skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Back to Citizens: studenti in Campidoglio per il 60° dei Trattati di Roma

Nel contesto delle celebrazioni per i 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma, l’Ufficio d'Informazione in Italia del Parlamento europeo ha organizzato un incontro con gli studenti tenutosi a Roma, venerdì 31 marzo 2017, nella Sala Orazi e Curiazi del Campidoglio.

 .

Gli studenti delle scuole ambasciatrici del Parlamento europeo (Ambassador School Programme) e delle scuole finaliste del progetto "Euroscola" si sono ritrovati insieme nella Sala Orazi e Curiazi del Campidoglio, luogo della firma dei Trattati europei del 1957, per un dibattito sul futuro dell’Unione con il Vicepresidente del Parlamento europeo, David Maria Sassoli, il Segretario Generale del PE Klaus Welle, Lorenzo Cesa e Fabio Massimo Castaldo, deputati europei.

Hanno preso parte all'incontro due ospiti d'eccezione: Samantha Cristoforetti, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA e, prima donna italiana a essere andata nello spazio grazie alla Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana, e Philippe Duren, nipote di Robert Schuman, uno dei "Padri fondatori" dell'Unione europea. Il dibattito è stato introdotto dai saluti del Presidente dell’Assemblea Capitolina di Roma Capitale, Marcello De Vito.

Duecento studenti delle 8 Scuole ambasciatrici del PE hanno preso parte alla simulazione della sessione plenaria del Parlamento europeo: in discussione le possibili modifiche ai Trattati di Roma. I ragazzi hanno inoltre ricevuto le targhe Ambassador School Programme.

Erano presenti gli istituti scolastici di Roma: Liceo Scientifico Statale Cavour; Istituto Magistrale Statale Margherita Di Savoia; Liceo Lucio Anneo Seneca; Liceo Statale Cornelio Tacito; Liceo Classico Statale Francesco Vivona. Da Milano e provincia erano in sala gli studenti del Liceo Scientifico Statale Da Vinci-Pascoli, dell'IIS Statale Enrico De Nicola e del Liceo Statale Carlo Tenca.

Sono stati premiati con la consegna di una pergamena e una visita a Strasburgo nell'ambito del progetto "Euroscola" i partecipanti alle selezione per l’arrangiamento dell’Inno alla Gioia e per il volantino sul 60° Anniversario dei Trattati di Roma: l'IIS Ettore Majorana-Antonino Cascino, l'IIS Statale Polo di Feltre e la Pro Loco di Arborea.

Nel corso della mattinata di "Back to citizens" si è svolta anche la cerimonia di lancio del museo interattivo La mia casa della Storia Europea - My House of European History, che riunisce i contributi multimediali dei cittadini inviati attraverso il concorso #StoriesofEurope lanciato sui social network. I tre vincitori del concorso My HEH sono stati invitati a Roma e premiati in occasione del 60° anniversario dei Trattati.

Contestualmente all'evento sono stati esposti nella Sala della Protomoteca in Campidoglio i pannelli di due mostre: Back to Citizens - Tell your stories about Europe, che raccoglie alcuni contributi di "My House of European History", ed Ever Closer Union - Un'Europa sempre più unita, mostra itinerante per celebrare il 60° anniversario dei Trattati di Roma.

 

Nota informativa:

La Sala degli Orazi e Curiazi ha ospitato, il 25 marzo 1957, la storica firma dei Trattati di Roma (istitutivi della CEE e dell'Euratom) con i quali si sono gettate le basi dell'Europa unita come la conosciamo.

Per ribadire l'importanza del progetto europeo e rinnovarne le intenzioni, guardando agli obiettivi raggiunti ma proiettati al futuro, i 27 Capi di Stato e di Governo dei Paesi UE e i Presidenti delle Istituzioni europee si sono ritrovati al il 25 marzo 2017 Campidoglio per partecipare alle celebrazioni del 60mo anniversario dalla firma dei Trattati di Roma.

Al termine delle celebrazioni, il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, e i presidenti del Consiglio europeo Tusk, del Consiglio dei ministri maltese Muscat e della commissione Juncker, con il Primo ministro italiano Paolo Gentiloni, hanno firmato la Dichiarazione di Roma.