skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Diritto di petizione

Il Parlamento europeo rappresenta oltre 500 milioni di cittadini e ha come vocazione la difesa dei loro diritti. A tal fine il PE ha istituito al proprio interno una commissione per le petizioni, incaricata di esaminare le richieste presentate dai cittadini e di dar loro seguito nella maniera più appropriata.

Il PE può intervenire presso le altre Istituzioni comunitarie e presso quelle nazionali quando i cittadini presentano un reclamo o un'osservazione, a titolo individuale o collettivo, perché ritengono sia stato violato un loro diritto oppure la normativa comunitaria, o desiderano semplicemente invitare il Parlamento europeo a pronunciarsi su una determinata questione.

La commissione per le petizioni funge da ponte tra i cittadini europei e le Istituzioni dell'Unione. I trattati dell'UE conferiscono a tutti i cittadini europei il diritto di rivolgersi per iscritto al Parlamento europeo in merito ai vari tipi di problemi che incontrano nella loro vita quotidiana, purché tali questioni rientrino nel campo di attività dell'Unione europea.

La procedura di petizione dinanzi al Parlamento europeo è finalizzata a garantire la possibilità di comunicare con il Parlamento e di esercitare il proprio diritto di petizione, uno dei diritti fondamentali di tutti i cittadini e residenti europei, come stabilito sia dal trattato sia dalla Carta dei diritti fondamentali.

Grazie alle petizioni ricevute il Parlamento, tramite la sua commissione per le petizioni, è in grado di esercitare un controllo concreto e costante del modo in cui è attuata la legislazione europea e di valutare la misura in cui le istituzioni europee rispondono alle preoccupazioni sollevate dai cittadini.

L'obiettivo della commissione per le petizioni è di rispondere a tutte le petizioni indicando, se possibile, una riparazione extragiudiziale alle legittime preoccupazioni sollevate dai firmatari su questioni relative agli ambiti di attività dell'UE.

Come presentare una petizione al Parlamento europeo

Si può presentare la propria petizione per via elettronica oppure redigerla in formato cartaceo. In questo caso non è necessario compilare alcun modulo né seguire un formato standard.
Le petizioni possono essere redatte in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell'Unione europea.

La petizione deve:
- recare il nome, la cittadinanza e l'indirizzo di residenza del firmatario (nel caso delle petizioni di gruppo, essa deve recare il nome, la cittadinanza e l'indirizzo di residenza della persona che presenta la petizione, o almeno del primo firmatario);
- essere firmata.

La petizione può contenere allegati, incluse le copie di eventuali documenti giustificativi, e va inviata al seguente indirizzo:

Al Presidente della Commissione per le petizioni
Parlamento Europeo
B-1047 BRUXELLES

La procedura di esame delle petizioni è aperta e trasparente. Molte petizioni sono discusse durante le riunioni della commissione per le petizioni, alle quali i firmatari possono partecipare attivamente. Tuttavia, alla luce dell'eterogeneità e dell'ingente numero delle petizioni ricevute, non tutte vengono discusse in commissione ma i membri possono scegliere di adottare le proprie decisioni sulle stesse ricorrendo a un normale sistema di esame politico.

In ogni caso i firmatari sono informati in tutte le fasi della procedura di petizione e ricevono una lettera dal presidente circa l'esito della petizione.

Per avviare, sostenere o visualizzare una petizione clicca sul link seguente:

Portale delle Petizioni
 .