skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Federconsumatori - "EU4Consumers - Communicating a better Economy"

Il progetto consiste nel creare, all'interno del sito internet di Federconsumatori (federconsumatori.it), una specifica sezione dedicata alle attività del Parlamento europeo. Ad oggi il sito principale è visitato da tre milioni di persone, tra cittadini e stakholders.
Inoltre il sito sarà affiancato da una web-radio, che trasmetterà un programma giornaliero, da una web-tv, da una newsletter ed una pubblicazione online.

Gli obiettivi principali sono i seguenti:
- Riportare l'attività istituzionale del Parlamento europeo (sessione plenaria, commissioni e delegazioni, eventi pubblici, attività legislativa,...).
- Promuovere, attraverso il sito, ricerche indirizzate alle organizzazioni della società civile, decisori politici, opinion makers e università in modo tale da promuovere una cittadinanza attiva.
- Promuovere l'azione collettiva (class action) a livello europeo.

Il sito sarà impostato in modo tale da poter essere facilmente accessibile per ogni cittadino, e soprattutto per coloro interessati all'attività parlamentare legata alla crisi economica e le sue conseguenze sociali. Inoltre i consumatori saranno coinvolti attraverso interviste che saranno utilizzate per uno spot  basato su ciò che essi si aspettano faccia l'Unione europea.

Sin dall'inizio verrà effettuata una ricerca con lo scopo di comprendere tre differenti aspetti: la reale situazione del mercato energetico ed idrico in Italia e in Europa, l'informazione data dalle aziende ai cittadini/consumatori e infine la legislazione legata al ricorso e alla class action in Italia e in Europa. Per quanto riguarda quest'ultimo punto, è prevista la raccolta di almeno 1000000 di firme a supporto della class action dei consumatori da presentare alle istituzioni europee e italiane.