skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Brexit e migrazione dominano il dibattito sul summit europeo di ottobre

Nel corso del dibattito di martedì in preparazione della riunione del Consiglio europeo del 18 e 19 ottobre 2018, i deputati hanno apprezzato l’unità dell’UE sulla Brexit, e criticato l’inazione del Consiglio sui dossier chiave, quali migrazione e politica sociale.

 .

La migrazione dovrebbe essere il tema principale della riunione dei capi di stato o di governo dell’Unione, il 18 ottobre, ha annunciato la ministra Juliane Bogner-Strauß rappresentante della Presidenza austriaca dell’UE.

È comunque sulla Brexit che si sono maggiormente concentrati i rappresentanti dei gruppi politici al PE nel corso del dibattito sul summit europeo. Molti hanno sostenuto la posizione UE sulla futura frontiera tra Irlanda e Regno Unito, lanciata dal Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker.

Per molti il summit informale di Salisburgo, spesso evocato nel corso del dibattito, ha dimostrato la solidarietà degli europei di fronte alla Brexit. Ma alcuni deputati hanno criticato la mancanza di unità da parte degli Stati membri sul dossier migrazione e la mancanza di azione della Presidenza austriaca sulla riforma del diritto d’asilo e sulle politiche sociali.

Molti parlamentari si sono interrogati sull’atteggiamento della Presidenza UE di turno per quanto concerne l’applicazione dell’Articolo 7 del trattato (relativo allo Stato di diritto) all’Ungheria e alla Polonia.

Per rivedere gli interventi degli oratori in plenaria, cliccare su questo link
 

Pubblicato il 3 ottobre 2018