skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Approvati in plenaria gli aiuti per i lavoratori licenziati

I deputati riuniti in sessione plenaria hanno approvato lo stanziamento di oltre 14,6 milioni di euro per aiutare oltre 7.300 lavoratori licenziati in Belgio, Germania e Italia, a ricollocarsi sul mercato del lavoro. Si tratta di aiuti dal Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG).

Strasburgo. Ingresso dell'aula plenaria del Parlamento europeo.
Il PE a Strasburgo - Entrata della Plenaria

Il Parlamento ha approvato la proposta con 605 voti a favore, 77 contrari e 12 astensioni.

L'intervento del FEG riguarderà i lavoratori di due case automobilistiche, la Ford in Belgio e la Opel in Germania, e di Alitalia.

La Opel, azienda tedesca produttrice di autovetture di classe piccola e media, vendute a prezzo medio, ha chiuso la fabbrica a Bochum in Germania per ridurre la produzione in eccedenza in seguito al calo del 39% delle vendite tra il 2007 e il 2013. Tale chiusura ha causato circa 2.900 licenziamenti, 2.692 dei quali beneficeranno del FEG per un valore di 6.958.623 euro. (Relatore Jens Geier - S&D, DE)

Il Belgio ha chiesto il sostegno del FEG per l'ondata finale di licenziamenti da parte di Ford e di 11 dei suoi fornitori, in seguito alla chiusura dello stabilimento di Genk. La chiusura è dovuta al calo della produzione di vetture private e della vendita di nuove automobili nell'Unione europea, principalmente a beneficio di fabbricanti asiatici. Lo stanziamento di 6.268.564 euro servirà ad aiutare 4.500 ex-dipendenti a trovare un nuovo impiego, dopo avere già ricevuto nel 2013 - allo stesso scopo - 570.000 euro a seguito della prima ondata di licenziamenti. (Relatore Paul Rübig - EPP, AT)

Approvata anche la richiesta italiana al FEG: 1.414.848 euro in aiuto di 184 lavoratori maggiormente in difficoltà nel trovare nuovi posti di lavoro. La compagnia di bandiera Alitalia ha dovuto licenziare oltre 1.200 lavoratori, principalmente a causa di una diminuzione della sua quota di mercato del trasporto aereo di passeggeri internazionali. (Relatrice Monika Vana - Verdi/ALE, AT)

Il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione è stato istituito per fornire servizi su misura ai lavoratori licenziati a trovare un nuovo impiego. Il suo massimale annuo è di 150 milioni di euro.

 

Articolo pubblicato il 6 ottobre 2015