skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Delegazione Euro-Latinoamericana (EUROLAT) a Firenze col Presidente Tajani

Dal 22 al 24 maggio, a Firenze, i membri del Parlamento europeo e i parlamentari latinoamericani, si sono riuniti per discutere le relazioni bilaterali Ue-America Latina e preparare il vertice UE-CELAC (Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici), programmato per ottobre 2017.

Lunedi 22 maggio si è tenuto un incontro del Gruppo confederale della Sinistra unitaria europea - Sinistra verde nordica e del Gruppo dell'Alleanza progressista dei Socialisti e Democratici. Successivamente, si è tenuta una riunione tra i co-vicepresidenti EuroLat, la Commissione europea economica e sociale insieme con i rappresentanti della Società Civile Europea. Infine, si è riunito il Forum Euro-Latinoamericano delle Donne.

Martedì 23 maggio si è tenuto un incontro del “Gruppo di lavoro sulla violenza organizzata, la sicurezza e il terrorismo”. Inoltre, presso la Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, è stata organizzata una conferenza stampa a cui hanno partecipato il Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, il Sindaco di Firenze Dario Nardella, l’Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini e i due co-presidenti dell’assemblea Euro-Latinoamericana (EuroLat) Ramón Jáuregui (Spagna) e Roberto Requião (Brasile) oltre a due riunioni della Commissione per gli affari politici, la sicurezza e i diritti umani e la Commissione per gli affari economici, finanziari e commerciali.

Mercoledì 24 maggio, si sono riunite la Commissione per gli affari sociali, l’infanzia e la gioventù, gli scambi umani, l’istruzione e la cultura, la Commissione per lo sviluppo sostenibile, l’ambiente, la politica energetica, la ricerca, l’innovazione e la tecnologia e la Commissione per gli affari economici, finanziari e commerciali. I lavori si sono conclusi con una visita istituzionale presso gli Archivi Storici dell’Unione Europea a Villa Salviati.

Durante le tre giornate, dunque, i parlamentari hanno discusso e votato tematiche inerenti il commercio (con particolare attenzione al potenziale effetto del TTIP e al TTP sulla relazione bilaterale) e su come far fronte alla crisi del debito sovrano. Inoltre, gli altri temi del programma riguardavano la volatilità dei prezzi degli alimenti, la creazione di scorte alimentari in entrambe le regioni, questioni relative alla sicurezza (con particolare focus al traffico di armi), la riduzione delle disuguaglianze sociali mediante l’adozione di politiche di coesione e, infine, i progressi volti alla creazione di un’area comune di investigazione UE-CELAC.
I parlamentari hanno avuto modo di discutere anche sui recenti accadimenti in Venezuela e Brasile, sul processo di pace avviato in Colombia, sulle relazioni con la nuova amministrazione statunitense, la crisi migratoria, la ratifica dell’accordo UE-Cuba fino a toccare il tema del futuro dell’UE a sessant’anni dalla firma dei Trattati di Roma e alle possibili conseguenze della Brexit per la relazione bilaterale.