Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Procedura : 2018/2187(DEC)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0131/2019

Testi presentati :

A8-0131/2019

Discussioni :

PV 26/03/2019 - 12
CRE 26/03/2019 - 12

Votazioni :

PV 26/03/2019 - 13.36

Testi approvati :

P8_TA(2019)0277

Testi approvati
PDF 149kWORD 53k
Martedì 26 marzo 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria
Discarico 2017: Fondazione europea per la formazione (ETF)
P8_TA-PROV(2019)0277A8-0131/2019
Decisione
 Decisione
 Risoluzione

1. Decisione del Parlamento europeo del 26 marzo 2019 sul discarico per l'esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione (ETF) per l'esercizio 2017 (2018/2187(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2017,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2017, corredata della risposta della Fondazione(1),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(2) presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2017, a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 20 febbraio 2019 sul discarico da dare alla Fondazione per l'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2017 (05825/2019 – C8-0077/2019),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(3), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012(4), in particolare l'articolo 70,

–  visto il regolamento (CE) n. 1339/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, che istituisce una Fondazione europea per la formazione professionale(5), in particolare l'articolo 17,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(6), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A8-0131/2019),

1.  concede il discarico al direttore della Fondazione europea per la formazione per l'esecuzione del bilancio della Fondazione per l'esercizio 2017;

2.  esprime le sue osservazioni nella risoluzione in appresso;

3.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione e la risoluzione che ne costituisce parte integrante al direttore della Fondazione europea per la formazione, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

(1) GU C 434 del 30.11.2018, pag. 184.
(2) GU C 434 del 30.11.2018, p. 184.
(3) GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.
(4) GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.
(5) GU L 354 del 31.12.2008, pag. 82.
(6) GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.


2. Decisione del Parlamento europeo del 26 marzo 2019 sulla chiusura dei conti della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2017 (2018/2187(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  visti i conti annuali definitivi della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2017,

–  vista la relazione della Corte dei conti sui conti annuali della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2017, corredata della risposta della Fondazione(1),

–  vista la dichiarazione attestante l'affidabilità dei conti nonché la legittimità e la regolarità delle relative operazioni(2) presentata dalla Corte dei conti per l'esercizio 2017, a norma dell'articolo 287 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  vista la raccomandazione del Consiglio del 20 febbraio 2019 sul discarico da dare alla Fondazione per l'esecuzione del bilancio per l'esercizio 2017 (05825/2019 – C8-0077/2019),

–  visto l'articolo 319 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 ottobre 2012, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione e che abroga il regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio(3), in particolare l'articolo 208,

–  visto il regolamento (UE, Euratom) 2018/1046 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 luglio 2018, che stabilisce le regole finanziarie applicabili al bilancio generale dell'Unione, che modifica i regolamenti (UE) n. 1296/2013, (UE) n. 1301/2013, (UE) n. 1303/2013, (UE) n. 1304/2013, (UE) n. 1309/2013, (UE) n. 1316/2013, (UE) n. 223/2014, (UE) n. 283/2014 e la decisione n. 541/2014/UE e abroga il regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012(4), in particolare l'articolo 70,

–  visto il regolamento (CE) n. 1339/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, che istituisce una Fondazione europea per la formazione professionale(5), in particolare l'articolo 17,

–  visto il regolamento delegato (UE) n. 1271/2013 della Commissione, del 30 settembre 2013, che stabilisce il regolamento finanziario quadro degli organismi di cui all'articolo 208 del regolamento (UE, Euratom) n. 966/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio(6), in particolare l'articolo 108,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A8-0131/2019),

1.  approva la chiusura dei conti della Fondazione europea per la formazione relativi all'esercizio 2017;

2.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente decisione al direttore della Fondazione europea per la formazione, al Consiglio, alla Commissione e alla Corte dei conti, e di provvedere alla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea (serie L).

(1) GU C 434 del 30.11.2018, pag. 184.
(2) GU C 434 del 30.11.2018, pag. 184.
(3) GU L 298 del 26.10.2012, pag. 1.
(4) GU L 193 del 30.7.2018, pag. 1.
(5) GU L 354 del 31.12.2008, pag. 82.
(6) GU L 328 del 7.12.2013, pag. 42.


3. Risoluzione del Parlamento europeo del 26 marzo 2019 recante le osservazioni che costituiscono parte integrante della decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2017 (2018/2187(DEC))

Il Parlamento europeo,

–  vista la sua decisione sul discarico per l'esecuzione del bilancio della Fondazione europea per la formazione per l'esercizio 2017,

–  visti l'articolo 94 e l'allegato IV del suo regolamento,

–  visti la relazione della commissione per il controllo dei bilanci e il parere della commissione per l'occupazione e gli affari sociali (A8-0131/2019),

A.  considerando che, stando allo stato delle entrate e delle spese(1) della Fondazione europea per la formazione (la "Fondazione"), il bilancio definitivo di quest'ultima per l'esercizio 2017 ammontava a 20 144 089 EUR, il che rappresenta una diminuzione dello 3,62 % rispetto al 2016; che la dotazione della Fondazione proviene quasi interamente dal bilancio dell'Unione;

B.  considerando che la Corte dei conti, nella sua relazione sui conti annuali della Fondazione relativi all'esercizio 2017 (la "relazione della Corte"), ha dichiarato di aver ottenuto garanzie ragionevoli in merito all'affidabilità dei conti annuali della Fondazione, nonché alla legittimità e alla regolarità delle operazioni alla base di tali conti;

Gestione finanziaria e di bilancio

1.  osserva con soddisfazione che gli sforzi in materia di controllo di bilancio intrapresi nel corso dell'esercizio 2017 si sono tradotti in un elevato tasso di esecuzione del bilancio pari al 99,93 %, con un leggero incremento dello 0,06 % rispetto all'esercizio 2016; prende atto che il tasso di esecuzione degli stanziamenti di pagamento è stato del 97,97 % e ha dunque registrato un aumento dello 0,31 % rispetto all'esercizio precedente;

Annullamento di riporti

2.  rileva con preoccupazione che l'annullamento di riporti della Fondazione dal 2016 al 2017 è ammontato a 42 925 EUR, il che rappresenta il 9,16 % dell'importo totale riportato, nonostante una significativa riduzione dell'8,42 % rispetto al 2016;

Performance

3.  osserva con soddisfazione che la Fondazione si avvale di alcuni indicatori chiave di prestazione (ICP), oltre ad altri indicatori di produttività e qualità, per esaminare il valore aggiunto apportato dalle proprie attività e migliorare la gestione del bilancio;

4.  accoglie con favore il sostegno e la complementarità della Fondazione alle politiche esterne, in particolare alle politiche di allargamento e di vicinato, nonché agli strumenti di politica estera dell'Unione; accoglie con favore i contributi della Fondazione all'assistenza bilaterale esterna connessa al dialogo politico e ai processi di rendicontazione dell'Unione; riconosce la sua volontà di essere maggiormente coinvolta nelle questioni relative all'istruzione e alla formazione professionale (IFP) contenute negli aiuti dell'Unione concessi ai paesi terzi e incoraggia la disponibilità della Fondazione a sostenere gli aiuti dell'Unione per rafforzare la riforma dell'IFP a livello globale;

5.  riconosce il lavoro della Fondazione a sostegno dei paesi partner dell'Unione per mettere a frutto il loro capitale umano attraverso la riforma dei sistemi dell'istruzione, della formazione e del mercato del lavoro nel contesto della politica dell'Unione in materia di relazioni esterne; accoglie con favore le attività svolte dalla Fondazione in materia di sviluppo di competenze e facilitazione dell'apprendimento permanente per sostenere i paesi partner nel miglioramento dell'occupabilità e delle prospettive occupazionali dei loro cittadini;

6.  accoglie con favore il sostegno della Fondazione ai paesi candidati all'adesione all'Unione in settori quali l'apprendimento sul lavoro, lo sviluppo professionale continuo degli insegnanti nell'IFP e l'educazione all'imprenditorialità; sostiene gli sforzi della Fondazione nei Balcani occidentali volti a modernizzare le qualifiche e i relativi sistemi; riconosce i progressi compiuti nello sviluppo e nell'attuazione dei quadri nazionali delle qualifiche a diversi livelli nonché nella convalida dell'apprendimento informale e non formale (VINFIL); accoglie con favore la relazione della Fondazione sul monitoraggio dei diplomati di formazioni professionali nei paesi candidati all'adesione all'UE; incoraggia il proseguimento del lavoro della Fondazione nei paesi del partenariato orientale sia nelle attività regionali che in quelle specifiche per paese legate al miglioramento della qualità delle scuole professionali, delle attrezzature e dei risultati;

7.  accoglie con favore le attività e il sostegno in Asia centrale per quanto riguarda il monitoraggio dell'assistenza tecnica e del sostegno di bilancio dell'Unione in questi paesi e la promozione della cooperazione regionale in linea con la piattaforma per l'istruzione dell'Asia centrale (CAEP); sostiene il costante impegno dell'Asia centrale in un'analisi politica a livello di sistema e il monitoraggio dei progressi compiuti nell'IFP attraverso il processo di Torino.

8.  osserva che la Fondazione ha conseguito un tasso di completamento delle attività del 93 %, con un tasso di completamento tempestivo dell'88 %, che ha lanciato il forum per la qualità nell'istruzione e formazione professionale e che ha potuto realizzare i suoi obiettivi per 13 ICP su 14;

9.  si compiace degli accordi e dei piani d'azione annuali della Fondazione sulla collaborazione nei settori politici che presentano sovrapposizioni con la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro e con il Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale; apprezza che la Fondazione sia divenuta il leader del contratto interagenzie per la fornitura di indagini comparative sulla motivazione del personale;

Politica del personale

10.  rileva che, al 31 dicembre 2017, la tabella dell'organico era completata al 96,6 %, con la nomina di 85 su 88 agenti temporanei autorizzati a titolo del bilancio dell'Unione (rispetto ai 90 posti autorizzati nel 2016); osserva inoltre che nel 2017 hanno lavorato per la Fondazione anche 40 agenti contrattuali e un esperto nazionale distaccato;

11.  sottolinea l'importanza di garantire personale e risorse finanziarie adeguati per permettere alla Fondazione di svolgere i suoi compiti;

12.  osserva che la Fondazione dispone di diverse misure contro le molestie e che tutti i nuovi arrivati partecipano a una sessione informativa presentata da consulenti soggetti all'obbligo di riservatezza;

Prevenzione e gestione dei conflitti di interesse e trasparenza

13.  prende atto delle misure esistenti e degli sforzi in corso della Fondazione per garantire la trasparenza, la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse, e la protezione degli informatori; osserva che è stato istituito un organo indipendente addetto alla comunicazione, alla consulenza e alle segnalazioni con la nomina del consulente giuridico della Fondazione come corrispondente della Fondazione per l'etica e l'integrità; rileva che il ruolo del corrispondente dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode e del corrispondente del Mediatore è stato abbinato al ruolo del corrispondente per l'etica e l'integrità così da disporre di un canale centrale unico attraverso il quale il personale può segnalare irregolarità, con la garanzia di indipendenza e riservatezza;

14.  si compiace del fatto che la Fondazione abbia avviato un esercizio obbligatorio di sensibilizzazione antifrode online tra il suo personale esistente nonché, sotto forma di esercizio obbligatorio di formazione introduttiva, tra il nuovo personale;

Controlli interni

15.  constata che nel 2017 la Fondazione ha riveduto il suo quadro di controllo interno e che il consiglio direttivo ha adottato i principi di controllo interno; prende atto che la valutazione si è basata sulle 16 norme di controllo interno (ICS) esistenti e, conseguentemente, per 10 ICS su 16 sono stati ritenuti necessari solo "leggeri miglioramenti", mentre per nessuna ICS è stata rilevata la necessità di "miglioramenti sostanziali" né è stato osservato che "non vi è alcun sistema in atto"; invita la Fondazione a riferire all'autorità di discarico in merito alle misure adottate per migliorare la situazione;

16.  osserva che il servizio di audit interno (IAS) della Commissione ha eseguito un audit sul monitoraggio dei progressi nell'IFP e che l'audit ha dato luogo a quattro raccomandazioni, di cui tre indicate come "importanti" e una come "auspicabile"; osserva che la Fondazione ha pertanto elaborato un piano d'azione previsto per il 2018; riconosce che la Fondazione non ha in sospeso alcuna raccomandazione di audit formulata dall'IAS prima del 2017;

Altre osservazioni

17.  accoglie con favore il fatto che la Fondazione ritenga superate le preoccupazioni relative ai locali di Villa Gualino e che la sua presenza nelle strutture attuali sia garantita per il prossimo futuro;

o
o   o

18.  rinvia, per altre osservazioni di natura orizzontale che accompagnano la decisione di discarico, alla sua risoluzione del 26 marzo 2019(2) sulle prestazioni, la gestione finanziaria e il controllo delle agenzie.

(1) GU C 8/4 del 17.3.2017, pag. 28.
(2) Testi approvati, P8_TA-PROV(2019)0254.

Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2019Avviso legale