skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Stretegia europea per i diritti dei minori

Roma, 17 luglio

Giovedì 17 luglio l'On. Roberta Angelilli, relatrice al il Parlamento europeo sul "Programma comunitario per la protezione dei minori che usano internet e altre tecnologie della comunicazione", ha tenuto una conferenza stampa, organizzata dall'Ufficio di Informazione per l'Italia del Parlamento europeo per presentare il programma "Saefer Internet".

Davanti ad una platea gremita di giornalisti interessati e di esponenti di associazioni del settore, la relatrice ha descritto gli obiettivi inseriti nel quadro dell' zione europea per una maggiore sicurezza dei minori su internet per la quale sono stati stanziati 55 milioni di euro nel periodo 2009-2013. Dall'interessante rapporto, che si è avvalso delle preziose collaborazioni del professor Mastronardi criminologo e del capo della Polizia postale dottor Vulpiani, è emerso come, proprio in seguito alla diffusione delle nuove tecnologie e della maggiore alfabetizzazione telematica, i bambini siano sempre più esposti a informazioni illegali con contenuti dannosi, molestie, pedopornografia, adescamento on line (grooming), incitamento all' autolesionismo.

Necessario, per fronteggiare tali situazioni e contenere i rischi, è uno sforzo comune per aumentare la conoscenza e la prevenzione, che incoraggi e faciliti la denuncia e migliori le possibilità di investigare coinvolgendo i minori, le famiglie, le scuole i providers, le istituzioni e tutta la società civile.

L'onorevole Angelilli ha concluso il suo intervento ribadendo che il Parlamento europeo si sta impegnando per concludere l'iter parlamentare entro il 1° gennaio 2009 e garantire così al più presto lasicurezza on-line di tutti i minori.ì