skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
05/05/2015

3 maggio, Giornata mondiale della libertà di stampa: il mondo è più sicuro per i giornalisti?

Ogni giorno i giornalisti rischiano la propria vita per informare i cittadini. Solo l'anno scorso, 66 giornalisti sono stati uccisi, 119 rapiti, 178 arrestati e altri 1.800 sono stati attaccati o minacciati. Guarda la nostra infografica basata sul rapporto del Premio Sacharov 2005 "Reporter senza frontiere" e scopri cosa sta facendo il Parlamento per sostenerla, nell'Unione europea e all'estero.

Il 3 maggio si celebra la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa. Il Parlamento europeo considera la libertà di stampa come un pilastro essenziale della democrazia che sostiene con forza all'interno e all'esterno dell'UE. L'articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea afferma chiaramente che "la libertà e il pluralismo dei media sono rispettati".

Quattro dei cinque paesi sono arrivati primi nella classifica di Reporter senza frontiere sono membri dell'Unione Europea, ma questo non significa che l'Europa può abbassare la guardia. All'interno come all'esterno dei propri confini. Infatti, il rispetto dei diritti umani nei paesi che trattano con l'UE è stato per molto tempo una priorità del Parlamento europeo.

Il PE ha assegnato il premio Sacharov per la libertà di pensiero a numerosi giornalisti e sostenitori della libertà di stampa, fin dal 1988. E proprio la libertà di stampa fa parte dei criteri importanti durante l'elaborazione delle relazioni sui progressi compiuti dei paesi candidati e potenziali candidati o ancora durante le missioni di osservazione elettorale.

In una risoluzione di maggio 2013, il Parlamento ha chiesto di monitoraggio annualmente la libertà dei media e il pluralismo in tutti gli Stati membri dell'UE. Ha anche chiesto misure per proteggere i giornalisti e ha esortato l'Unione europea a sostenere il giornalismo investigativo.

In tale ottica, il Parlamento ha finanziato il monitoraggio del pluralismo dei media (MPM), ideato per identificare i potenziali rischi per il pluralismo negli Stati membri. I risultati di una prima fase pilota che copre 9 stati membri sono stati pubblicati all'inizio di quest'anno.

Per maggiori informazioni sulla situazione della stampa nel mondo...

Guarda l'infografica