skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Newsletter n. 2/2015

20/05/2015

FOCUS ON

Il mercato unico digitale in Europa

Il progetto di strategia per il mercato unico digitale è necessario per rafforzare la fiducia nei confronti del mondo online, stimolare la crescita e proteggere i diritti dei cittadini, dei creativi e delle imprese.
I presidenti delle commissioni parlamentari industria (ITRE), mercato interno (IMCO) e giuridica (JURI), hanno reagito positivamente alla proposta avanzata dalla Commissione europea lo scorso 6 maggio.
La strategia definisce 16 azioni mirate che dovranno essere attuate entro la fine del 2016, e poggerà su tre pilastri: migliorare l’accesso a beni e servizi digitali per consumatori e imprese; creare un contesto favorevole allo sviluppo di reti digitali e servizi innovativi; massimizzare il potenziale di crescita dell’economia digitale.

 

LE ATTIVITA' DELL'UFFICIO D'INFORMAZIONE

Cosa abbiamo fatto: Festa dell'Europa

Le attività del mese di maggio sono state dedicate alla Festa dell'Europa, con l'organizzazione di eventi a Roma, Bologna, Milano, Venezia. Tra questi, segnaliamo in particolare il Dialogo con i cittadini e l'inaugurazione del padiglione dell'Unione europea a EXPO Milano, con Martin Schulz e Federica Mogherini, l'incontro "TTIPxTe? Parliamone!" a Firenze e la conclusione a Roma del progetto di simulazione dei lavori del Parlamento europeo, "New Generation EP".

 

LE ATTIVITA' DEL PARLAMENTO EUROPEO

Cosa c'è in programma: Sessione plenaria del 18/5/2015

La seduta plenaria del Parlamento europeo rappresenta il punto d'arrivo del lavoro legislativo effettuato in seno alle commissioni parlamentari e ai gruppi politici. La plenaria rappresenta altresì la sede in cui i deputati europei - rappresentanti dei cittadini dell'Unione europea – partecipano al processo decisionale comunitario e fanno valere i propri punti di vista presso la Commissione e il Consiglio.

Questa settimana il PE è riunito in sessione plenaria a Strasburgo. In apertura dei lavori, il Presidente Martin Schulz ha informato l'Aula che il Primo Ministro ungherese, Viktor Orbán, ha chiesto di partecipare al dibattito sulla situazione in Ungheria, previsto per il tardo pomeriggio di martedì.

Tra i molti temi in discussione, l'Agenda europea sulla migrazione e l'epidemia di Xylella che sta colpendo gli ulivi dell'Europa del sud (v. Approfondimenti).

Il Parlamento europeo si confronterà durante questa sessione con Commissione e Consiglio su vari temi. In particolare su temi sociali chiederà conto del blocco ormai pluriennale della proposta di direttiva su "congedo di maternità" e discuterà dello stato di attuazione degli impegni assunti alla luce della Convenzione delle Nazioni Unite sulla disabilità. Inoltre si terrà un'interessante discussione a seguito di interrogazione orale sullo stato di attuazione negli Stati membri dell'Iniziativa a favore dell'occupazione giovanile. Infine in materia di politica estera il Parlamento affronterà una discussione mercoledì alle 17 sull'implementazione della politica di sicurezza e difesa comune e sul suo finanziamento, si occuperà dello stato dei negoziati con la Turchia e infine ascolterà le dichiarazioni dell'alto rappresentante Mogherini su Etiopia, Macedonia e partenariato orientale. Anche la caccia delle balene da parte del Giappone in Antartide sarà oggetto di debriefing da parte del Consiglio.

Seduta plenaria - Ordini del giornoSeduta plenaria - Home page
 

Cosa è successo...

... nella sessione plenaria di aprile 2015

Dal 27 al 30 aprile il Parlamento europeo si è riunito in plenaria a Strasburgo. Segnaliamo, tra gli altri, tre temi importanti di cui si è discusso nel corso della sessione.

Nuovi dispositivi di chiamata d'emergenza (eCall), in grado di allertare automaticamente i servizi di soccorso in caso d’incidente stradale dovranno essere istallati su tutti i nuovi modelli di auto e furgoni leggeri entro il 31 marzo 2018, secondo le nuove norme approvate dal Parlamento europeo martedì. I deputati hanno rinforzato le misure a tutela della privacy previste nel progetto legislativo. Il voto del Parlamento conclude la procedura legislativa europea. Il regolamento entrerà in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il Parlamento, in una risoluzione approvata mercoledì, chiede alla Commissione di presentare una proposta per introdurre un'etichettatura su contenuto calorico per bevande alcoliche al più tardi nel 2016. I deputati chiedono anche una nuova strategia UE in materia di alcol, che si concentri sul consumo di alcol da parte dei minori e propongono di inserire, sempre sulle etichette dei prodotti, informazioni su rischi della guida in stato di ebbrezza e consumo durante la gravidanza.

I pescatori avranno due anni di tempo per "adattarsi" prima dell'entrata in vigore del nuovo divieto di "rigetto" del pesce di scarto, secondo le norme approvate martedì dal Parlamento. L'obbligo per i pescatori di sbarcare le catture indesiderate e non rigettarle in acqua, è il principale obiettivo della nuova politica comune della pesca (PCP). Il Consiglio dei ministri UE deve ora approvare formalmente il progetto di legge, dopo di che sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea per entrare in vigore il terzo giorno successivo alla sua pubblicazione.

eCall - Dispositivi per la chiamata automatica d'emergenza Bevande alcoliche - Indicazione del contenuto calorico sulle etichetteDivieto di rigetto per i pesci - Ritardate le sanzioni
 

L'ANGOLO DEI RELATORI

Piernicola Pedicini

Il 19 maggio il Parlamento europeo, riunito in seduta plenaria, ha votato il rapporto "su un'assistenza sanitaria più sicura in Europa: migliorare la sicurezza del paziente e combattere la resistenza antimicrobica", presentata dall'eurodeputato Piernicola Pedicini (M5S - EFDD), membro della commissione ambiente e sanità pubblica del PE. La relazione è stata approvata con 637 voti a favore, 32 contrari e 10 astensioni.

 

APPROFONDIMENTI

 .
 .
 
 .
 .
  facebook         twitter         
 

Ufficio d'Informazione del Parlamento europeo in Italia     Vi preghiamo di non rispondere a questo messaggio. Per porre domande o inviare suggerimenti, vi preghiamo di scrivere a epitalia@europarl.europa.eu