skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
01/12/2010

Palermo, 1/3 dicembre 2010 - Seminario Nazionale 2010 - Anno europeo della lotta contro la povertà e l'esclusione sociale. Dalla strategia di Lisbona verso "E.T. 2020"

A conclusione delle attività svolte dalla Direzione Generale per gli Affari Internazionali nell'ambito dello "Anno Europeo della lotta contro la povertà e l'esclusione sociale" si è svolto a Palermo un Seminario nazionale, nei giorni 1, 2 e 3 dicembre 2010, con la collaborazione dell' Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia.

I lavori del Seminario nazionale del Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca svoltisi a Palermo l'1-2-3 dicembre 2010 hanno riguardato la presentazione di esperienze e progetti concernenti la prevenzione del disagio sociale e la lotta contro la povertà realizzati da istituzioni scolastiche, associazioni ed vari enti presenti in Italia.

L'evento si è svolto con il patrocinio del Ministero Direzione Generale MIUR Affari Internazionali, presieduto dalla dirigente Donatella Amatucci, con la collaborazione del professor Claudio Federico e dell'Ufficio Scolastico Regionale Sicilia. Il tema trattato è stato: "l'Anno europeo della lotta contro la povertà e l'esclusione sociale, dalla strategia di Lisbona verso "E.T. 2020".

E´ stato inoltre dedicato uno spazio agli esiti del Gruppo di lavoro istituito dalla Commissione Europea "Cluster Group on Access and Social Inclusion". Dottor Massimo Palumbo, Responsabile delle Pubbliche Relazioni dell'Ufficio di Informazione del Parlamento europeo per l'Italia ha presentato una relazione.  

Si è trattato di un convegno ricco d'idee e dibattiti: da un lato vi erano i"grandi", i professori, anche dall'Ungheria, dall'altro gli studenti, tutti a confronto. Tra gli interventi più importanti vi sono stati quello del prof. Spinelli, docente di lingua e cultura romani´ dell'Università di Chieti, dal titolo" Cultura Romani´, intercultura e inclusione.