skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

L'Unione europea a EXPO Milano 2015

Expo Milano 2015 sarà la prima esposizione mondiale a svolgersi in Europa dopo 15 anni e il suo tema, "Nutrire il pianeta, energia per la vita", è di vitale importanza per il nostro continente e il resto del mondo. L'Unione europea è protagonista mondiale del dibattito su generi alimentari e sostenibilità ed è all'avanguardia nel promuovere la qualità dei prodotti alimentari e garantire la sicurezza degli alimenti e la sostenibilità ambientale.

Attraverso la sua presenza a EXPO 2015, l'Unione europea punta a rafforzare la sua posizione, mettere in risalto i suoi successi e cogliere quest'opportunità per trovare soluzioni comuni ai problemi insieme alle altre nazioni e organizzazioni internazionali e agli operatori del settore privato. Per questo, il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz e l'Alto Rappresentante e  Vicepresidente della Commissione europea Federica Mogherini incontreranno cittadini, studenti e visitatori dell'EXPO di Milano per discutere di Unione europea, di sostenibilità e del ruolo dell'Europa nel mondo.

 
L'esperienza di EXPO Milano 2015 volge al termine: l'esposizione chiuderà infatti i cancelli sabato 31 ottobre. Il Presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, ha rilasciato una dichiarazione in cui tira le somme di quanto realizzato in questi sei mesi e ringrazia tutti quanti hanno collaborato alla diffusione del messaggio veicolato dal Padiglione dell'UE con "La spiga d'oro", la storia di Alex & Sylvia.
Mairead Mc Guinness e Tibor Navracsics al padiglione UE
Spreco alimentare contro carenza di cibo, obesità contro malnutrizione, e sullo sfondo la necessità di affrontare le problematiche legate al cambiamento climatico. Qual è il ruolo della ricerca scientifica nell'assicurare a livello globale l'accesso al cibo e la sicurezza degli alimenti? Se ne è parlato a Milano.
Foto: EP/Pietro Naj-Oleari
Il 9 maggio, il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz e l'Alta Rappresentante per la Politica estera dell'UE, Federica Mogherini, hanno inaugurato il padiglione dell'Unione europea all'Esposizione universale di Milano. Nel quadro della Giornata dell'Europa, hanno altresì partecipato a un Dialogo con i cittadini, a cui sono state presenti oltre 1.000 persone.
 

Un'esposizione universale per "nutrire il pianeta"

Sono oltre 800 milioni le persone che soffrono la fame nei paesi economicamente meno avanzati e, considerando gli elevati e crescenti tassi di obesità e l'aumento delle malattie non trasmissibili nei paesi sviluppati, è giunto il momento di intervenire.

Le scelte alimentari sbagliate, il depauperamento delle risorse naturali, i cambiamenti climatici e le minacce alla biodiversità del pianeta sono tutte questioni che vanno affrontate con urgenza. Expo Milano 2015 concentrerà l'attenzione del mondo sulla necessità di far fronte a tali sfide e offrirà una piattaforma per prendere decisioni riguardo a questi problemi pressanti.

Parteciperanno all'Expo ben 147 paesi e organizzazioni internazionali, tra cui 21 paesi dell'UE.

Il sito espositivo di Expo 2015 sarà aperto dal 1° maggio al 31 ottobre e, con il suo milione di metri quadrati, accoglierà oltre 20 milioni di visitatori in un viaggio straordinario dedicato al complesso tema dell'alimentazione.

Il padiglione dell'UE si trova all'interno del padiglione italiano, di fronte al Palazzo Italia e a pochi passi dalla Lake Arena.

Oltre alle attività organizzate all'interno del suo padiglione, l'Unione europea promuoverà un dibattito dinamico e approfondito su come sfamare il mondo in maniera sana e sostenibile attraverso conferenze ed eventi dedicati al tema di Expo Milano 2015. Un ambizioso calendario con oltre 200 eventi, a carattere scientifico, politico e culturale, esaminerà le sfide globali della sicurezza alimentare.
Questi eventi avranno qualcosa da offrire a tutti: l'obiettivo è infatti alimentare il dibattito globale e contribuire a creare una sensibilità collettiva sui temi proposti da Expo 2015.

 

La Carta di Milano

La Carta di Milano rappresenta l’eredità culturale di Expo Milano 2015. Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, il grande Evento internazionale è stato preceduto da un ampio dibattito nel mondo scientifico, nella società civile e nelle istituzioni sul tema di Expo "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita". Questo intenso e profondo processo ha portato per volontà del Governo italiano alla definizione della Carta di Milano: un documento partecipato e condiviso che richiama ogni cittadino, associazione, impresa o istituzione ad assumersi le proprie responsabilità per garantire alle generazioni future di poter godere del diritto al cibo.

Attraverso un percorso partecipato, infatti, i maggiori esperti italiani e internazionali hanno contribuito a identificare le principali questioni che interessano l’utilizzo sostenibile delle risorse del Pianeta. In particolare, i grandi temi affrontati dalla Carta di Milano sono quattro, tutti inseriti all'interno della cornice del diritto al cibo:

- quali modelli economici e produttivi possano garantire uno sviluppo sostenibile in ambito economico e sociale
- quali tra i diversi tipi di agricoltura esistenti riusciranno a produrre una quantità sufficiente di cibo sano senza danneggiare le risorse idriche e la biodiversità
- quali siano le migliori pratiche e tecnologie per ridurre le disuguaglianze all'interno delle città, dove si sta concentrando la maggior parte della popolazione umana
- come riuscire a considerare il cibo non solo come mera fonte di nutrizione, ma anche come identità socio-culturale.

I singoli cittadini, le associazioni, le imprese sottoscrivendo la Carta di Milano si assumono responsabilità precise rispetto alle proprie abitudini, agli obiettivi di azione e sensibilizzazione e chiedono con forza ai governi e alle istituzioni internazionali di adottare regole e politiche a livello nazionale e globale per garantire al Pianeta un futuro più equo e sostenibile.

Carta di Milano: inizia a leggere...

Noi donne e uomini, cittadini di questo pianeta, sottoscriviamo questo documento, denominato Carta di Milano, per assumerci impegni precisi in relazione al diritto al cibo che riteniamo debba essere considerato un diritto umano fondamentale.

Consideriamo infatti una violazione della dignità umana il mancato accesso a cibo sano, sufficiente e nutriente, acqua pulita ed energia.

Riteniamo che solo la nostra azione collettiva in quanto cittadine e cittadini, assieme alla società civile, alle imprese e alle istituzioni locali, nazionali e internazionali potrà consentire di vincere le grandi sfide connesse al cibo: combattere la denutrizione, la malnutrizione e lo spreco, promuovere un equo accesso alle risorse naturali, garantire una gestione sostenibile dei processi produttivi.

Le idee di Expo verso la Carta di Milano