skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Più Europa, più lingue nella scuola italiana

Imperia, 2-4 aprile

Con il convegno "Multilinguismo e apprendimento", svoltosi a Imperia il 2-4 aprile scorsi, la DG Affari internazionali del Ministero della Pubblica Istruzione ha voluto fare il punto sui numerosi progetti volti a promuovere il plurilinguismo e l'appredimento delle lingue nella scuola e contemporaneamente dare uno stimolo ai futuri lavori degli istituti riuniti nella rete nazionale "Un contesto favorevole alle lingue".

I progetti presentati al convegno hanno spaziato dai tradizionali scambi culturali, alla formazione per i docenti in contesti caratterizzati da lingue regionali e di minoranza, al coinvolgimento degli studenti in spettacoli teatrali in lingua straniera, alla cooperazione transfrontaliera in aree multilingue.


Nutrita la presenza di istituzioni internazionali, a testimoniare l'importanza del tema "multilinguismo" nella casa comune europea. Per la Commissione europea, Diego Marani (DG EAC) e Alessandra Centis (DG Traduzione, Rappresentanza, Roma) hanno illustrato rispettivamente le proposte del gruppo di intellettuali guidato dallo scrittore Amin Maalouf e le attività della Rappresentanza in materia di multilinguismo.

Johanna Panthier del Consiglio d'Europa ha ripercorso lo sviluppo degli importanti strumenti messi a punto dal CdE a sostegno dell'insegnamento delle lingue. Per l'Ufficio di informazione del Parlamento europeo, Carlo Marzocchi ha illustrato recenti prese di posizione del Parlamento in materia (relazioni Ebner, Mavrommatis e Bernat Joan i Marí), insistendo particolarmente sul valore "civico" delle competenze linguistiche - nella propria lingua materna e nelle lingue straniere - come strumento di accesso all'informazione e quindi di esercizio consapevole della cittadinanza.