skip to content
 
 
 

Al PE delle Persone con disabilità apertura di Antonio Tajani

Il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha tenuto stamani il discorso di apertura del 4° Parlamento europeo delle persone con disabilità, organizzato in collaborazione con il Forum europeo sulla disabilità, nell'emiciclo del PE a Bruxelles.

 .

Oltre 700 attivisti e delegati di organizzazioni che rappresentato persone portatrici di disabilità, provenienti da tutta Europa, deputati, commissari e rappresentanti delle Istituzioni europee si sono riuniti mercoledì per il 4° Parlamento europeo delle Persone con disabilità.

Il dibattito di questa quarta edizione è stato incentrato su come promuovere la piena integrazione e partecipazione dei disabili nella vita politica e pubblica.

I lavori sono stati aperti dal Presidente del PE, Antonio Tajani, e dal Presidente del Forum Europeo per la Disabilità, Yannis Vardakastanis.

Leggi il discorso di apertura del Presidente Tajani (EN, FR, IT)

E’ possibile seguire l'evento in diretta streaming. Informazioni e programma completo sul sito dello European Disability Forum.

 

Nota per la stampa

Nell'UE, quasi una persona su sei di età superiore ai 15 anni è affetta da qualche forma di disabilità. Tale dato è destinato ad aumentare a causa del progressivo processo d’invecchiamento della popolazione.

Il tasso di povertà per le persone con disabilità è del 70% superiore alla media europea, in quanto devono far fronte a costi aggiuntivi, redditi più bassi e possibilità ridotte di trovare un lavoro.

Giovedì 30 novembre 2017, i deputati al Parlamento europeo hanno approvato una relazione di iniziativa che valuta l’attuazione della Strategia europea sulla disabilità 2010-2020.

Adottata nel 2010, la Strategia è il principale strumento dell'UE per l'attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, che è un trattato vincolante in materia di diritti umani. La strategia è volta a migliorare la situazione delle persone con disabilità, promuovendo l'accessibilità, la partecipazione e l'uguaglianza in tutti i settori della vita, tassi di occupazione più elevati e un'istruzione inclusiva nonché la protezione sociale e i servizi sanitari necessari.

 

Pubblicato il 6 novembre 2017