skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
15/10/2014

Diritti di migranti e rifugiati in Europa: il costo umano della traversata in mare

Venerdì 17 ottobre, Amnesty International in collaborazione con l'Ufficio d'informazione in Italia del Parlamento europeo organizza la conferenza "Diritti di migranti e rifugiati in Europa: il costo umano della traversata in mare".
La conferenza, che s'inserisce nell'ambito della settimana europea dedicata al Premio Sacharov 2014 promossa dal Parlamento europeo, sarà uno spazio di riflessione tra i rappresentati delle istituzioni europee, italiane e della società civile sul tema dell'immigrazione e dell'asilo, nonché sulle politiche messe in atto dall'Unione europea.

 .

Il rapido aumento dei migranti e rifugiati disposti a correre i rischi di lunghi viaggi a bordo di imbarcazioni fatiscenti e sovraffollate non è soltanto il prodotto di un'accresciuta instabilità in Medio Oriente e del deterioramento della situazione in Libia negli ultimi 12 mesi. È anche la conseguenza della progressiva chiusura delle frontiere europee e della mancanza di percorsi sicuri e legali per coloro che, scappando da guerre e persecuzioni, cercano di raggiungere l'Europa.

Difficilmente il numero di queste persone diminuirà. Con il conflitto in Siria e il propagarsi della violenza in Medio Oriente e nell'Africa subsahariana da una parte, e la chiusura della cosiddetta "Fortezza Europa" - specialmente le vie che consentono l'ingresso nei territori dell'Ue attraverso Turchia, Grecia, Spagna e Bulgaria - sono molti i rifugiati e i migranti che considerano la rischiosa traversata via mare verso l'Italia o Malta l'unica alternativa di ingresso in Europa.

L'Italia ha reagito con l'operazione Mare nostrum, dedicando una parte significativa della sua flotta navale alle operazioni di ricerca e soccorso in mare. Tuttavia, l'annuncio del ministro dell'interno Angelino Alfano, in occasione del  Consiglio dei ministri della Giustizia e degli Affari interni dell'Ue, che l'operazione Mare nostrum si concluderà con il subentro dell'operazione di Frontex Triton nel Mediterraneo centrale, desta preoccupazione da parte di chi non la ritiene adatta a soddisfare le esigenze vitali di ricerca e soccorso, con il reale rischio che ulteriori vite verranno perse in mare.

Durante la conferenza, sarà presentato il rapporto di Amnesty International "Vite alla deriva: rifugiati e migranti in pericolo nel Mediterraneo centrale", che descrive le conclusioni di visite effettuate a Malta e in Italia, compresa una ricerca svolta a bordo di una nave della Marina militare italiana, impegnata nell'Operazione Mare nostrum.

 

Dove e quando

Parlamento europeo - Ufficio d'Informazione in Italia
Sala delle Bandiere

via IV Novembre, 149 - 00187 Roma

17 ottobre 2014 dalle ore 9,15 alle 13,30

La partecipazione è libera