skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
22/05/2015

Dalla plenaria: immigrazione, congedo di maternità e mercato unico digitale

Durante la plenaria a Strasburgo del 18-21 maggio i deputati hanno votato le misure di prevenzione per evitare di finanziare i conflitti armati attraverso l'import dei minerali e ha invitato i governi a sbloccare il piano di armonizzazione del congedo di maternità in tutta Europa. Al voto anche le misure sull'immigrazione irregolare e norme più severe per impedire il riciclaggio di denaro.

© European Union 2015 - European Parliament
© European Union 2015 - European Parliament

Gli importatori UE di stagno, tantalio, tungsteno e oro per la produzione di beni al consumo dovrebbero essere obbligate a ricevere la certificazione UE per garantire che non alimentino conflitti e violazioni dei diritti umani nelle zone di guerra, secondo il testo approvato in prima lettura dal Parlamento mercoledì, con 402 voti favorevoli, 118, contrari e 171 astensioni.

Nella risoluzione approvata mercoledì, i deputati chiedono alla Commissione europea di non ritirare la proposta di direttiva UE sul congedo di maternità, nonostante sia bloccata da quattro anni al Consiglio dei ministri dell'UE. I deputati hanno inoltre esortato i ministri a riprendere i colloqui e a concordare una posizione ufficiale.

Il 20 maggio, i deputati hanno discusso una serie di misure proposte dalla Commissione europea per affrontare la crisi dei migranti nel Mediterraneo, tra cui una più equa distribuzione dei richiedenti asilo tra i paesi dell'UE e maggiori fondi per la protezione delle frontiere esterne.

Grazie a un accordo informale con il Consiglio approvato dal Parlamento mercoledì, i nomi dei proprietari effettivi delle imprese dovranno essere elencati in registri centrali, presenti in tutti i Paesi dell'UE, accessibili sia alle autorità sia alle persone con un "interesse legittimo", come ad esempio i giornalisti investigativi.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha partecipato alla sessione plenaria del PE martedì e ha discusso con gli eurodeputati delle recenti osservazioni della Commissione europea e del Consiglio sulla reintroduzione della pena di morte e sull'immigrazione.

I deputati discuteranno mercoledì la situazione in Etiopia in vista delle elezioni parlamentari del 24 maggio, la crisi politica e le uccisioni nella ex Repubblica iugoslava di Macedonia e i preparativi per il vertice del partenariato orientale di Riga, in programma per il 21 e 22 maggio, con Federica Mogherini, Alto Rappresentante per gli Affari Esteri UE, il Commissario Styliainides e la Presidenza lettone.

Nel corso di un dibattito martedì i deputati hanno accolto i piani della Commissione europea per la produzione di una strategia per un mercato unico digitale, al fine di creare opportunità per le imprese dell'UE.

In una risoluzione adottata mercoledì, i deputati hanno invitato l'UE ad adottare misure per prevenire la Xylella, il  batterio diffuso in Italia, dove ha colpito in particolare gli ulivi.

Dopo le dimissione di Olli Rehn (ALDE, FI), eletto al Parlamento finlandese ad aprile, Anneli Jäätteenmäki (ALDE, FI) è stata eletta mercoledì a scrutinio segreto (articolo 15 del regolamento del PE) la nuova vicepresidente del Parlamento europeo.

I vincitori del concorso del Parlamento europeo su Facebook "Giornalisti per un giorno" hanno visitato il Parlamento di Strasburgo martedì, dove hanno girato un video per raccontare l'attività del PE.