Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2018/2057(BUD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0209/2018

Testi presentati :

A8-0209/2018

Discussioni :

Votazioni :

PV 04/07/2018 - 6.10

Testi approvati :

P8_TA(2018)0290

Testi approvati
PDF 114kWORD 50k
Mercoledì 4 luglio 2018 - Strasburgo Edizione definitiva
Progetto di bilancio rettificativo n. 2/2018 che iscrive l'eccedenza dell'esercizio 2017
P8_TA(2018)0290A8-0209/2018

Risoluzione del Parlamento europeo del 4 luglio 2018 concernente la posizione del Consiglio sul progetto di bilancio rettificativo n. 2/2018 dell'Unione europea per l'esercizio 2018 che iscrive l'eccedenza dell'esercizio 2017 (09325/2018 – C8-0277/2018 – 2018/2057(BUD))

Il Parlamento europeo,

–  visto l'articolo 314 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto l'articolo 106 bis del trattato che istituisce la Comunità europea dell'energia atomica,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(1), in particolare l'articolo 18, paragrafo 3, e l'articolo 41,

–  visto il bilancio generale dell'Unione europea per l'esercizio 2018, definitivamente adottato il 30 novembre 2017(2),

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 1311/2013 del Consiglio, del 2 dicembre 2013, che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020(3),

–  visto l'accordo interistituzionale, del 2 dicembre 2013, tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sulla disciplina di bilancio, sulla cooperazione in materia di bilancio e sulla sana gestione finanziaria(4),

–  vista la decisione 2014/335/UE, Euratom del Consiglio, del 26 maggio 2014, relativa al sistema delle risorse proprie dell'Unione europea(5),

–  visto il progetto di bilancio rettificativo n. 2/2018 adottato dalla Commissione il 13 aprile 2018 (COM(2018)0227),

–  vista la posizione sul progetto di bilancio rettificativo n. 2/2018 adottata dal Consiglio il 18 giugno 2018 e comunicata al Parlamento europeo il 19 giugno 2018 (09325/2018 – C8-0277/2018),

–  visti gli articoli 88 e 91 del suo regolamento,

–  vista la relazione della commissione per i bilanci (A8-0209/2018),

A.  considerando che il progetto di bilancio rettificativo n. 2/2018 è inteso a iscrivere nel bilancio 2018 l'eccedenza derivante dall'esecuzione dell'esercizio 2017, che ammonta a 555,5 milioni di EUR;

B.  considerando che le componenti principali di tale eccedenza sono un risultato positivo sul versante delle entrate pari a 338,6 milioni di EUR, una sottoesecuzione delle spese pari a 383,4 milioni di EUR e una differenza di cambio positiva pari a 166,4 milioni di EUR;

C.  considerando che, sul versante delle entrate, la differenza maggiore deriva da un importo di interessi di mora e di ammende superiore alle previsioni (342,6 milioni di EUR);

D.  considerando che, sul versante delle spese, la sottoesecuzione dei pagamenti da parte della Commissione ha raggiunto i 201,5 milioni di EUR per il 2017 (di cui 99,3 milioni di EUR dalla Riserva per gli aiuti d'urgenza) e i 53,5 milioni di EUR per i riporti dal 2016, e che la sottoesecuzione da parte delle altre istituzioni ha raggiunto gli 82,6 milioni di EUR per il 2017 e i 45,7 milioni di EUR per i riporti dal 2016;

1.  prende atto del progetto di bilancio rettificativo n. 2/2018, presentato dalla Commissione, che è inteso unicamente a iscrivere in bilancio l'eccedenza derivante dall'esecuzione dell'esercizio 2017, per un importo di 555,5 milioni di EUR, in conformità dell'articolo 18 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012, e della posizione del Consiglio al riguardo;

2.  ricorda che il basso livello di sottoesecuzione dei pagamenti alla fine del 2017 è stato possibile solamente grazie all'adozione del bilancio rettificativo n. 6/2017, che ha ridotto gli stanziamenti di pagamento di 7 719,7 milioni di EUR a causa di forti ritardi nell'esecuzione, in particolare nella sottorubrica 1b "Coesione economica, sociale e territoriale"; ricorda inoltre che tutti i bilanci rettificativi del 2017, pur avendo incrementato sensibilmente gli stanziamenti d'impegno (ad esempio, 1 166,8 milioni di EUR a titolo del Fondo di solidarietà dell'Unione europea a favore dell'Italia, 500 milioni di EUR per l'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile, 275 milioni di EUR per il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile), sono stati interamente finanziati mediante la riassegnazione di stanziamenti di pagamento inutilizzati; si rammarica che i ritardi nell'esecuzione e le stime imprecise degli Stati membri sembrino persistere nel 2018;

3.  prende atto, ancora una volta, del livello relativamente elevato delle ammende per violazione delle norme sulla concorrenza nel 2017, pari a 3 273 milioni di EUR; ritiene che, oltre all'eccedenza derivante dalla sottoesecuzione, il bilancio dell'Unione dovrebbe poter riutilizzare eventuali entrate derivanti da ammende o connesse a pagamenti tardivi, senza una corrispondente riduzione dei contributi basati sull'RNL; ricorda la propria proposta di creare una riserva speciale nel bilancio dell'Unione, da alimentare progressivamente con tutti i tipi di altre entrate impreviste e debitamente riportata per garantire ulteriori possibilità di spesa in caso di necessità;

4.  ritiene inoltre che, vista l'urgente necessità di dare una risposta rapida alla sfida della migrazione, e tenendo conto dei ritardi nella proroga dello strumento per i rifugiati in Turchia, l'eccedenza dell'esercizio 2017, pari a 555,5 milioni di EUR, possa costituire un'ottima soluzione per finanziare il contributo dell'Unione a tale strumento nel 2018, senza spingere al limite il bilancio generale dell'Unione;

5.  approva la posizione del Consiglio sul progetto di bilancio rettificativo n. 2/2018;

6.  incarica il suo Presidente di constatare che il bilancio rettificativo n. 2/2018 è definitivamente adottato e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea;

7.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio e alla Commissione nonché alle altre istituzioni e agli organi interessati e ai parlamenti nazionali.

(1) GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.
(2) GU L 57 del 28.2.2018.
(3) GU L 347 del 20.12.2013, pag. 884.
(4) GU C 373 del 20.12.2013, pag. 1.
(5) GU L 168 del 7.6.2014, pag. 105.

Ultimo aggiornamento: 7 novembre 2019Avviso legale