skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il Parlamento europeo dopo il Trattato di Lisbona

Il Trattato di Lisbona ha conferito più poteri al Parlamento europeo, rafforzandone il ruolo in campi che includono: agricoltura, pesca, energia, immigrazione, sicurezza, giustizia e affari interni, salute, fondi strutturali.

Più precisamente, il Parlamento diviene co-legislatore con il Consiglio in nuovi settori, alcuni dei quali erano di competenza esclusiva di quest’ultimo: agricoltura e pesca, immigrazione legale, cooperazione giudiziaria, politica d'asilo, politica monetaria relativa all'utilizzazione dell'euro, fondi strutturali.

Mentre in altri nuovi settori, introdotti dal Trattato di Lisbona, quali ad esempio: energia, servizi di interesse economico generale, immigrazione, turismo, ricerca europea, sanità, sport, controlli alle frontiere, vige la co-decisione Parlamento-Consiglio.

Il Parlamento ottiene dal Trattato di Lisbona anche un ruolo maggiore nella definizione del bilancio comunitario. Cade la ripartizione tra "spese obbligatorie" e "spese non obbligatorie" e, insieme al Consiglio, decide sull'insieme del bilancio UE.

Il Parlamento esercita un controllo democratico sull'intera attività comunitaria.

La Commissione europea, il Presidente del Consiglio europeo e l'alto Rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell'UE sono sottoposti all'approvazione del Parlamento europeo.

Il Parlamento approva gli accordi internazionali, anche commerciali, siglati dalla UE e ha il potere di proporre modifiche ai trattati.

Il PE dopo Lisbona | Visita la pagina