skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
09/03/2015

A Strasburgo dal 9 al 12 marzo il Parlamento europeo riunito in sessione plenaria

Promuovere l'uguaglianza tra uomini e donne nell'UE e arginare l'aumento della pedofilia via internet sono due temi al centro delle discussioni questa settimana a Strasburgo. Si parlerà inoltre di priorità economiche, massimali sulle commissioni per acquisti con carte, creazione di fondi d'investimento a lungo termine, repressione delle frodi sui fondi comunitari, futuro dell'unione energetica. Re Abdullah II di Giordania visiterà la plenaria per la quarta volta. I deputati discuteranno della morte del leader dell'opposizione russa Nemstov con Federica Mogherini.

Strasburgo - esterna della plenaria (© European Union 2015- EP)
© European Union - European Parliament

Lunedì i deputati hanno discusso problematiche causate dalle disuguaglianze di genere, come la violenza contro le donne, il divario retributivo di genere e la mancanza di pari opportunità nelle carriere professionali. Il progetto di risoluzione, che sarà votato martedì, chiede un congedo di paternità retribuito di 10 giorni e il riconoscimento del diritto della donna all'aborto e alla contraccezione.

La questione dell'uso degli interferenti endocrini, sostanze in grado di danneggiare la salute di chi li utilizza, in discussione lunedì. I deputati presentano un'interrogazione al commissario per la salute, Vytenis Andriukaitis. Gli scienziati collegano queste sostanze chimiche, presenti in molti prodotti di uso quotidiano, all'aumento delle anomalie fetali e genitali, all'incidenza crescente di alcune forme di cancro e alla sterilità.

Al voto martedì le nuove norme per porre un limite alle commissioni che le banche addebitano ai rivenditori quando accettano pagamenti con carta di credito.
Martedì a mezzogiorno il Re Abdullah II di Giordania si rivolgerà all'Aula nel corso di una seduta solenne. Si tratta della sua quarta visita al Parlamento europeo, dopo quelle del 2002, 2007 e del 2012.

I deputati discuteranno mercoledì dalle 9.00 il futuro dell'Unione energetica in occasione di un dibattito con Consiglio e Commissione europea. Questa tematica rappresenta una delle priorità del Vertice dei Capi di Stato e di governo dell'UE che si terrà a Bruxelles il 19 e 20 marzo.
Ancora in mattinata, si discuteranno le priorità economiche europee con i commissari per l'euro e dialogo sociale, l'occupazione e il mercato interno insieme alla Presidenza lettone. L’Aula dovrebbe appoggiare la strategia per la crescita e la ripresa della Commissione, basata su tre pilastri: investimenti, riforme strutturali e un consolidamento fiscale favorevole alla crescita.

In una risoluzione che sarà votata mercoledì, il Parlamento chiederà ulteriori sforzi per arginare l'aumento della pedofilia in Internet. Nel dibattito che si è svolto a febbraio, i deputati avevano esortato gli Stati membri ad adoperarsi maggiormente per far rispettare la direttiva europea del 2011 sulla lotta contro l'abuso sessuale dei bambini e per condurre indagini e perseguire i colpevoli in modo più efficace.
Inoltre, hanno auspicato contatti più stretti con i fornitori di servizi Internet e con Europol per rimuovere dalla rete le immagini illegali.

Sempre mercoledì il Parlamento si esprimerà sulla normativa volta a creare Fondi di investimenti europei a lungo termine (ELTIF) destinati a migliorare l'economia reale e la società, incanalando fondi non bancari verso progetti a lungo termine, per fornire infrastrutture e proprietà intellettuale, oppure verso la ricerca.

Gli Stati membri devono impegnarsi maggiormente per recuperare i fondi comunitari persi a causa di frodi, eseguire più controlli su l’utilizzo di tali fondi e combattere con forza la corruzione. Questo è il messaggio principale di una risoluzione che sarà votata mercoledì. Il testo è una reazione al rapporto della Commissione europea che elenca le frodi ai danni del bilancio dell'UE nel 2013.

L'assassinio del leader dell'opposizione russa Boris Nemstov e lo stato generale della democrazia in Russia saranno al centro di un dibattito, mercoledì pomeriggio, tra i deputati e l'Alto Rappresentante dell'UE per gli affari esteri, Federica Mogherini. I deputati dovrebbero condannare il divieto d’ingresso in Russia della deputata europea Sandra Kalniete (PPE, LV), che le ha impedito di partecipare al funerale di Nemtsov. Il Parlamento voterà una risoluzione in materia giovedì.