skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
19/01/2015

Audizioni EYE - Giovani idee per un'Europa migliore

Quasi 6.000 giovani hanno partecipato all'Evento dei giovani europei - European Youth Event (EYE 2014) al Parlamento europeo di Strasburgo lo scorso maggio, con lo scopo di produrre idee per migliorare l'Europa. Alcune di queste idee saranno presentate questa settimana alle commissioni parlamentari competenti riunite a Bruxelles, perché servano come fonte d'ispirazione per nuove iniziative dell'Unione europea.

La prima audizione si è tenuta il 2 dicembre 2014 di fronte alla commissione lavoro e affari sociali (EMPL). Le audizioni continuano ora in gennaio.

Otto giovani presenteranno le loro idee a sei commissioni parlamentari: affari costituzionali (AFCO), affari esteri (AFET), cultura ed educazione (CULT), il 20/1; libertà civili, giustizia e affari interni (LIBE) e industria ricerca ed energia (ITRE), il 22/1; ambiente sanità pubblica e sicurezza alimentare (ENVI), il 29/1.

Tutte le audizioni saranno in diretta online su http://epfacebook.eu/EYEHearings e si potrà partecipare alla discussione su Twitter utilizzando l'hashtag #EYEHearings. Tutti i deputati potranno partecipare al dibattito online dato che, in molte aule di riunione, sarà visibile il twitter wall.

EYE 2014, l'evento dedicato ai giovani organizzato dal PE a Strasburgo dal 9 all'11 maggio 2014, ha voluto essere un forum di idee su temi quali la disoccupazione giovanile, la rivoluzione digitale, il futuro dell'Europa, la sostenibilità e i valori europei. Vi hanno partecipato giovani europei tra i 16 e i 30 anni.

Le idee uscite da questo confronto sono state riunite in una mappa e in un report, consegnati ai deputati eletti nella nuova legislatura.