skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Approvata dal PE la procura europea anti-frode

Il Parlamento europeo ha dato via libera alla creazione di una procura europea incaricata di indagare e perseguire penalmente gli autori di reati contro il bilancio dell'Unione. La Procura sarà un organismo indipendente, con il potere di investigare a livello europeo.

Attualmente, solo le autorità nazionali possono indagare e perseguire le frodi connesse al bilancio dell'UE, come l'uso improprio dei fondi strutturali o le frodi transfrontaliere relative all’IVA, ma la loro giurisdizione è limitata alle frontiere nazionali.

La risoluzione è stata approvata con 456 voti favorevoli, 115 contrari e 60 astensioni.

“Grazie all'EPPO, che riunirà il lavoro dei pubblici ministeri nazionali sotto un unico organo europeo, si affronteranno le carenze delle indagini nazionali non coordinate sull'uso improprio dei fondi UE. Si spera che la portata dei poteri dell'EPPO potrà includere nel prossimo futuro anche i reati transfrontalieri come terrorismo e tratta di esseri umani”, ha dichiarato la relatrice Barbara Matera (EPP, IT).

Dopo questo voto, il Consiglio potrà adottarne formalmente il regolamento dello European Public Prosecutor’s Office - EPPO,  che dovrebbe essere operativo tra il 2020 e il 2021.

Leggi il comunicato stampa | Servizio stampa | Parlamento europeo
 

Nel solo 2015 le frodi hanno interessato 637.6 milioni di euro di fondi UE spesi negli stati membri. Come riporta una relazione della Commissione europea, documenti falsi o falsificati sono il tipo più comune di frode.
Le frodi all’IVA costano ai contribuenti europei circa 50 miliardi di euro all’anno.

La Procura europea nasce dalla cooperazione rafforzata fra 20 paesi europei, tra cui l'Italia. Altri paesi potranno aderire in seguito se lo desiderano.

La sua istituzione colmerà il vuoto attuale dato dall'assenza di un organismo giuridico e investigativo pan-europeo: gli organismi come OLAF, Eurojust o Europol, non possono infatti condurre attività di investigazione.

 

Articolo pubblicato il 5 ottobre 2017