la Nuova Caledonia e le Isole Cook; che, mentre si riteneva in generale che il virus causasse nell'uomo solo patologie lievi, l'epidemia in Polinesia ha rivelato che esso è in grado di provocare complicazioni neurologiche, come la sindrome di Guillain–Barré e la meningoencefalite;

E.  considerando che, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), nella maggior parte dei casi (80 % circa) l'infezione resta asintomatica;

F.  considerando che la maggiore epidemia di Zika virus si è registrata in Brasile, segnatamente nel nordest del paese;

G.  considerando che nel novembre 2015 il ministero brasiliano della Salute ha proclamato lo stato di emergenza pubblica a causa dell'insolito aumento del numero di neonati affetti da microcefalia registrato nel 2015 nello Stato di Pernambuco; che questa impennata del numero di casi riguarda principalmente le forme più gravi di microcefalia, ma che secondo alcune relazioni la prevalenza di forme meno gravi di tale patologia era eccezionalmente elevata anche pochi anni prima l'epidemia di Zika scoppiata nel 2015;

H.  considerando che il ciclo di vita delle zanzare dipende dal clima, dall'habitat e dalla biodiversità e che la diffusione delle zanzare è favorita da fattori antropici come il cambiamento climatico, gli habitat acquatici artificiali, la deforestazione, l'urbanizzazione e la mancanza di strutture igienico-sanitarie, i rifiuti urbani, i conflitti e i viaggi;

I.  considerando che l'epidemia del virus Zika ha messo a nudo le disparità esistenti nei paesi interessati, anche per quanto riguarda i sistemi sanitari pubblici e le condizioni di vita, e colpisce soprattutto gli strati più poveri della società, che spesso vivono accanto a fonti di acqua all'aria aperta e sono mal preparati a prevenire e combattere la malattia; che le donne continuano a rappresentare la maggioranza della popolazione povera mondiale e che sono particolarmente a rischio, in quanto è ad esse che, all'interno delle famiglie, incombe la responsabilità primaria dell'alimentazione, della disponibilità di acqua pulita, dell'igiene e della crescita di eventuali figli affetti da sindromi associate alla microcefalia, compito, questo, che potrebbe richiedere risorse finanziarie supplementari, soprattutto in mancanza di strutture di sostegno adeguate o abbordabili;

J.  considerando che in vari paesi europei sono stati segnalati casi di infezione da virus Zika di importazione; che l'11 febbraio 2016 l'ECDC ha riportato un caso di microcefalia in una donna incinta in Slovenia, che durante la gravidanza aveva contratto un'infezione simile a quella del virus Zika mentre si trovava in Brasile;

K.  considerando che alla data del 9 febbraio 2016 non erano stati segnalati casi di trasmissione autoctona del virus Zika sul continente europeo, mentre sono stati segnalati alcuni casi nelle regioni ultraperiferiche dell'Unione europea;

L.  considerando che la comparsa del virus è stata associata a una concentrazione di casi di microcefalia e di altre patologie neurologiche, tra cui la sindrome di Guillain-Barré; che il 1° febbraio 2016 l'OMS ha dichiarato che esiste il forte sospetto, sebbene non ancora scientificamente provato, di un nesso causale tra l'infezione da Zika virus in gravidanza e la microcefalia;

M.  considerando che, in base a un corpus crescente di ricerche preliminari, vi è consenso scientifico nel ritenere che il virus Zika sia una delle cause di microcefalia(3), una condizione che danneggia le cellule fetali che formano il cervello(4) per cui i bambini che ne sono affetti nascono con una scatola cranica insolitamente piccola e presentano spesso ritardi nello sviluppo cerebrale, che esso sembri in grado di danneggiare il feto nel corso dell'intera gravidanza(5) e che sia inoltre all'origine della sindrome di Guillain-Barré; che l'incertezza sulla salute del nascituro, così come l'incertezza circa i meccanismi di trasmissione, pone le donne e le ragazze, in particolare le donne incinte e le loro famiglie, in una posizione incredibilmente difficile, soprattutto per quanto riguarda la loro salute e le ripercussioni a lungo termine per le famiglie, e che tali incertezze non dovrebbero in alcun caso essere utilizzate per rinviare decisioni e interventi urgenti, necessari per risolvere la crisi;

N.  considerando che la microcefalia ha potenzialmente molte cause, ma che la sua origine rimane spesso sconosciuta; che, in mancanza di un trattamento specifico per tale patologia, è importante disporre di equipe multidisciplinari per esaminare e assistere i neonati e i bambini affetti da microcefalia, che un intervento precoce, con programmi di stimolazione e di gioco, può avere un impatto positivo sullo sviluppo dei bambini e che la consulenza e il sostegno alle famiglie sono altresì estremamente importanti;

O.  considerando che ricercatori argentini e brasiliani hanno associato la concentrazione di casi di microcefalia in Brasile al piriproxifene, un larvicida utilizzato nel 2014 nelle riserve di acqua potabile delle zone colpite del Brasile; che, alla luce di tale possibilità, il governo locale del Rio Grande do Sul, nella parte meridionale del Brasile, ha sospeso l'utilizzo di questo larvicida a partire dal 13 febbraio 2016, contro il parere del ministero della Salute e conformemente al principio di precauzione;

P.  considerando che la microcefalia è stata esclusa in più di 700 dei 4 783 casi segnalati dall'ottobre 2015;

Q.  considerando che solo 17 dei 404 bambini affetti da microcefalia confermata sono risultati positivi al virus Zika;

R.  considerando che l'epidemia del virus Zika interessa i territori europei d'oltremare sin dal 2013;

S.  considerando che vi è il rischio che nell'estate del 2016 si verifichi in Europa una trasmissione autoctona tramite vettori;

T.  considerando che attualmente non è disponibile un vaccino o un trattamento specifico, ma che una società indiana, la Bharat Biotech, ha annunciato il 3 febbraio 2016 che sta sviluppando due possibili vaccini, un vaccino ricombinante e un vaccino inattivato che ha raggiunto la fase della sperimentazione preclinica sugli animali;

U.  considerando che il virus Zika può essere trasmesso sessualmente(6),(7) e che l'OMS ha dichiarato che la trasmissione sessuale è "relativamente comune(8)";

V.  considerando che sono stati segnalati anche casi di trasmissione del virus tramite trasfusione di sangue;

W.  considerando che vi è il rischio concreto di una diffusione transfrontaliera dell'infezione da virus Zika riconducibile agli spostamenti di viaggiatori infetti e al commercio mondiale;

1.  riconosce che la trasmissione del virus Zika all'uomo avviene prevalentemente attraverso la puntura di una zanzara del genere Aedes infetta, principalmente la zanzara Aedes aegypti nelle regioni tropicali, la stessa zanzara che è anche il vettore di dengue, chikungunya e febbre gialla;

2.  rileva che, secondo la valutazione dell'ECDC, non essendo disponibili né un vaccino né una cura, e dal momento che le zanzare che trasmettono il virus Zika pungono sia al chiuso che all'aperto, prevalentemente durante il giorno, la prevenzione si basa attualmente su misure di protezione personali, come indossare indumenti a maniche lunghe e pantaloni lunghi impregnati di permetrina (soprattutto durante le ore in cui la zanzara che è vettore del virus Zika è più attiva) e dormire o riposare in ambienti protetti o dotati di aria condizionata, o utilizzare altrimenti zanzariere;

3.  sottolinea l'importanza di definire piani di comunicazione al livello più opportuno per sensibilizzare la popolazione e promuovere un comportamento adeguato per evitare le punture di zanzara;

4.  plaude al costante monitoraggio della situazione da parte dell'ECDC; invita l'ECDC ad aggiornare periodicamente le sue valutazioni del rischio e i bollettini epidemiologici; ritiene che l'ECDC debba istituire una commissione di esperti sulle malattie tropicali trasmissibili per coordinare e monitorare efficacemente tutte le misure da porre in essere nell'Unione europea;

5.  valuta positivamente la decisione della Commissione di stanziare 10 milioni di EUR per la ricerca sul virus Zika e raccomanda di concentrarsi sui casi di gravi malformazioni cerebrali congenite in America latina e sul loro sospetto collegamento con l'infezione da virus Zika; si domanda, tuttavia, se questo importo sia commisurato alla considerevole sfida scientifica rappresentata dal tentativo di contribuire alla comprensione dell'infezione da virus Zika e delle sue complicanze neurologiche e di sviluppare test diagnostici e cure in proposito;

6.  osserva che il virus Zika è stato rilevato in 28 paesi e che le sue conseguenze possono cambiare la vita delle persone, in particolare nel caso delle donne giovani e povere, la maggior parte delle quali vive nelle regioni meno sviluppate di tali paesi; sottolinea che, in vista della probabile ulteriore diffusione dell'infezione, è necessario che la comunità internazionale metta rapidamente in pratica gli insegnamenti tratti dalla crisi dell'Ebola dello scorso anno;

7.  sottolinea che la ricerca dovrebbe concentrarsi soprattutto sulle misure preventive, intese a impedire la diffusione del virus, e sulle cure; chiede che l'attività di ricerca sul virus Zika si sviluppi su tre fronti: studio del forte sospetto di un legame tra il virus Zika e le malformazioni cerebrali congenite, sviluppo di cure e vaccini e messa a punto di test per una diagnosi rapida ed efficace;

8.  sottolinea la necessità di ulteriori ricerche sul possibile collegamento tra la microcefalia e il larvicida piriproxifene, dal momento che non vi sono dati scientifici che escludano tale collegamento;

9.  sottolinea che la ricerca non dovrebbe trascurare altre cause possibili e complementari della microcefalia;

10.  evidenzia che esistono ulteriori possibilità di finanziamento a titolo di Orizzonte 2020 e del 7° PQ per la ricerca sullo sviluppo dei vaccini per la malaria e le malattie infettive dimenticate, tra cui il virus Zika;

11.  invita la Commissione a garantire che, qualora siano investiti fondi pubblici dell'UE nella ricerca, i risultati di tale ricerca non siano soggetti a diritti di proprietà intellettuale e che i prodotti sviluppati in tale contesto abbiano prezzi accessibili per i pazienti;

12.  sollecita la Commissione a proporre misure specifiche per le regioni europee già colpite dal virus Zika nell'ottica di eliminare tutti i possibili vettori di trasmissione in tali regioni, di fornire assistenza alle persone contagiate, in particolare alle donne incinte, e di evitare una trasmissione più ampia del virus in dette regioni e in altre parti del continente europeo;

13.  invita la Commissione a proporre un piano d'azione volto a prevenire la diffusione del virus in Europa e a fornire assistenza agli Stati membri e ai paesi terzi impegnati a contrastare l'epidemia nelle regioni più colpite (segnatamente i Caraibi e l'America centrale e meridionale); osserva che tale piano d'azione dovrebbe prevedere la distribuzione gratuita e mirata di sufficienti barriere meccaniche, tra cui reti (per evitare le punture di zanzara) e preservativi (per evitare la trasmissione sessuale); invita la Commissione a mettere a punto un protocollo di gestione per i cittadini che per il loro contesto epidemiologico rischiano di essere portatori dell'infezione da virus Zika, con l'obiettivo di interrompere efficacemente la catena della trasmissione per via sessuale ed ematica grazie all'individuazione precoce del virus;

14.  sottolinea la necessità di un approccio che tenga conto della dimensione di genere al momento di discutere i finanziamenti e di valutare le esigenze dei laboratori, in considerazione delle difficoltà legate alla sperimentazione e allo sviluppo di vaccini sicuri, efficaci, a prezzi accessibili e che possano essere somministrati alle donne incinte, che sono spesso escluse dalle prime fasi della sperimentazione clinica; esorta i donatori finanziari a restare realisti in merito ai costi previsti per lo sviluppo di tali vaccini, in particolare al momento di assegnare i finanziamenti dell'UE per la ricerca, e ad attribuire la massima priorità alla sicurezza di donne e ragazze;

15.  sottolinea che il virus Zika ha messo in luce le debolezze che caratterizzano sia la risposta dei sistemi sanitari pubblici, in particolare al livello dell'assistenza primaria, sia la fornitura di servizi per la salute riproduttiva e i relativi diritti di donne e ragazze nei paesi colpiti, segnatamente per quanto concerne le informazioni e l'assistenza sanitaria durante e dopo la gravidanza nonché la prevenzione e l'interruzione delle gravidanze, e rileva che i funzionari governativi di questi paesi hanno consigliato alle donne di rimandare le gravidanze fino a quando non saranno disponibili maggiori informazioni sul virus Zika;

16.  riconosce la necessità di rafforzare la capacità dei laboratori di confermare i possibili casi di infezione da virus Zika nei paesi UE/SEE per distinguere le infezioni causate da tale virus da altre infezioni arbovirali (ad esempio dengue e chikungunya); invita gli Stati membri e la Commissione a coordinare le attività di ricerca tra i laboratori che studiano il virus Zika e a promuovere la creazione di tali laboratori negli Stati membri in cui non esistono ancora;

17.  sollecita l'UE e gli Stati membri a proporre strategie che contribuiscano a mettere in collegamento i produttori di vaccini, i centri per la prevenzione e il controllo delle malattie nonché altre agenzie per la sanità pubblica e altri fornitori di servizi sanitari a livello nazionale e statale, nell'ottica di promuovere uno scambio di dati e analisi statistiche;

18.  pone l'accento sull'importanza di sensibilizzare le ostetriche, i pediatri e i neurologi affinché verifichino l'eventuale infezione da virus Zika nei pazienti che si sono recati in Brasile e in altri paesi colpiti dopo il 2014 come pure in quelli affetti da malformazioni congenite del sistema nervoso centrale, microcefalia e sindrome di Guillain-Barré (GBS);

19.  rileva con preoccupazione che in molti dei paesi colpiti la gravidanza non è semplicemente una scelta, in particolare nei paesi in cui persistono tassi elevati di violenza sessuale; invita l'UE ad aiutare i paesi colpiti a garantire l'accesso universale all'assistenza sanitaria di base, inclusi le cure prenatali e postnatali e i test diagnostici per il virus Zika, e sollecita l'Unione a fornire assistenza ai governi dei paesi colpiti nella fornitura di un pacchetto completo comprendente informazioni e assistenza sanitaria in relazione alla salute sessuale e riproduttiva, tra cui le possibilità di pianificazione familiare, ponendo l'accento sull'accesso a diversi metodi contraccettivi di elevata qualità per tutte le donne e le ragazze e sulla possibilità di abortire in modo sicuro per combattere l'incremento degli aborti praticati in condizioni di rischio registrato dall'inizio dell'epidemia; chiede, in questo contesto, l'avvio del necessario dialogo in materia di contraccezione e diritti delle donne e delle ragazze con i paesi partner;

20.  sottolinea che, al 10 febbraio 2016, 25 paesi UE/SEE, gli Stati Uniti e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie hanno consigliato alle donne incinte e alle donne intenzionate a iniziare una gravidanza di rimandare i viaggi nelle zone colpite dal virus Zika;

21.  osserva che allo stato attuale non esistono profilassi, cure o vaccini contro l'infezione da virus Zika e vi è il rischio che durante la stagione estiva 2016 l'infezione si diffonda in Europa tramite vettori locali; invita pertanto la Commissione a valutare immediatamente gli insetticidi in termini di effetti sulla salute umana ed efficacia contro le zanzare che agiscono da vettori dell'infezione; invita inoltre la Commissione a coordinare un insieme di orientamenti sulla prevenzione, che le autorità nazionali metteranno in pratica durante l'estate;

22.  rileva che è stato pubblicato un algoritmo di controllo per le donne incinte che rientrano da una zona in cui sono stati registrati casi di trasmissione del virus Zika; sottolinea tuttavia che le autorità sanitarie non hanno ancora affrontato le questioni della prolungata presenza del virus Zika nello sperma e della trasmissione documentata del virus attraverso i rapporti sessuali, che possono avere implicazioni per i viaggiatori maschi che rientrano dalle regioni in cui sono stati registrati casi di trasmissione; ritiene, in considerazione del fatto che l'infezione è spesso asintomatica, che si dovrebbe consigliare ai viaggiatori maschi che si sono recati in una regione con casi di trasmissione del virus di utilizzare il preservativo fino a quando non saranno disponibili dati certi sulla portata di questa modalità di trasmissione;

23.  invita la Commissione e gli Stati membri, alla luce delle raccomandazioni dell'OMS sulla prevenzione nei paesi europei, a rafforzare sensibilmente il monitoraggio delle specie di zanzare invasive e a potenziare le misure di controllo delle zanzare eliminando i siti di riproduzione (come le acque stagnanti) e prevedendo lo spargimento di insetticidi in caso di epidemia, nonché a migliorare i tassi di disinfezione dei carichi, dei portacarichi, della cabina e dei compartimenti passeggeri degli aerei che provengono dai paesi colpiti dal virus;

24.  sollecita le ambasciate dell'UE e degli Stati membri a fornire informazioni e assistenza ai cittadini dell'Unione che vivono o viaggiano nelle zone colpite;

25.  invita le compagnie aeree dell'UE e dei paesi terzi a provvedere alla debita e opportuna disinfezione degli aerei provenienti dalle zone colpite;

26.  invita l'UE a consultare gli Stati membri e i paesi terzi (amministrazioni nazionali, regionali e locali) che hanno maturato esperienza in termini di monitoraggio, sensibilizzazione, prevenzione e/o contrasto della zanzara Aedes, tra cui il governo regionale di Madera e il comune di Funchal, che hanno oltre dieci anni di esperienza al riguardo, nonché le regioni ultraperiferiche e i territori d'oltremare francesi, che dispongono di un'esperienza di lunga data in relazione alle malattie emergenti trasmesse da vettori e in particolare al virus Zika, nell'ottica di mettere a punto una strategia dell'Unione per combattere tale virus;

27.  pone l'accento sulla necessità di un approccio coordinato a livello dell'UE e internazionale nella lotta contro tale epidemia; valuta positivamente, in questo contesto, l'istituzione di un Corpo medico europeo e ritiene che esso potrà fornire un contributo importante nella mobilitazione del personale e del materiale medico e di sanità pubblica per combattere il virus Zika, se necessario; invita inoltre la Commissione a definire urgentemente una strategia dell'UE orizzontale in materia di sanità globale volta a realizzare il nuovo quadro di sviluppo sostenibile e i suoi obiettivi;

28.  chiede alla Commissione di contribuire al monitoraggio della diffusione del virus Zika anche nei paesi in via di sviluppo, in collaborazione con altri partner, nonché di integrare risposte adeguate in termini di sviluppo delle capacità sanitarie, formazione del personale sanitario, sorveglianza epidemiologica, educazione e mobilitazione della comunità e controllo delle popolazioni di zanzare nei programmi di sviluppo esistenti specifici per paese, in collaborazione con i paesi colpiti;

29.  pone l'accento sulla necessità che qualsiasi proposta si basi su un ampio ventaglio di studi epidemiologici riguardanti non solo gli effetti del virus Zika, ma anche altre cause di tali effetti;

30.  invita gli Stati membri a sensibilizzare i medici e i centri di medicina di viaggio in merito all'evoluzione dell'epidemia del virus Zika e alle misure di controllo dei vettori stabilite dalle autorità delle zone colpite, in modo che possano includere l'infezione da virus Zika nelle loro diagnosi differenziali per i residenti e i viaggiatori provenienti da tali zone e prepararsi in caso fosse necessario mettere in quarantena i viaggiatori che potrebbero aver contratto il virus, onde evitare la trasmissione autoctona; chiede alle autorità sanitarie nazionali di organizzare una campagna di informazione coordinata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie con l'obiettivo di informare e rassicurare i cittadini europei e di evitare allarmismi ingiustificati;

31.  invita la Commissione e gli Stati membri a rafforzare la vigilanza in materia di individuazione precoce dei casi di infezione di virus Zika da importazione nell'UE, ivi inclusi i paesi e i territori d'oltremare e le regioni ultraperiferiche dell'Unione, segnatamente in presenza di vettori o potenziali vettori, al fine di ridurre il rischio di trasmissione autoctona; riconosce inoltre che esiste il rischio, sebbene sia probabilmente ridotto e di natura stagionale, di un'importazione del virus Zika verso regioni a clima temperato in cui sono presenti le zanzare Aedes (tra cui regioni del Nord America e dell'Europa), con la conseguente possibilità di trasmissione autoctona;

32.  sottolinea che l'accesso a un'ampia gamma di servizi sanitari à fondamentale nella lotta contro l'infezione da virus Zika;

33.  sostiene gli appelli lanciati dalle Nazioni Unite(9) affinché siano abrogate le leggi e le politiche che limitano l'accesso alla salute sessuale e riproduttiva e ai relativi diritti in violazione delle norme internazionali e ribadisce la volontà di garantire che le azioni in materia di sanità pubblica rispettino i diritti umani, in particolare in relazione alla salute e ai diritti ivi connessi;

34.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, ai governi e ai parlamenti degli Stati membri, al Segretario generale delle Nazioni Unite e all'Organizzazione mondiale della sanità.

(1) GU L 293 del 5.11.2013, pag. 1.
(2) GU L 347 del 20.12.2013, pag. 104.
(3) http://www.who.int/features/qa/zika/en/
(4) http://www.nature.com/news/zika-highlights-role-of-controversial-fetal-tissue-research-1.19655
(5) Brasil, P. et al. N. Eng. J. Med. http://dx.doi.org/10.1056/NEJMoa1602412 (2016).
(6) http://www.dallascounty.org/department/hhs/press/documents/PR2-2-16DCHHSReportsFirstCaseofZikaVirusThroughSexualTransmission.pdf
(7) https://www.rt.com/news/333855-zika-sex-case-france/
(8) http://www.reuters.com/article/us-health-zika-qanda-factbox-idUSKCN0X22TY
(9) http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=53173#.VswcHE32aUk

Avviso legale