skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

La Commissione europea ha adottato l'Agenda sull'immigrazione

Forte politica di asilo comune, lotta contro i trafficanti, prevenzione della migrazione irregolare, gestione delle frontiere esterne e nuove politiche di migrazione legale. Sono questi i 4 pilastri dell'Agenda europea sull'immigrazione, il piano dell'Unione europea per gestire i flussi migratori nel periodo 2015-2020.

Presentato dal commissario per le Migrazioni, Dimitri Avramopulos, e adottato mercoledì 13 maggio dalla Commissione europea, il testo è il risultato di un percorso iniziato a fine aprile quando, dopo l'ennesima strage nel Mediterraneo, il governo italiano ha chiesto di convocare una seduta straordinaria del Consiglio Europeo per discutere dell'emergenza umanitaria.

Nel vertice tra i capi di Stato e di governo del 23 aprile 2015, i rappresentanti dei 28 Stati membri hanno discusso il piano di 10 punti per fronteggiare l'ondata migratoria, presentato dall'Alto rappresentante per la politica Estera e di Sicurezza comune, Federica Mogherini e dal Commissario Dimitris Avramopulos.

Aumento dei finanziamenti per le missioni di sicurezza e sorveglianza Triton e Poseidon, prevenzione dell'immigrazione irregolare, rafforzamento della solidarietà tra gli Stati membri e norme comuni, lotta ai trafficanti: sono gli obiettivi fissati durante il Consiglio europeo di aprile e inseriti ora nell'Agenda della Commissione.

Il piano per l'immigrazione arriva dopo un iter durato quasi un anno e scandito da tappe fondamentali tra cui gli orientamenti strategici del Consiglio europeo di giugno 2014, il documento con le linee guida di Jean-Claude Juncker di luglio 2014, la risoluzione del Parlamento europeo e la seduta straordinaria del Consiglio dello scorso aprile.

"L'Europa ha bisogno di un controllo migliore dell'immigrazione, in tutti i suoi aspetti. Questo è prima di tutto un obiettivo umanitario", si legge nel punto 8 delle linee-guida tracciate dal presidente della Commissione Juncker dopo la sua elezione. Un'agenda di priorità in cui venivano già annunciati alcuni punti chiave per la gestione dell'emergenza migratoria.

Dopo l'approvazione del collegio dei commissari, l'Agenda europea sull'immigrazione è passata al vaglio del Consiglio  dei Ministri degli Esteri e della Difesa. Mercoledì sarà discussa da Consiglio e Parlamento in plenaria a Strasburgo. La discussione può essere seguita in diretta QUI

Interagisci sull'argomento seguendo gli hashtag

#agendamigranti #migranti
#migrantcrisis #migrant
#Mediterranean #MigrationEu

 
  facebook         twitter         
 

Ufficio d'Informazione del Parlamento europeo in Italia     Vi preghiamo di non rispondere a questo messaggio. Per porre domande o inviare suggerimenti, vi preghiamo di scrivere a epitalia@europarl.europa.eu