skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Roma, 30 ottobre: Conferenza "Identità e Memoria: teatro, musica e nuovi elementi di riflessione"

Nella suggestiva cornice del Portico d'Ottavia, Domenica 30 ottobre 2011 il Palazzo della Cultura ha ospitato l'evento Identità e Memoria, patrocinato dal Presidente della Repubblica, ed organizzato congiuntamente dalle associazioni Music Theatre International-MThI e Prospettive Mediterranee, in collaborazione con l'Ufficio d'Informazione in Italia del Parlamento Europeo e la Comunità Ebraica di Roma e il supporto di ACEA.

Personalità della cultura e delle istituzioni italiane ed europee tra cui i Vicepresidenti del Parlamento Europeo, On. Gianni Pittella e l'On. Roberta Angelilli, quest'ultima attraverso un video messaggio, hanno partecipato alla Riflessione Politico - Culturale sul tema Identità, Memoria e Cittadinanza, generando un intenso scambio di battute sulla problematica dialettica tra integrazione e solidarietà nei confronti degli immigrati; l'On. Pittella ha sottolineato l'esigenza di accogliere i nuovi immigrati e di valorizzarli come risorse positive, mentre l'On. Angelilli ha suggerito di cogliere l'occasione dell'evento per riflettere sull'importanza della Memoria per conservare la nostra Identità.

Hanno poi espresso un vivo sostegno all'iniziativa attraverso uno stimolante messaggio di auguri il Presidente della Camera dei Deputati, on. Gianfranco Fini, ed il Presidente del Senato, on. Renato Schifani, il cui messaggio è stato letto dal suo Consigliere per gli Affari Culturali.

Il progetto Identità e Memoria, che si inserisce nella cornice del Premio Sacharov del Parlamento europeo, ha così portato fuori dai luoghi tradizionali il dibattito e la rievocazione storica sulle problematiche legate al rispetto delle identità collettive ed alla tutela della libertà di pensiero con lo scopo di favorire una riflessione sulle politiche per la coesistenza tra differenti identità collettive e fornire un contributo alla discussione degli obiettivi posti dalle azioni di volontariato nelle diverse, ma complementari strategie di integrazione e solidarietà, soprattutto nei confronti delle minoranze presenti in ciascun paese europeo.

Infine intense emozioni ha trasmesso al pubblico lo spettacolo teatrale-musicale Le train de Youkali, che ha rievocato le vicende e la vita di tre artisti ebrei tedeschi perseguitati non solo in quanto membri di una minoranza discriminata, ma anche come artisti, per aver voluto esprimere liberamente il proprio pensiero senza appiattirsi ai diktat del regime imposto da Hitler nella Germania degli anni '30.

 
 .