skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Comunicare l'Europa: dall'Informazione alla partecipazione

Caserta, 4-8 novembre

Si è svolto dal 4 all'8 novembre, l'iniziativa "In Europarlamento", una simulazione dei lavori dell'assemblea di Strasburgo

L'evento si inserisce nell'ambito del progetto cofinanziato dal Parlamento europeo "Comunicare Europa in provincia", promosso dalla Provincia di Caserta, in partenariato con le Provincie di Chieti e Frosinone e con la collaborazione dei Centri Europe Direct attivi presso tali Province. La simulazione, alla quale hanno partecipato studenti delle tre province ed alcuni studenti stranieri, ha consentito ai partecipanti di conoscere da vicino i meccanismi dei lavori di commissione e dell'Assemblea plenaria del Parlamento europeo.

Per l'Ufficio d'Informazione per l'Italia del Parlamento europeo, ha partecipato la direttrice, Clara Albani, intervenendo al convegno sul tema: "Il Parlamento europeo e le elezioni 2009: laboratorio di democrazia nel rispetto della diversità". La direttrice ha evidenziato come il pluralismo dei media sia al centro delle attuali politiche europee: ha specificato il ruolo svolto dal Parlamento Europeo citando la proposta di aggiornamento, presentato dalla Commissione europea nel 2005, della cosiddetta direttiva "TV senza frontiere" del 1989; la nascita del "Libro bianco" sulla comunicazione dell'Unione Europeo; la richiesta di una maggiore politica di comunicazione da parte del Parlamento europeo per una solida collaborazione europea tra media e giornalisti, indispensabile per l'informazione sull'Unione europea; la nascita di un "fondo europeo del giornalismo" e la relazione, approvata in plenaria a Strasburgo lo scorso 25 settembre, che si occupa direttamente del pluralismo dell'informazione a garanzia della democrazia di comunicazione.