Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2017/2206(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0194/2018

Testi presentati :

A8-0194/2018

Discussioni :

PV 02/07/2018 - 17
CRE 02/07/2018 - 17

Votazioni :

PV 03/07/2018 - 11.11
Dichiarazioni di voto

Testi approvati :

P8_TA(2018)0279

Testi approvati
PDF 193kWORD 70k
Martedì 3 luglio 2018 - Strasburgo Edizione definitiva
Violazione dei diritti dei popoli indigeni nel mondo
P8_TA(2018)0279A8-0194/2018

Risoluzione del Parlamento europeo del 3 luglio 2018 sulla violazione dei diritti dei popoli indigeni nel mondo, compreso l'accaparramento dei terreni (2017/2206(INI))

Il Parlamento europeo,

–  visti la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e gli altri trattati e strumenti delle Nazioni Unite sui diritti umani, in particolare la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni, adottata dall'Assemblea generale il 13 dicembre 2007,

–  vista la Convenzione n. 169 dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) relativa alle popolazioni indigene e tribali, adottata il 27 giugno 1989,

–  vista la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali,

–  visti il Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici e il Patto internazionale relativo ai diritti sociali, economici e culturali,

–  visti gli articoli 21, 22 e 47 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea,

–  visti il quadro strategico dell'Unione europea sui diritti umani e la democrazia, quale adottato dal Consiglio "Affari esteri" il 25 giugno 2012, e il piano d'azione sui diritti umani e la democrazia 2015-2019, adottato dal Consiglio il 20 luglio 2015,

–  vista la dichiarazione delle Nazioni Unite sui difensori dei diritti umani del 1998,

–  visti gli orientamenti dell'Unione europea in materia di diritti umani, in particolare gli orientamenti dell'UE sui difensori dei diritti umani e lo strumento europeo per la democrazia e i diritti umani (EIDHR),

–  viste le sue risoluzioni su casi di violazione dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto,

–  vista la sua risoluzione del 24 novembre 2016 sulla situazione dei guarani kaiowá nello Stato brasiliano del Mato Grosso do Sul(1),

–  vista la sua risoluzione del 14 aprile 2016 sull'Honduras: situazione dei difensori dei diritti umani(2),

–  vista la sua risoluzione del 12 marzo 2015 sulla Tanzania, in particolare sulla questione dell'accaparramento dei terreni(3),

–  viste la relazione annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo nel 2016 e la politica dell'Unione europea in materia(4),

–  vista la risoluzione n. 69/2 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, del 22 settembre 2014, che adotta il documento finale della conferenza mondiale del 2014 sui popoli indigeni(5),

–   vista la risoluzione n. 71/178 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, del 19 dicembre 2016, sui diritti dei popoli indigeni, in particolare il paragrafo 13 che proclama il 2019 Anno internazionale delle lingue indigene(6),

–  vista la relazione a cura del relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni e destinata al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, dell'8 agosto 2017(7),

–  vista la risoluzione n. 26/9 del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, del 26 giugno 2014, che istituisce un gruppo di lavoro intergovernativo aperto, incaricato di elaborare uno strumento internazionale giuridicamente vincolante per regolamentare le attività delle società transnazionali e di altre imprese in materia di diritti umani(8),

–  visto il processo di elaborazione, da parte del gruppo di lavoro intergovernativo aperto, di una Dichiarazione sui diritti dei contadini e di altre persone che lavorano nelle zone rurali, definito dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite il 13 ottobre 2015(9),

–  vista l'Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile, adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 25 settembre 2015,

–  vista la Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica, adottata il 22 maggio 1992,

–  visti l'accordo di Durban e il piano d'azione adottato in occasione del V Congresso mondiale delle aree protette (World Parks Congress), organizzato nel 2003 dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN)(10),

–  vista la comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo, del 19 ottobre 2004, dal titolo "Orientamenti dell'UE a sostegno dell'elaborazione di una politica fondiaria e dei relativi processi di riforma nei paesi in via di sviluppo" (COM(2004)0686),

–  visti gli orientamenti volontari dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura sulla gestione responsabile della terra, della pesca e delle foreste nel contesto della sicurezza alimentare nazionale, approvati l'11 maggio 2012 dal Comitato delle Nazioni Unite per la sicurezza alimentare mondiale(11),

–  visti la comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo sul piano d'azione dell'UE per l'applicazione delle normative, la governance e il commercio nel settore forestale (FLEGT), approvato nel 2003 (COM(2003)0251), e gli accordi volontari di partenariato (AVP) FLEGT bilaterali tra l'UE e i paesi partner,

–  visti i principi guida delle Nazioni Unite in materia di imprese e diritti umani e il Patto globale delle Nazioni Unite,

–  visti i principi di Maastricht del 28 settembre 2011, che chiariscono gli obblighi extraterritoriali dei paesi sulla base del diritto internazionale vigente(12),

–  viste le conclusioni del Consiglio del 15 maggio 2017 sulle popolazioni indigene(13),

–  viste le disposizioni in materia di diritti umani previste dall'accordo di Cotonou,

–  vista la dichiarazione rilasciata il 9 agosto 2017 dal vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini, in occasione della Giornata internazionale dei popoli indigeni del mondo(14),

–  vista la sua decisione di candidare Aura Lolita Chavez Ixcaquic al premio Sacharov 2017 per la libertà di pensiero – la prima attivista impegnata nella difesa dei diritti umani dei popoli indigeni a essere nominata per il premio,

–  visto l'accordo di Parigi, del 12 dicembre 2015, sui cambiamenti climatici,

–  visto il documento di lavoro congiunto, del 21 settembre 2015, dal titolo "Gender Equality and Women's Empowerment: Transforming the Lives of Girls and Women through EU External" ("Parità di genere ed emancipazione femminile: trasformare la vita delle donne e delle ragazze attraverso le relazioni esterne dell'UE 2016-2020") (SWD(2015)0182),

–  vista la risoluzione n. 64/292 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, del 3 agosto 2010, sul diritto umano all'acqua e ai servizi igienico-sanitari(15),

–  vista la sua risoluzione del 25 ottobre 2016 sulla responsabilità delle imprese per gravi violazioni dei diritti umani nei paesi terzi(16),

–  vista la sua risoluzione del 13 settembre 2017 sulla corruzione e i diritti umani nei paesi terzi(17),

–  vista la sua risoluzione del 6 luglio 2017 sull'azione dell'UE a favore della sostenibilità(18),

–  visto l'articolo 52 del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per gli affari esteri e i pareri della commissione per lo sviluppo e della commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere (A8-0194/2018),

A.  considerando che, secondo le stime, le popolazioni indigene contano 370 milioni di persone che vivono in oltre 70 paesi di tutto il mondo, cifra che rappresenta circa il 5% del totale della popolazione mondiale; che esistono almeno 5 000 popolazioni indigene distinte; che, nonostante la loro dispersione geografica, tali popolazioni devono far fronte a sfide e minacce simili;

B.  considerando che le popolazioni indigene hanno un rapporto unico con la terra e l'ambiente in cui vivono e utilizzano le risorse naturali disponibili per creare sistemi unici di conoscenze, innovazioni e pratiche che, a loro volta, plasmano una parte fondamentale della loro identità e spiritualità e sono estremamente importanti per la conservazione e l'uso sostenibile della biodiversità; che le conoscenze tradizionali delle popolazioni indigene hanno costituito un importante fattore che ha contribuito allo sviluppo dell'umanità; che la commercializzazione e/o la marginalizzazione delle conoscenze detenute dai popoli indigeni minacciano il ruolo di questi ultimi quali detentori e custodi tradizionali di tali conoscenze;

C.  considerando che i diritti collettivi delle popolazioni indigene sorgono in virtù di un'occupazione tradizionale dei loro territori e che il senso di appartenenza che li lega a detti territori non coincide con il concetto di proprietà comunemente concepito nelle società occidentali;

D.  considerando che i territori tradizionalmente abitati da popolazioni indigene coprono circa il 22 % della superficie terrestre mondiale e, in base alle stime, ospitano l'80 % della biodiversità del pianeta; che le riserve indigene costituiscono un'importante barriera contro la deforestazione; che le foreste tropicali abitate da popolazioni indigene e comunità locali contribuiscono a immagazzinare il carbonio nell'intero bioma della foresta tropicale, il che le rende dei preziosi alleati per qualsiasi strategia di lotta ai cambiamenti climatici; che le popolazioni indigene sono tra i gruppi più vulnerabili alle conseguenze negative dei cambiamenti climatici, a causa del loro stile di vita e dello stretto rapporto con la terra, che dipendono direttamente dalla costante disponibilità di risorse naturali;

E.  considerando che la terra è una risorsa naturale fondamentale, limitata e non rinnovabile, ed è parte integrante della ricchezza naturale di ciascun paese;

F.  considerando che i trattati sui diritti umani riconoscono il diritto dei popoli indigeni alle loro terre ancestrali e alle loro risorse e prevedono l'obbligo per gli Stati di consultare in buona fede i popoli indigeni in modo da ottenere il loro consenso libero, previo e informato riguardo ai progetti che possono ripercuotersi sul loro tradizionale stile di vita, che possono minacciare le risorse naturali che questi hanno tradizionalmente coltivato e da cui continuano a dipendere o che possono provocare lo spostamento delle popolazioni e, di conseguenza, la perdita del patrimonio culturale che li contraddistingue, sia materiale che immateriale; che tali consultazioni dovrebbero svolgersi prima che vengano adottate o applicate misure legislative e amministrative, in conformità del diritto all'autodeterminazione dei popoli indigeni, il che implica il loro diritto a possedere, utilizzare, sviluppare e controllare le proprie terre, i propri territori, le proprie acque, i propri mari costieri e altre risorse; che i popoli indigeni hanno diritto a decidere liberamente il loro status politico, perseguire liberamente il loro sviluppo economico, sociale e culturale e disporre liberamente delle proprie ricchezze e delle proprie risorse naturali e non devono essere in alcun caso privati dei propri mezzi di sussistenza;

G.  considerando che la (UNDRIP) riconosce i diritti collettivi e individuali delle popolazioni indigene, in particolare il diritto alle loro terre, ai loro beni, alle loro risorse naturali, ai loro territori, alla loro cultura, alla loro identità e lingua, all'occupazione, alla salute, all'istruzione e a determinare liberamente il loro status politico e il loro sviluppo economico;

H.  considerando che i diritti collettivi e individuali dei popoli indigeni continuano a essere violati in diverse regioni del mondo da attori statali e non statali e che, di conseguenza, tali popoli continuano a essere oggetto di violenza fisica, psicologica e sessuale, nonché di razzismo, esclusione, discriminazione, sgomberi forzati, insediamenti devastanti ed espropriazioni illegali o forzate dei loro territori tradizionali oppure vengono privati dell'accesso alle loro risorse, ai loro mezzi di sussistenza e alle loro conoscenze tradizionali; che secondo le Nazioni Unite le violazioni dei diritti delle popolazioni indigene sono aumentate rispetto a 10 anni fa;

I.  considerando che le donne indigene si trovano ad affrontare una serie di ostacoli che impediscono loro di accedere alla salute sessuale e riproduttiva e di beneficiare dei relativi diritti e che includono la mancanza di servizi di consulenza per la salute sessuale e riproduttiva, il mancato accesso alle strutture e alle forniture e la legislazione che vieta l'aborto anche in caso di stupro, e che tali ostacoli si traducono in livelli elevati di mortalità materna, gravidanze in età adolescenziale e malattie sessualmente trasmissibili;

J.  considerando che le donne indigene sono vittime di una diffusa impunità per le violazioni dei loro diritti, soprattutto perché viene negato loro il diritto di ricorso e perché mancano meccanismi di monitoraggio e dati disaggregati in base al genere;

K.  considerando che gli Stati sono, in ultima analisi, responsabili di garantire la sicurezza, la protezione e i diritti dei popoli indigeni, inclusi quelli dei difensori dei diritti umani e ambientali dei popoli indigeni;

L.  considerando che le lingue indigene in tutto il mondo continuano a scomparire a un tasso allarmante, nonostante le lingue siano una componente basilare dei diritti umani e delle libertà fondamentali e siano essenziali per la realizzazione di uno sviluppo sostenibile; che la trasmissione intergenerazionale delle conoscenze indigene è fondamentale per affrontare le sfide ambientali globali; che una relazione delle Nazioni Unite del 2016(19) stima che, delle quasi 6 700 lingue parlate oggi nel mondo, il 95 % rischia di scomparire completamente entro la fine del secolo e che la stragrande maggioranza delle lingue esposte a questa minaccia sono indigene; che gli Stati hanno l'obbligo di tutelare e promuovere le lingue dei popoli indigeni affinché questi godano appieno dei loro diritti culturali; che gli Stati dovrebbero investire in provvedimenti volti a cambiare gli stereotipi radicati a livello sociale;

M.  considerando che in alcuni paesi molte popolazioni indigene sono migrate verso i principali centri urbani, ove hanno sperimentato sentimenti di distacco e perdita di valori culturali; che le loro conoscenze e pratiche tradizionali non sono adattate ai contesti urbani e alle dinamiche moderne del mercato del lavoro, il che li espone alla povertà e a nuove forme di esclusione e discriminazione;

N.  considerando che tra i popoli indigeni si registrano tassi allarmanti di analfabetismo, malattie e povertà, un accesso insufficiente all'acqua potabile e sicura e ai servizi igienico-sanitari, alle cure sanitarie, all'istruzione, all'occupazione e ai diritti civili, comprese la partecipazione e la rappresentanza a livello politico, nonché tassi elevati di abuso di determinate sostanze e di suicidio nei giovani;

O.  considerando che le donne nelle comunità indigene sono particolarmente emarginate a causa della mancanza di accesso all'assistenza sanitaria, ai servizi sociali e alle opportunità economiche, sono discriminate in ragione del loro sesso, della loro appartenenza etnica e del loro contesto socioeconomico, con un conseguente aumento dei tassi di mortalità, e sono vittime di una palese violenza di genere e di femminicidio; che, secondo le Nazioni Unite, almeno una donna indigena su tre viene violentata nel corso della sua vita e i tassi di mortalità materna, gravidanze in età adolescenziale e malattie trasmissibili sessualmente, tra cui l'HIV/AIDS, sono superiori alla media; che le donne affrontano spesso minacce e ostacoli specifici basati sul genere, che vanno compresi da una prospettiva trasversale;

P.  considerando che il traffico illecito di stupefacenti incide in maniera sproporzionata sulle comunità indigene man mano che la domanda di stupefacenti continua ad aumentare e i produttori di droghe illecite allontanano sempre di più le comunità indigene dal loro territorio tradizionale; che le popolazioni indigene sono spesso obbligate, fisicamente o economicamente, a prendere parte al commercio di stupefacenti, in particolare alle operazioni di trasporto; che i conflitti armati rafforzano la militarizzazione dei territori indigeni e determinano violazioni dei diritti umani e un utilizzo eccessivo della forza nei confronti delle comunità indigene;

Q.  considerando che la domanda e la concorrenza crescenti nel campo delle risorse naturali stanno scatenando una "corsa globale ai terreni", che in numerosi paesi sta mettendo sotto pressione in maniera insostenibile i territori tradizionalmente abitati e utilizzati dalle popolazioni indigene e dalle comunità locali; che lo sfruttamento di tali risorse naturali ad opera dell'agroindustria e del settore energetico, del legname e minerario, per citare alcune industrie estrattive, nonché ad opera del disboscamento illegale, di grandi progetti infrastrutturali e di sviluppo, dei governi e delle popolazioni locali, costituisce una delle principali cause del persistente conflitto sulla proprietà fondiaria e la causa principale della contaminazione delle acque e del suolo;

R.  considerando che lo sviluppo non può misurarsi sulla base di indicatori della crescita ma che è necessario tenere in considerazione, in via prioritaria, la riduzione della povertà e delle disuguaglianze;

S.  considerando che il turismo scarsamente regolamentato può avere un impatto culturale ed ecologico negativo su tali comunità e in alcuni casi è un fattore che spinge all'accaparramento dei terreni;

T.  considerando che l'accaparramento dei terreni da parte di aziende private è generalmente accompagnato dalla presenza di truppe militari e/o sicurezza privata, e che una delle conseguenze di ciò è l'aggravarsi della violenza diretta e indiretta nei territori dei popoli indigeni, che colpisce direttamente le comunità e soprattutto i leader sociali e le donne;

U.  considerando che oggigiorno si registra una tendenza alla militarizzazione di talune riserve e zone protette, che talvolta coincidono con i terreni delle comunità indigene e locali, con conseguenti gravi violazioni dei diritti umani;

V.  considerando che i conflitti civili in alcuni paesi sono legati ai diritti fondiari e sono la causa di spostamenti forzati di comunità indigene e locali, consentendo in tal modo l'accaparramento dei terreni e la concentrazione della proprietà agricola;

W.  considerando che l'accaparramento dei terreni è un problema complesso che richiede una soluzione internazionale globale; che la tutela delle donne e delle ragazze indigene dovrebbe essere messa particolarmente in rilievo;

X.  considerando che l'accaparramento dei terreni non è necessariamente il risultato degli investimenti esteri e può essere realizzato anche dai governi e dalle comunità locali;

Y.  considerando che vi è stato un incremento delle forme di risarcimento private attraverso le quali le aziende private offrono alle donne vittime di violenza un risarcimento economico in cambio della firma di un accordo con il quale si impegnano a non intentare un'azione legale nei confronti dell'azienda; che gli Stati hanno la responsabilità primaria di onorare gli impegni assunti in sede internazionale relativi al rispetto dei diritti dei popoli indigeni e che, pertanto, ricade su di essi anche la responsabilità primaria di evitare le violazioni e di promuovere la verità, la giustizia e il risarcimento per le vittime;

Z.  considerando che alcuni popoli indigeni nel mondo hanno deciso di rifiutare i contatti con il mondo esterno e vivono in isolamento volontario, non hanno la capacità di difendere i propri diritti e sono quindi particolarmente vulnerabili in caso di violazione di tali diritti; che dette comunità sono le più vulnerabili del pianeta e la loro esistenza è minacciata, in particolare dall'esplorazione petrolifera, dalla deforestazione, dal traffico di stupefacenti e dalle infrastrutture associate a tali attività;

AA.  considerando che molte popolazioni indigene continuano a essere vittime di omicidi, esecuzioni extragiudiziali, mutilazioni, torture, stupri, detenzioni arbitrarie, violenze fisiche, vessazioni e intimidazioni in quanto difendono il diritto ai loro territori ancestrali e alle loro risorse naturali, compreso l'accesso a cibo e acqua, nonché ai loro siti spirituali e cimiteri sacri;

AB.  considerando che i difensori dei diritti umani si annoverano fra i fautori centrali ed essenziali dello sviluppo sostenibile, in particolare ai fini del potenziamento della resilienza delle società, e rappresentano degli attori chiave nella governance democratica inclusiva; che tali difensori si adoperano per assicurare non solo i diritti delle loro popolazioni ma anche la sostenibilità ambientale e il patrimonio naturale di tutta l'umanità; che i difensori e gli attivisti dei diritti umani dei popoli indigeni operano per consentire alle loro comunità di partecipare ai processi politici, all'inclusione sociale e all'emancipazione economica, nonché di far sentire la loro voce in maniera democratica e pacifica nei rispettivi paesi e nella comunità internazionale;

AC.  considerando che negli ultimi anni si è registrato un preoccupante aumento di omicidi, aggressioni e altre forme di violenza ai danni di difensori e attivisti dei diritti umani, che figurano tra gli attori principali nello sviluppo sostenibile, nell'ambito della difesa dei diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali, dei diritti ambientali e dei diritti fondiari; che, stando a quanto riferito da Front Line Defenders, nel 2017 sono stati uccisi nel mondo 312 difensori dei diritti umani, di cui il 67 % si batteva per le terre dei popoli indigeni e difendeva i diritti ambientali da progetti estrattivi; che spesso si registra un'impunità sistemica degli autori degli attacchi ai danni dei difensori dei diritti umani dei popoli indigeni;

AD.  considerando che, nonostante le donne indigene impegnate nella difesa dei diritti umani svolgano un ruolo essenziale per la tutela delle donne nelle comunità indigene, le loro attività sono state criminalizzate ed esse stesse sono state soggette a varie forme di violenza quali molestie, stupri e omicidi;

AE.  considerando che occorre migliorare l'attuazione di una serie di regimi non vincolanti di responsabilità sociale delle imprese e di regolamentazione volontaria al fine di proteggere le comunità indigene e locali dalla violazione dei loro diritti umani, onde evitare l'accaparramento dei terreni e garantire un'effettiva responsabilità societaria; che l'assenza di meccanismi di controllo e di responsabilità costituisce un importante impedimento a mezzi di ricorso efficaci e adeguati;

AF.  considerando che una serie di investitori e imprese con sede nell'UE, insieme ad altri, è coinvolta in centinaia di operazioni di acquisto di terreni in Africa, Asia e America Latina, il che ha portato in alcuni casi alla violazione dei diritti delle comunità indigene e locali; che gli attori con sede nell'UE possono essere coinvolti in violazioni dei diritti umani connesse all'accaparramento dei terreni in diversi modi, per esempio attraverso imprese private e società di finanziamento con sede nell'UE, che finanziano direttamente o indirettamente l'accaparramento dei terreni attraverso i partenariati pubblico-privato; che, in molti casi, le loro molteplici ramificazioni all'estero possono rendere difficile risalire direttamente ai loro paesi di origine; che persino laddove si possa risalire a dette origini persistono notevoli ostacoli giuridici e pratici all'accesso alla giustizia e alla responsabilità tramite i tribunali dell'UE e degli Stati membri, anche a causa di limitazioni giurisdizionali in relazione a casi concernenti beni immobili (comprese risorse fondiarie e naturali), forti vincoli sul valore del mezzo di ricorso disponibile e disponibilità del gratuito patrocinio, nonché difficoltà a dimostrare la responsabilità dell'impresa madre;

AG.  considerando che la maggior parte dei terreni nei paesi in via di sviluppo è disabitata, esponendo pertanto gli investimenti e la reputazione delle imprese ai rischi legati alla proprietà e aumentando notevolmente i loro costi di esercizio laddove i trasferimenti di terreni si verificano in una situazione di conflitto, senza il previo consenso delle comunità indigene e locali e nel disprezzo per i loro diritti;

AH.  considerando che il relatore speciale delle Nazioni Unite per i difensori dei diritti umani, Michael Frost, ha individuato l'America latina come regione di interesse, ove gli attori governativi e societari sono coinvolti negli omicidi dei difensori dei diritti umani ambientali;

AI.  considerando che l'obbligo di proteggere e garantire l'accesso ai mezzi di ricorso ai sensi della Convenzione europea dei diritti dell'uomo si applica tanto alle attività extraterritoriali quanto alle attività nazionali con effetti extraterritoriali; che è opportuno elevare notevolmente il grado di impegno dell'UE e dei suoi Stati membri rispetto agli obblighi extraterritoriali loro incombenti;

AJ.  considerando che l'UE presta assistenza per la promozione e la protezione della democrazia e dei diritti umani nel mondo attraverso l'EIDHR, complementare agli altri strumenti di assistenza esterna di cui dispone e principalmente gestito dalle organizzazioni della società civile; che, attraverso il suo meccanismo protectdefenders.eu, l'UE fornisce assistenza rapida ai difensori dei diritti umani in situazioni di rischio, li aiuta a rispondere alle loro esigenze più urgenti e rafforza le loro capacità di operare a medio e lungo termine;

AK.  considerando che le istituzioni finanziarie internazionali sono chiamate a svolgere un ruolo centrale nel garantire che i progetti finanziati non comportino la violazione dei diritti umani e ambientali dei popoli indigeni o vi contribuiscano; che le multinazionali hanno la responsabilità di garantire che le loro operazioni e/o le loro catene di approvvigionamento non siano coinvolte nelle violazioni dei diritti umani e ambientali, in particolare i diritti dei popoli indigeni;

AL.  considerando che l'UE è il principale fornitore di aiuti allo sviluppo a livello mondiale, di cui una quota consistente è destinata all'Africa; che il Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE) e la Commissione devono effettuare controlli esaustivi dell'utilizzo dei fondi da parte dei beneficiari dei paesi terzi, ponendo il rispetto dei diritti umani al primo posto nella loro politica di concessione degli aiuti;

AM.  considerando che le popolazioni indigene all'interno dell'Europa continuano tuttora a essere vittime di emarginazione, discriminazione ed esclusione sociale, che occorre contrastare, e cui è necessario porre rimedio mediante un approccio basato sui diritti;

1.  invita l'UE, gli Stati membri e i rispettivi partner della comunità internazionale ad adottare tutte le misure necessarie per garantire il pieno riconoscimento, la tutela e la promozione dei diritti dei popoli indigeni, compresa la protezione delle loro terre, dei loro territori e delle loro risorse; accoglie con favore il lavoro che la società civile e le ONG svolgono su questi temi;

2.  invita l'UE a provvedere a che tutte le sue politiche commerciali, di investimento e di sviluppo rispettino i diritti umani delle popolazioni indigene, come sancito nei trattati e nelle convenzioni in materia di diritti umani e negli strumenti giuridici che trattano specificamente dei diritti dei popoli indigeni;

3.  invita tutti gli Stati, l'UE e i suoi Stati membri, a intraprendere tutte le iniziative del caso per rispettare effettivamente le disposizioni previste dalla convenzione n. 169 dell'OIL relativa alle popolazioni indigene e tribali(20) e ricorda che tutti gli Stati che la ratificano sono tenuti a mettere a punto un'azione coordinata e sistematica per tutelare i diritti dei popoli indigeni;

4.  fa appello a tutti i paesi che non hanno ancora ratificato la convenzione n. 169 dell'OIL relativa alle popolazioni indigene e tribali, in particolare agli Stati membri dell'UE, affinché procedano al più presto in tal senso; si rammarica che finora solo alcuni degli Stati membri abbiano ratificato detta convenzione; chiede all'UE di compiere ogni sforzo, attraverso dialoghi politici e sui diritti umani con i paesi terzi, al fine di incoraggiare la ratifica della convenzione n. 169 dell'OIL, della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo e la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, di adottare i relativi protocolli opzionali e rispettare l'UNDRIP;

5.  prende atto dei progressi compiuti nel riconoscimento dei diritti dei popoli indigeni e della crescente sensibilizzazione della società civile in merito alla loro situazione; riconosce il contributo dell'UE al riguardo; avverte, tuttavia, che la questione occupa ancora un posto di scarso rilievo nelle politiche dell'UE, ad esempio nella negoziazione di accordi commerciali e di cooperazione;

6.  invita l'UE e i suoi Stati membri a creare le condizioni per il conseguimento degli obiettivi stabiliti nell'UNDRIP e incoraggia i suoi partner internazionali ad adottarla e attuarla pienamente;

7.  ricorda che la diaspora svolge un ruolo di interfaccia e di trasferimento delle conoscenze per le popolazioni indigene;

Diritti umani dei popoli indigeni

8.  invita l'UE e i suoi Stati membri a sostenere e a esprimersi a favore della Dichiarazione sui diritti dei contadini e di altre persone che lavorano nelle zone rurali, che sarà votata nel 2018 in sede di Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite; prende atto con interesse dell'attenzione posta sulle donne rurali dalla commissione delle Nazioni Unite sulla condizione delle donne del 2018;

9.  invita tutti gli Stati, compresi l'UE e i suoi Stati membri, a riconoscere legalmente e ad accettare l'autonomia territoriale e l'autodeterminazione delle popolazioni indigene a possedere, il che implica il loro diritto a utilizzare, sviluppare e controllare i terreni, i territori, le acque, comprese quelle costiere, e le altre risorse di cui dispongono in virtù della proprietà tradizionale o di altra occupazione o uso tradizionale, nonché i diritti diversamente acquisiti;

10.  invita tutti gli Stati, compresi l'UE e i suoi Stati membri, a ricorrere o aderire a strategie per la ricostruzione delle zone di conflitto al fine di promuovere e tutelare i diritti delle popolazioni indigene;

11.  prende atto dei risultati allarmanti dello studio pubblicato dalle Nazioni Unite nel 2010, da cui emerge che le donne delle popolazioni indigene sono più frequentemente vittime di violenze e stupri rispetto alla popolazione femminile globale; esorta pertanto gli Stati membri e l'Unione europea a condannare fermamente il ricorso alla violenza, inclusa la violenza sessuale, perpetrata contro le donne indigene; è del parere che sia opportuno dedicare particolare attenzione alle donne e alle ragazze vittime di violenza, provvedendo affinché abbiano accesso a servizi di assistenza sanitaria e psicologica d'urgenza;

12.  chiede il ritiro delle forze militari e di sicurezza privata dispiegate nei territori dei popoli indigeni in violazione dei loro diritti;

13.  invita tutti gli Stati a garantire che i popoli indigeni, in particolare le donne, abbiano accesso a meccanismi giudiziari nei casi di violazione dei loro diritti da parte delle imprese, e che le forme di ricorso private che non assicurano un accesso effettivo alla giustizia non siano legittimate; invita tutti gli Stati ad assumere un maggior numero di donne nei rispettivi sistemi giudiziari, così da porre fine al sistema patriarcale generalmente presente in tali strutture; sottolinea la necessità di introdurre meccanismi volti a garantire che le donne indigene non siano trattate in modo discriminatorio, per esempio un servizio di interpretazione adeguato e l'assistenza legale;

14.  accoglie con favore il fatto che il Consiglio europeo abbia dato priorità alla tutela dei diritti dei popoli indigeni, come stabilito nelle conclusioni del Consiglio del maggio 2017;

15.  invita i paesi partner a garantire l'accesso universale dei popoli indigeni ai registri nazionali delle loro popolazioni come primo passo verso il riconoscimento dei loro diritti individuali e collettivi; chiede all'UE di sostenere i paesi partner nell'istituzione e nella corretta gestione di uffici di stato civile;

16.  nota con preoccupazione che i rischi in materia di diritti umani associati all'attività mineraria e all'estrazione di petrolio e gas ricadono in misura sproporzionata sui popoli indigeni; invita i paesi in via di sviluppo a effettuare valutazioni d'impatto obbligatorie in materia di diritti umani prima dell'avvio di qualsiasi nuova attività in tali settori e a riferirne i risultati; sottolinea l'esigenza di garantire che la legislazione in materia di concessioni comprenda disposizioni sul libero, previo e informato consenso; raccomanda di ampliare le norme dell'iniziativa per la trasparenza delle industrie estrattive al fine di includere la tutela dei diritti umani delle comunità locali e indigene;

17.  invita tutti gli Stati, compresi l'UE e gli Stati membri, a coinvolgere i popoli indigeni e le comunità rurali nel processo decisionale, in particolare a riguardo delle strategie di lotta ai cambiamenti climatici, che dovrebbero prevedere anche i casi in cui i danni irreparabili arrecati dai cambiamenti climatici possono costringerli a emigrare, creando così una situazione di duplice discriminazione, in quanto rifugiati ambientali e indigeni;

18.  invita tutti gli Stati, compresi l'UE e i suoi Stati membri, a riconoscere l'importanza di consultare i popoli indigeni nel quadro di tutte le deliberazioni su questioni che potrebbero riguardarli, garantendo il loro diritto a una consultazione previa, libera e informata; chiede, a tale riguardo, l'istituzione di meccanismi a livello dell'UE per la consultazione e la partecipazione dei popoli indigeni, incaricati di instaurare un dialogo politico e di controllare l'attuazione della politica dell'UE, nonché l'adempimento dei suoi impegni e del suo piano d'azione relativo ai popoli indigeni; invita tutti gli Stati, compresi l'UE e i suoi Stati membri, a creare le condizioni per la presenza efficace dei rappresentanti e dei leader dei popoli indigeni nella società civile e negli spazi pubblici e per una partecipazione più visibile al sistema politico e ai processi decisionali in merito a questioni che li riguardano, tra cui le riforme costituzionali;

19.  invita tutti gli Stati, compresi l'UE e i suoi Stati membri, ad adottare e attuare le raccomandazioni rivolte alle Nazioni Unite e contenute nel documento finale della conferenza mondiale del 2014 sui popoli indigeni, nonché le raccomandazioni del Forum permanente delle Nazioni Unite sulle questioni indigene e del relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni;

20.  evidenzia che nella sua risoluzione sui diritti delle popolazioni indigene, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 2019 Anno internazionale delle lingue indigene; sottolinea che la cultura è un vettore di sviluppo;

21.  invita tutti gli Stati, compresi l'UE e i suoi Stati membri, a contribuire all'attuazione e alla realizzazione del 2019 come l'Anno internazionale delle lingue indigene;

22.  esorta l'UE e i suoi Stati membri a continuare a lavorare per garantire l'integrità fisica e l'assistenza giuridica dei difensori dei diritti dei popoli indigeni e dei diritti fondiari, ambientali, di proprietà intellettuale ricorrendo in particolare al consolidamento dell' EIDHR e dei vari strumenti e meccanismi esistenti, quali protectdefendeurs.eu, onde tutelare i difensori dei diritti umani e gli ambientalisti, prestando particolare attenzione ai difensori dei diritti delle donne e a un maggiore coinvolgimento nelle iniziative proposte dalle organizzazioni internazionali quali le Nazioni Unite; chiede che l'UE assegni alle sue delegazioni il compito di monitorare e sostenere i difensori dei diritti, tenendo particolarmente conto delle donne, dei minori e delle persone con disabilità, nonché di segnalare le violazioni dei diritti umani in maniera sistematica e determinata; invita il SEAE ad aderire al piano definito dalla Commissione interamericana dei diritti dell'uomo (IACHR) e dall'ufficio dell'Alto commissario per i diritti umani (OHCHR) per proteggere i difensori dei diritti umani in America latina;

23.  denuncia la continua criminalizzazione dei difensori dei diritti delle popolazioni indigene e dei difensori del diritto alla terra in tutto il mondo; invita tutti gli Stati, compresi l'Unione europea e i suoi Stati membri, a evitare l'impunità per qualsivoglia reato commesso contro i difensori dei diritti umani dei popoli indigeni mediante opportune indagini e azioni penali;

24.  invita tutti gli Stati, compresi l'UE e i suoi Stati membri, a provvedere a che le loro politiche di tutela dell'ambiente rispettino pienamente i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità rurali, di modo che il rispetto di tali diritti viga sempre sia al momento della creazione o dell'ampliamento di zone protette sia in relazione alle zone protette preesistenti la cui creazione ha in precedenza rimosso, escluso o altrimenti ridotto in maniera sproporzionata i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità rurali;

25.  sostiene le richieste di rimpatrio internazionale dei popoli indigeni e l'istituzione di un meccanismo internazionale finalizzato a contrastare la vendita di prodotti indigeni sottratti loro illegalmente; invita la Commissione a sostenere tali sforzi, anche attraverso l'assistenza finanziaria nel quadro dell'EIDHR;

26.  sottolinea che la comunità internazionale, compresi l'UE e gli Stati membri, è chiamata ad assumersi seriamente l'impegno di includere le persone indigene con disabilità, in particolare i minori, in tutti i settori di politica, a promuovere i diritti e le esigenze delle persone indigene con disabilità nel quadro giuridico internazionale e a garantire che il loro consenso libero, previo e informato, segnatamente dei minori, sia tenuto in debita considerazione;

27.  esorta la Commissione ad avviare un piano d'azione dell'UE sulla condotta responsabile delle imprese per attuare i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, con particolare attenzione alla dovuta diligenza e all'accesso ai mezzi di ricorso; invita la Commissione europea a incaricare l'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) di raccogliere informazioni sui meccanismi giudiziari e non giudiziari negli Stati membri per quanto riguarda l'accesso ai mezzi di ricorso per le vittime di violazioni relative alle imprese, ivi comprese le persone indigene; è del parere che i partner dell'UE nel settore sia pubblico che privato debbano fornire informazioni complete e accessibili sul rispetto del consenso libero, previo e informato delle persone indigene;

Accaparramento dei terreni

28.  accoglie con favore l'annuncio diffuso nel 2016 dalla Corte penale internazionale, secondo cui l'accaparramento dei terreni e la distruzione dell'ambiente sono all'origine di numerose violazioni dei diritti umani e possono ormai costituire dei capi d'accusa per crimini contro l'umanità;

29.  continua a nutrire preoccupazione per la situazione dell'accaparramento dei terreni a seguito di pratiche corrotte da parte di imprese, investitori esteri e attori statali, funzionari e autorità nazionali e internazionali; invita l'UE e i suoi Stati membri a porre maggiore enfasi sulla questione dell'accaparramento dei terreni nelle loro agende in materia di diritti umani;

30.  esorta l'UE e i suoi Stati membri a incoraggiare i loro Stati partner coinvolti nel consolidamento della pace in un periodo postbellico che implica diritti fondiari a predisporre misure per consentire alle comunità indigene e locali dislocate di tornare ai loro territori tradizionali, il che costituisce un fattore fondamentale nel conseguimento della pace sostenibile e della stabilizzazione sociale;

31.  deplora il fatto che, in molti paesi interessati dall'accaparramento dei terreni, l'effettivo accesso alla giustizia e ai mezzi di ricorso dei popoli indigeni e dei gruppi pastorali sia limitato a causa di una governance debole e del fatto che i loro diritti fondiari spesso non sono formalmente riconosciuti dai quadri giuridici locali o nazionali; osserva ad esempio che i diritti di pascolo e i pascoli a uso collettivo rappresentano diritti di proprietà fondiaria tradizionali, basati sul diritto consuetudinario e non su diritti di proprietà acquisiti; esorta i paesi partner a riconoscere e tutelare i diritti consuetudinari dei popoli indigeni e pastorali, in particolare in materia di proprietà e controllo delle loro terre e delle loro risorse naturali, conformemente all'UNDRIP e alla convenzione n. 169 dell'OIL, ad esempio consentendo la registrazione collettiva dell'utilizzo dei terreni e definendo politiche volte a garantire un accesso più equo ai terreni; invita l'UE e i suoi Stati membri ad assistere attivamente i paesi partner in tal senso, in particolare nell'applicare il principio del libero, previo e informato consenso alle acquisizioni di terreni su vasta scala, conformemente alle linee guida volontarie sulla gestione responsabile della terra, della pesca e delle foreste e al diritto internazionale in materia di diritti umani; invita inoltre l'Unione a sostenere i paesi partner nel migliorare le loro legislazioni in materia di proprietà fondiaria, riconoscendo alle donne il diritto universale di accesso alla terra in quanto proprietari a pieno titolo;

32.  invita l'UE a potenziare i suoi orientamenti in materia di politica fondiaria, a rafforzare la protezione dei diritti umani negli accordi e nei trattati internazionali e a promuovere i suoi valori in relazione alla protezione di donne e ragazze, soprattutto delle donne e delle ragazze nelle zone rurali che sono generalmente più vulnerabili ai cambiamenti di destinazione dei suoli e tendono ad avere meno accesso alla terra e meno diritti fondiari;

33.  invita tutti gli Stati a investire nella ricerca per colmare il divario nelle conoscenze relative all'impatto dell'accaparramento dei terreni sulle donne, nonché a realizzare analisi più approfondite delle implicazioni del fenomeno dal punto di vista di genere, che potrebbero tradursi in orientamenti applicabili per la regolamentazione delle transazioni fondiarie;

34.  sollecita l'UE e i suoi Stati membri a chiedere la divulgazione delle informazioni relative alle acquisizioni di terreni cui partecipano società e attori con sede nell'UE o progetti di sviluppo finanziati dall'UE, al fine di aumentare la trasparenza e la responsabilità di dette acquisizioni; invita l'UE a monitorare l'imprescindibile applicazione del consenso libero, previo e informato presso le comunità indigene al fine di accrescere la trasparenza e la responsabilità di acquisizioni future, assegnando tale compito alle delegazioni e alle ambasciate dell'UE, dotandole dei poteri necessari per svolgerlo in collaborazione con le ONG interessate; invita l'UE a prestare particolare attenzione ai progetti sostenuti dalle istituzioni finanziarie internazionali ed europee e a garantire che tali finanziamenti non comportino la violazione dei diritti umani e ambientali dei popoli indigeni o vi contribuiscano;

35.  invita tutti gli Stati a prevedere una normativa adeguata che imponga ai leader delle comunità di dare conto delle loro decisioni e azioni nel settore della gestione terriera che coinvolgono terreni pubblici, statali e comunitari, nonché a promuovere modifiche delle pratiche giuridiche e consuetudinarie che discriminano le donne per quanto riguarda la proprietà e l'eredità di terreni;

36.  invita tutti gli Stati, in particolare l'UE e i suoi Stati membri, ad adottare e a sostenere l'attuazione delle linee guida volontarie sulla gestione responsabile della terra, della pesca e delle foreste e a firmare con quanti più paesi interessati possibile accordi volontari di partenariato sull'applicazione delle normative, sulla governance e sul commercio nel settore forestale; invita la Commissione ad assicurare il rispetto e l'applicazione rigorosi del regolamento sul legname(21) e a sanzionare gli Stati membri che ne violano le disposizioni nell'ambito della lotta alla deforestazione;

37.  invita tutti i paesi, tra cui l'UE e i suoi Stati membri, a consentire alle comunità indigene di perseguire lo sviluppo economico in linea con le politiche globali di protezione ambientale; esorta l'UE e i suoi Stati membri a promuovere e sostenere le organizzazioni dei popoli indigeni che dispongono di un'agenda per lo sviluppo sociale che definisce ed elabora il quadro giuridico e istituzionale per la delimitazione e la denominazione dei territori indigeni; sottolinea che il riconoscimento e la formalizzazione dei territori dei popoli indigeni e il conferimento di poteri alle autorità e ai membri delle comunità delle popolazioni indigene garantirebbero la sostenibilità e la responsabilità sociale e contribuirebbero alla risoluzione delle controversie e dei conflitti fondiari all'interno dello Stato interessato;

38.  invita tutti gli Stati ad adottare le misure necessarie per garantire che le autorità pubbliche si astengano dal rilasciare dichiarazioni pubbliche che stigmatizzano e minano il ruolo legittimo svolto dalle donne indigene nella tutela del loro territorio nel contesto dell'accaparramento dei terreni e dell'estrazione delle risorse, e incoraggia il riconoscimento pubblico dell'importante ruolo che queste donne svolgono nelle società democratiche;

39.  invita tutti gli Stati a rispettare, tutelare e soddisfare i diritti fondiari dei piccoli proprietari terrieri nonché i diritti dei singoli ad altre risorse tra cui acqua, foreste, allevamento e pesca; riconosce che l'espropriazione discriminatoria dei terreni e gli sgomberi forzati, che incidono negativamente sulle popolazioni dei paesi in via di sviluppo, possono avere effetti significativi sui loro mezzi di sussistenza e minare i diritti umani fondamentali quali il diritto alla vita, all'alimentazione, all'alloggio, alla salute e alla proprietà;

Imprese e diritti umani

40.  invita l'UE a garantire che i principi guida delle Nazioni Unite in materia di imprese e diritti umani siano pienamente integrati nei programmi nazionali degli Stati membri e inseriti nelle pratiche e nelle operazioni delle società transnazionali e delle imprese con legami europei;

41.  esorta l'Unione a ribadire il proprio sostegno ai principi guida delle Nazioni Unite in materia di imprese e diritti umani e a continuare a promuoverne la corretta applicazione;

42.  esorta l'Unione europea a partecipare in modo costruttivo ai negoziati relativi a un trattato delle Nazioni Unite sulle società transnazionali che garantisca il rispetto dei diritti umani dei popoli indigeni, in particolare delle loro donne e ragazze;

43.  raccomanda all'Unione di elaborare un piano d'azione regionale in materia di imprese e diritti umani, improntato ai principi sanciti dall'UNDRIP, e chiede l'elaborazione e l'applicazione di piani d'azione nazionali incentrati su tale questione;

44.  insiste affinché l'UE e i suoi Stati membri si adoperino per far sì che le multinazionali e le istituzioni finanziarie internazionali rendano conto del loro impatto sui diritti umani e ambientali delle comunità indigene; invita l'UE a garantire che tutte le violazioni dei diritti delle popolazioni indigene da parte delle imprese europee siano debitamente oggetto di indagini e sanzionate mediante opportuni meccanismi e incoraggia l'UE a revocare qualsiasi forma di sostegno istituzionale o finanziario in caso di violazioni dei diritti umani;

45.  invita l'UE a istituire un meccanismo per il trattamento dei reclami, a norma della raccomandazione della Commissione 2013/396/UE dell'11 giugno 2013(22), per mezzo del quale le comunità indigene e locali possano presentare reclami legati a violazioni e abusi dei loro diritti derivanti dalle attività di imprese con sede nell'UE, a prescindere dal paese in cui hanno avuto luogo le violazioni e gli abusi, in modo da garantire alle vittime un accesso effettivo alla giustizia, nonché assistenza tecnica e giuridica; incoraggia tutti i paesi, compresi gli Stati membri e l'UE, ad avviare negoziati ai fini dell'adozione di uno strumento internazionale giuridicamente vincolante in materia di diritti umani per le società transnazionali e altre imprese per quanto riguarda i diritti umani attraverso la partecipazione attiva al gruppo di lavoro intergovernativo aperto creato a livello delle Nazioni Unite;

46.  invita l'Unione e i suoi Stati membri a garantire l'accesso ai mezzi di ricorso per le vittime degli abusi e delle violazioni dei diritti umani derivanti dalle attività di imprese con sede nell'UE eliminando tutti gli ostacoli, sia pratici che giuridici, affinché la ripartizione delle responsabilità non impedisca l'assunzione di responsabilità o neghi l'accesso alla giustizia nel paese in cui ha avuto luogo l'abuso;

47.  ricorda la responsabilità delle imprese di garantire il diritto delle popolazioni indigene a una consultazione libera, previa e informata, qualora i progetti, i lavori e le attività debbano essere effettuati all'interno dei loro territori, e di integrare e di conseguenza applicare la responsabilità sociale delle imprese nelle loro politiche;

48.  invita l'UE a rispettare i propri obblighi extraterritoriali connessi ai diritti umani; invita l'UE a elaborare norme di condotta e quadri normativi chiari per un'azione extraterritoriale da parte di imprese e investitori che rientrano nella sua giurisdizione, al fine di garantire che questi rispettino i diritti dei popoli indigeni e delle comunità locali e possano essere opportunamente ritenuti responsabili e sanzionati qualora le loro attività comportino violazioni di tali diritti; incoraggia la Commissione a considerare meccanismi efficaci sul dovere di diligenza delle imprese in modo da assicurare che i beni importati non siano collegati all'accaparramento dei terreni e a gravi violazioni dei diritti dei popoli indigeni; esorta il SEAE a elaborare strumenti operativi per fornire orientamenti al personale delle delegazioni dell'UE;

Sviluppo sostenibile ed economico per i popoli indigeni

49.  invita l'UE e i suoi Stati membri a integrare la questione dei diritti dei popoli indigeni e dell'accaparramento dei terreni nell'attuazione, da parte dell'UE, dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile;

50.  sottolinea il ruolo essenziale delle popolazioni indigene nella protezione dell'ambiente in virtù del loro modello di vita e di sviluppo;

51.  invita l'Unione europea a esortare gli Stati partner, nel quadro della cooperazione allo sviluppo con i paesi terzi, a prestare particolare attenzione alla situazione delle popolazioni indigene, anche mediante l'elaborazione di politiche sociali inclusive nei territori tradizionali o negli ambienti urbani e, nel contesto delle misure di riduzione della povertà, a mitigare gli effetti dello sradicamento e dello squilibrio tra contesti urbani e le capacità tradizionali e specificità culturali;

52.  sottolinea l'impatto diretto che i cambiamenti climatici hanno sulle donne indigene, obbligandole ad abbandonare le loro pratiche tradizionali o ad essere sfollate, con un conseguente rischio di violenza, abuso e sfruttamento; invita tutti gli Stati, compresi l'Unione europea e i suoi Stati membri, a includere i popoli indigeni, e in particolare le donne indigene e le comunità rurali, nelle loro strategie di lotta ai cambiamenti climatici e nella progettazione di strategie climatiche efficaci in materia di adattamento al clima e di mitigazione dei suoi effetti, tenendo conto delle specificità di genere; chiede che la questione dello sfollamento indotto dal clima sia presa seriamente; chiede una cooperazione internazionale rafforzata al fine di garantire la resilienza climatica;

53.  sottolinea la grande importanza degli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) per i popoli indigeni, in particolare degli OSS 2 (sconfiggere la fame), 4.5 (accesso all'istruzione) e 5 (parità di genere); ribadisce che i popoli indigeni di tutto il mondo sono vittime in modo sproporzionato di violazioni dei diritti umani, criminalità, razzismo, violenza, sfruttamento delle risorse naturali, problemi di salute ed elevati tassi di povertà, dal momento che rappresentano il 15 % delle persone che vivono in condizioni di povertà nonostante costituiscano solo il 5 % della popolazione mondiale; sottolinea che deve essere prevista una protezione totale e completa per i leader indigeni e i difensori dei diritti umani che denunciano le ingiustizie;

54.  ricorda che l'Agenda 2030 affronta tali preoccupazioni in materia di sviluppo dei popoli indigeni e sottolinea che sono necessari maggiori sforzi ai fini della sua attuazione; evidenzia l'esigenza di rafforzare il gruppo principale dei popoli indigeni per lo sviluppo sostenibile (Indigenous Peoples Major Group for Sustainable Development, IPMG), quale meccanismo globale per il coordinamento e l'azione concertata volto a promuovere i diritti e le priorità di sviluppo dei popoli indigeni; invita la Commissione a migliorare i contatti con l'IPMG e a includerlo nella sua piattaforma multilaterale sull'attuazione degli OSS;

55.  rammenta che l'80 % delle foreste mondiali è costituito da terre e territori tradizionali dei popoli indigeni; sottolinea il ruolo cruciale dei popoli indigeni ai fini di una gestione sostenibile delle risorse naturali e della conservazione della biodiversità; ricorda che la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) chiede agli Stati parte di rispettare le conoscenze e i diritti dei popoli indigeni quali garanzie nell'attuazione del programma REDD+; esorta i paesi partner ad adottare provvedimenti al fine di coinvolgere efficacemente i popoli indigeni nell'ambito delle misure di mitigazione dei cambiamenti climatici e di adattamento agli stessi;

56.  rileva che tra 200 e 500 milioni di persone al mondo praticano la pastorizia e che tale attività è fondamentale per le strategie di sussistenza nelle zone aride e nelle regioni montane dell'Africa orientale; sottolinea la necessità di promuovere la pastorizia sostenibile al fine di raggiungere gli OSS; incoraggia l'UE e gli Stati membri a sostenere l'architettura della governance africana, in particolare la Corte africana dei diritti dell'uomo e dei popoli, ai fini dell'attuazione del quadro politico dell'Unione africana sulla pastorizia in Africa e, più in generale, a riconoscere i diritti dei gruppi pastorali e dei popoli indigeni relativamente alla proprietà comune delle terre ancestrali, il loro diritto di disporre liberamente delle risorse naturali e i loro diritti alla cultura e alla religione;

57.  ricorda il diritto dei governi di legiferare in difesa dell'interesse pubblico; rammenta altresì che gli accordi internazionali relativi agli investimenti devono rispettare il diritto internazionale in materia di diritti umani, ivi comprese le disposizioni concernenti i popoli indigeni, e chiede maggiore trasparenza al riguardo, in particolare istituendo procedure e meccanismi di consultazione adeguati in cooperazione con i popoli indigeni; invita gli istituti per il finanziamento dello sviluppo che finanziano gli investimenti a rafforzare le loro tutele in materia di diritti umani al fine di garantire che lo sfruttamento di terre e risorse nei paesi in via di sviluppo non comporti violazioni o abusi dei diritti umani, in particolare con riguardo ai popoli indigeni;

58.  invita tutti i paesi a impegnarsi a garantire che i popoli indigeni abbiano effettivamente accesso alla sanità, all'istruzione, all'occupazione e alle opportunità economiche; esorta tutti i paesi a promuovere l'inclusione delle politiche pubbliche interculturali nonché le lingue, la storia e la cultura indigene nei loro programmi scolastici o a offrire corsi extrascolastici supplementari per preservare, rilanciare e promuovere la cultura delle popolazioni indigene a livello sia nazionale che internazionale; ritiene che lo sviluppo di iniziative volte a sensibilizzare la società civile, il pubblico in generale e i media circa l'importanza di rispettare i diritti, le convinzioni e i valori delle popolazioni indigene potrebbe contribuire a combattere i pregiudizi e la disinformazione;

59.  chiede all'UE e agli Stati partner di fornire servizi di salute mentale dotati di competenze culturali in partenariato con le comunità indigene al fine di prevenire l'abuso di determinate sostanze e il suicidio; sottolinea l'importanza di sostenere le organizzazioni di donne indigene al fine di emancipare le donne e aumentare la loro capacità di impegnarsi nella società civile;

60.  invita l'UE e i suoi Stati membri a sostenere gli sforzi delle popolazioni indigene e delle comunità locali volti a elaborare i propri modelli aziendali e di gestione fondiaria;

61.  invita tutti gli Stati a garantire che le comunità indigene beneficino delle entrate provenienti dal turismo sostenibile e vengano tutelate dall'impatto negativo che il turismo di massa potrebbe apportare; valuta positivamente gli esempi di gestione concorrente delle riserve naturali e delle zone protette, che consentono una migliore protezione degli ecosistemi e un controllo dei flussi turistici; ricorda, in tale contesto, l'importanza del concetto di sviluppo sostenibile;

Politica di cooperazione dell'UE con i paesi terzi

62.  raccomanda di attribuire maggiore importanza alla situazione delle popolazioni indigene nel quadro della politica estera dell'UE, anche nell'ambito dei dialoghi sui diritti umani con i paesi terzi nonché negli accordi commerciali, di cooperazione e di sviluppo; insiste affinché il Consiglio riferisca sistematicamente in merito all'azione dell'UE a sostegno delle popolazioni indigene nella relazione annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo; invita l'UE e i suoi Stati membri a tenere conto dei risultati della revisione periodica universale (UPR) e degli organi delle Nazioni Unite sui diritti umani nella relazione annuale del SEAE di cui sopra, al fine di accertarsi che le rispettive politiche rispettino i diritti dei popoli indigeni;

63.  sottolinea che l'UE e i suoi Stati membri devono sollevare la questione dei diritti umani dei popoli indigeni e dei difensori dei diritti umani dei popoli indigeni nei negoziati bilaterali e multilaterali e nelle comunicazioni diplomatiche e promuovere il rilascio dei difensori dei diritti umani detenuti; invita l'UE e gli Stati membri ad adoperarsi per garantire che i governi dei paesi terzi offrano un'adeguata protezione alle comunità indigene e ai difensori dei diritti umani e assicurino alla giustizia gli autori dei reati commessi nei loro confronti;

64.  esorta le delegazioni dell'UE e le ambasciate degli Stati membri a riesaminare e migliorare la loro attuazione degli orientamenti dell'UE sui difensori dei diritti umani, tenendo conto delle specifiche esigenze dei difensori dei diritti umani dei popoli indigeni, delle minacce nei loro confronti, nonché della loro particolare situazione quali vittime di discriminazioni multiple, ad esempio donne, anziani, persone LGBTI e persone con disabilità; insiste, a tale riguardo, affinché le delegazioni dell'UE e le ambasciate degli Stati membri garantiscano al rispettivo personale una formazione adeguata per poter collaborare con la società civile e i difensori dei diritti umani, mantenere i contatti e fornire sostegno, laddove necessario;

65.  sottolinea la necessità di consentire alle comunità indigene di beneficiare della tecnologia dell'informazione più recente per garantire loro una migliore qualità della vita e una migliore assistenza sanitaria; sottolinea, inoltre, che nel settore in questione l'UE può svolgere un ruolo vitale; ribadisce il diritto delle popolazioni indigene a decidere i propri mezzi di sussistenza e sottolinea la necessità dello sviluppo sostenibile;

66.  invita tutti gli Stati a garantire l'accesso a servizi e diritti sanitari di qualità elevata, soprattutto a servizi e diritti relativi alla salute sessuale e riproduttiva, per le donne e le ragazze indigene; invita la Commissione e il SEAE a promuovere il loro accesso ai servizi per la salute sessuale e riproduttiva nei programmi di cooperazione allo sviluppo dell'UE;

67.  invita tutti gli Stati, compresa l'UE con i suoi Stati membri, a raccogliere dati disaggregati in base al genere sulla situazione delle donne indigene, anche per quanto riguarda il riconoscimento dei diritti fondiari e l'accesso agli stessi, la violenza contro le donne e la sicurezza alimentare;

68.  sottolinea che gli investimenti realizzati dalle imprese possono portare progresso economico e tecnologico, creare occupazione e sviluppo infrastrutturale e dare alle donne la possibilità di diventare autosufficienti promuovendo l'occupazione; sottolinea che l'incremento dell'attività d'investimento nei paesi in via di sviluppo costituisce un importante passo avanti per promuovere le economie nazionali e regionali;

69.  invita l'UE e i suoi Stati membri a continuare a elaborare strategie specifiche per garantire l'attuazione efficace dell'OSS 16 sulla promozione di società pacifiche e inclusive, assicurando che si combattano ed impediscano l'individuazione, la persecuzione e le uccisioni dei difensori dei diritti umani e che gli autori dei reati siano perseguiti e chiamati a rispondere delle loro azioni;

70.  invita l'Unione a garantire che tutti i progetti di sviluppo da essa finanziati che sono attuati su terreni indigeni rispettino rigorosamente il principio del libero, previo e informato consenso, i diritti umani, la libertà di espressione e di associazione, al fine di evitare un impatto negativo sui mezzi di sussistenza e sulla cultura dei popoli indigeni;

71.  osserva che la Commissione, il SEAE e gli Stati membri devono assumere un approccio olistico integrato allo sviluppo sostenibile e tenere conto delle considerazioni ambientali e sui diritti umani nel trattare le relazioni commerciali ed economiche; invita la Commissione a sollevare casi di violazioni dei diritti umani e attacchi o persecuzione dei difensori dei diritti umani nel contesto dei negoziati commerciali e di sistemi come il sistema di preferenze generalizzate dell'UE (SPG);

72.  invita l'Unione a stabilire un meccanismo per effettuare studi di valutazione d'impatto indipendenti prima di concludere accordi commerciali e di cooperazione e prima di attuare progetti di sviluppo, in modo da misurare e prevenire i conseguenti effetti deleteri sui diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali; insiste sulla necessità che la valutazione d'impatto sia condotta con la partecipazione significativa della società civile e che i risultati siano debitamente tenuti in considerazione nell'ambito di accordi economici e di progetti di sviluppo; invita l'UE a rivalutare l'esecuzione di progetti nel caso di violazioni dei diritti umani;

73.  invita l'UE e i suoi Stati membri a lavorare in tutti i contesti internazionali adeguati per sensibilizzare in merito alla situazione dei diritti umani e ambientali dei popoli indigeni e al ruolo fondamentale dei difensori dei diritti umani ambientali nella tutela della biodiversità e nello sviluppo sostenibile;

74.  ricorda con preoccupazione che l'UE e i suoi Stati membri devono continuare ad adoperarsi per garantire i diritti e l'inclusione sociale dei popoli indigeni in Europa, segnatamente la popolazione Sami, e riconosce, a tale riguardo, il ruolo importante degli attivisti della comunità e dei difensori dei diritti umani;

75.  invita l'UE ad aumentare il sostegno alle popolazioni indigene nei suoi programmi di cooperazione allo sviluppo e a rafforzare i progetti al fine di conferire loro poteri, in particolare in termini di creazione di capacità, nel quadro dell'EIDHR e dello strumento di cooperazione allo sviluppo (DCI); sottolinea la necessità di continuare a stanziare risorse per le popolazioni indigene affinché possano interagire efficacemente mediante i loro rappresentanti con le politiche e le istituzioni dell'UE e delle Nazioni Unite, anche in relazione a imprese e diritti umani; esorta le delegazioni dell'UE nei paesi interessati a monitorare attentamente la situazione dei difensori dei diritti umani dei popoli indigeni e a fornire tutto il sostegno adeguato;

76.  invita le delegazioni dell'UE a monitorare da vicino la situazione delle popolazioni indigene e ad avviare un dialogo continuo con le stesse, a livello sia nazionale che regionale; insiste affinché i punti focali dei diritti umani nelle delegazioni dell'UE competenti siano resi espressamente responsabili per le questioni relative alle popolazioni indigene e che il personale di dette delegazioni riceva una formazione periodica sui diritti delle popolazioni indigene;

77.  chiede all'UE e ai suoi Stati partner di rafforzare la cooperazione con le comunità indigene nelle discussioni sulle politiche di lotta alle sostanze stupefacenti; ribadisce la necessità di elaborare una strategia contro il mercato delle droghe illecite al fine di proteggere le terre e le popolazioni indigene; chiede all'UE e ai suoi Stati partner di garantire che le misure di sicurezza volte a combattere il commercio di stupefacenti rispettino i diritti delle comunità indigene ed evitino che persone innocenti siano vittime del conflitto;

78.  esorta l'UE ad approfondire, estendere e rafforzare gli obiettivi, le priorità e le azioni concernenti le popolazioni indigene contenuti nel quadro strategico e nel piano d'azione sui diritti umani e la democrazia e chiede di modulare il mandato del rappresentante speciale sui diritti umani onde conferirgli la facoltà di fornire maggiore visibilità alle questioni dei diritti dei popoli indigeni e dei loro difensori;

79.  rammenta l'impegno dell'UE a seguire un approccio allo sviluppo basato sui diritti, che comprenda il rispetto dei diritti dei popoli indigeni, quali definiti dall'UNDRIP, e richiama in particolare l'attenzione sui principi di responsabilità, partecipazione e non discriminazione; incoraggia caldamente l'UE ad adoperarsi per mettere in pratica l'approccio basato sui diritti in tutte le attività di sviluppo e a istituire una task force a tal fine con gli Stati membri; invita ad aggiornare il rispettivo piano di attuazione con tempistiche e indicatori chiari al fine di misurare i progressi;

80.  ricorda l'articolo 208 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea e il principio della coerenza delle politiche per lo sviluppo; deplora il fatto che la revisione in corso della direttiva sulla promozione delle energie rinnovabili(23) non abbia finora introdotto criteri sociali e di sostenibilità che tengano conto del rischio di accaparramento dei terreni; ricorda che la direttiva dovrebbe essere in linea con le norme internazionali in materia di diritti di proprietà fondiaria;

81.  invita le delegazioni dell'UE a rafforzare ulteriormente il dialogo con i popoli indigeni al fine di individuare e prevenire violazioni dei diritti umani; chiede in particolare alla Commissione europea e agli Stati membri di istituire un efficace meccanismo amministrativo di denuncia per le vittime di violazioni dei diritti umani e di altre conseguenze dannose riconducibili ad attività finanziate dall'aiuto pubblico allo sviluppo, al fine di avviare indagini e processi di riconciliazione; sottolinea che tale meccanismo dovrebbe prevedere procedure standardizzate, essere di natura amministrativa e, di conseguenza, integrare i meccanismi giudiziari;

82.  pone in evidenza che il piano d'azione FLEGT, in particolare i VPA, potrebbe svolgere un ruolo di maggiore rilievo nel rafforzare la posizione delle comunità indigene e forestali in diversi paesi che ospitano foreste tropicali, e sollecita l'UE e i partner VPA a consentire loro di svolgere un ruolo più importante nei processi politici nazionali; invita l'UE a fornire maggiore assistenza finanziaria e tecnica ai paesi partner al fine di proteggere, conservare e ripristinare gli ecosistemi forestali, anche migliorando la governance, a chiarire e rafforzare la proprietà fondiaria e rispettare i diritti umani, compresi i diritti dei popoli indigeni, e a sostenere le aree protette che difendono i diritti delle comunità;

83.  sottolinea l'esigenza di adottare misure specifiche al fine di affrontare il problema del legname da guerra, arginare il traffico del legname ottenuto dalla conversione delle foreste e allontanare gli investimenti dalle attività che recano danno alle foreste e conducono allo sfollamento forzato delle comunità locali e indigene; esorta l'UE ad adottare misure supplementari volte a sostenere la tutela e il ripristino degli ecosistemi forestali e delle relative comunità e ad eliminare la deforestazione dalle catene di approvvigionamento dell'UE nel quadro di un nuovo piano d'azione dell'Unione in materia di deforestazione, degrado forestale e rispetto dei diritti di proprietà fondiaria delle comunità forestali;

84.  osserva che i cittadini dell'UE hanno ancora molto da imparare in materia di uso sostenibile (ad esempio per quanto riguarda le foreste) dai popoli indigeni, i quali con il loro stile di vita contribuiscono in minima parte ai cambiamenti climatici, ma ne subiscono in maniera particolare le conseguenze, ad esempio a causa della carenza di risorse idriche o alla desertificazione, effetti che colpiscono soprattutto le donne;

85.  invita il SEAE, la Commissione e gli Stati membri a privilegiare gli investimenti a sostegno della società civile e dei difensori dei diritti umani, in particolare dei difensori dei diritti umani ambientali dei popoli indigeni, e a garantire l'esistenza di meccanismi di protezione a lungo termine per sostenerli, in particolare protectdefenders.eu, nonché ad assicurare che essi rispettino gli impegni di finanziamento esistenti nei confronti dei difensori dei diritti umani in situazioni di rischio; incoraggia le proprie delegazioni e commissioni a incontrare periodicamente le comunità indigene e i difensori dei diritti umani durante le visite nei paesi interessati; raccomanda che la commissione/sottocommissione competente nomini un relatore permanente sulle popolazioni indigene, con l'obiettivo di monitorare la situazione dei diritti umani, in particolare l'attuazione dell'UNDRIP e della convenzione n. 169 dell'OIL;

86.  invita l'UE e i suoi Stati membri ad avviare il dialogo e a cooperare con le popolazioni indigene e le comunità locali nell'Artico al fine di garantire che le loro posizioni e i loro diritti siano rispettati nel quadro delle politiche di sviluppo dell'UE che probabilmente incideranno su tale regione;

o
o   o

87.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, al Servizio europeo per l'azione esterna e alle delegazioni dell'UE.

(1) Testi approvati P8_TA(2016)0445.
(2) GU C 58 del 15.2.2018, pag. 155.
(3) GU C 316 del 30.8.2016, pag. 122.
(4) https://eeas.europa.eu/sites/eeas/files/annual_report_on_human_rights_and_democracy_in_the_world_2016_0.pdf
(5) https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/N14/468/28/pdf/N1446828.pdf?OpenElement
(6) https://undocs.org/en/A/RES/71/178
(7) https://undocs.org/A/HRC/36/46/Add.2
(8) https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/G14/082/52/PDF/G1408252.pdf?OpenElement
(9) https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/G15/234/15/PDF/G1523415.pdf?OpenElement
(10) https://cmsdata.iucn.org/downloads/durbanactionen.pdf
(11) http://www.fao.org/docrep/016/i2801e/i2801e.pdf
(12) http://www.etoconsortium.org/nc/en/main-navigation/library/maastricht-principles/?tx_drblob_pi1%5BdownloadUid%5D=23
(13) http://data.consilium.europa.eu/doc/document/ST-8814-2017-INIT/en/pdf
(14) http://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2017/08/08/hr-indigenous-peoples/pdf
(15) http://www.un.org/en/ga/search/view_doc.asp?symbol=A/RES/64/292
(16) GU C 215 del 19.6.2018, pag. 125.
(17) Testi approvati, P8_TA(2017)0346.
(18) Testi approvati, P8_TA(2017)0315.
(19) http://undocs.org/en/E/C.19/2016/10
(20) Elenco degli Stati che hanno ratificato la convenzione n. 169 dell'OIL, entrata in vigore il 5 settembre 1991: Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Danimarca, Dominica, Ecuador, Figi, Guatemala, Honduras, Messico, Nepal, Nicaragua, Norvegia, Paesi Bassi, Paraguay, Perù, Repubblica centrafricana, Spagna e Venezuela.
(21) Regolamento (UE) n. 995/2010 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 ottobre 2010, che stabilisce gli obblighi degli operatori che commercializzano legno e prodotti da esso derivati (GU L 295 del 12.11.2010, pag. 23).
(22) GU L 201 del 26.7.2013, pag. 60.
(23) Direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE (GU L 140 del 5.6.2009, pag. 16).

Ultimo aggiornamento: 7 novembre 2019Avviso legale