skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Creatività e produzione culturale. Un paese tra declino e progresso

Ferrara, 16 dicembre

È stato presentanto nel Teatro Comunale di Ferrrara il Quinto rapporto annuale di Federculture, che quest'anno presenta un focus particolare sui concetti chiave della creatività, dell'innovazione, e della produzione culturale, ed esamina e valuta i nodi che ne frenano lo sviluppo, ma anche i punti di forza e le potenzialità, fornendo un ampio e indispensabile raffronto con il panorama europeo.

Nel volume è contenuta, inoltre, una puntuale rassegna di dati e indicatori di settore, raccolti nell'ampia appendice statistica che ne fa, come di consueto, un indispensabile e aggiornato strumento di comprensione del nostro sistema culturale. Dopo i saluti del presidente del Teatro Comunale Alessandra Zagatti e dell'Assessore alla cultura della Regione Emilia-Romagna Alberto Ronchi, il segretario generale di Federculture Roberto Grossi Ha illustrato i contenuti del quinto Rapporto Annuale. Poi è stato il turno di Massimo Maisto, assessore alla Cultura del Comune di Ferrara, con un intervento intitolato "Riflessioni sulle politiche culturali a Ferrara: identità della città e sviluppo del territorio". È seguita una tavola rotonda, presieduta da Irene Bregola, presidente della Commissione Cultura del Consiglio Comunale di Ferrara, a cui hanno partecipato Patrizio Bianchi, rettore dell'Università di Ferrara e presidente della Fondazione Crui per le Università italiane, Sergio Lenzi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara, Carlo Alberto Roncarati, presidente della Camera di Commercio di Ferrara, Pier Virgilio Dastoli, direttore della Rappresentanza Italiana della Commissione Europea, Maurizio Roi, presidente dell'Ater, Massimo Palumbo per lUfficio Informazione per l'Italia del Parlamento Europeo.