skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Donne, media e tecnologie: quale futuro nell’era digitale?

I Media possono influenzare l’opinione pubblica e strutturare l’informazione, le ICT permeano ogni livello e area della società: hanno quindi un potenziale considerevole per promuovere l’empowerment femminile. Venite a parlarne il 9 marzo 2018 a Roma, alla Casa del Cinema di Villa Borghese. Per partecipare è consigliabile registrarsi.

 .

In Europa, solo il 9% degli sviluppatori, il 19% dei capi nei settori comunicazione e il 20% dei laureati in Informatica e nuove tecnologie sono donne.

Non va meglio nel settore dei media: nel servizio pubblico dell’Unione europea la rappresentanza delle donne risulta bassa, sia nelle posizioni strategiche e operative di alto livello (36%) che nei consigli di amministrazione (33%) . In generale, nei mezzi di comunicazione soltanto il 37% circa delle notizie è riportato da donne, una situazione che non ha mostrato prospettive di miglioramento negli ultimi dieci anni; le donne sono per lo più invitate a fornire un'opinione popolare (41%) o un'esperienza personale (38%) e sono raramente citate in qualità di esperti (soltanto nel 17% delle notizie).

In occasione della prossima Giornata Internazionale della donna, l’Ufficio del Parlamento europeo in Italia ha scelto di portare all’attenzione del pubblico queste tematiche con l’incontro dibattito dal titolo “Donne, media e tecnologie - quale futuro nell’era digitale?”.
  
Protagoniste dell’evento saranno: Asma Kaouech, Sakharov Fellow, attivista e blogger tunisina, Fanni Raghman Anni Association; Valentina Parasecolo, giornalista RAI e blogger; Micaela Romanini, associata Donne&Tecnologie, vicedirettrice della Fondazione Vigamus (Video Game Museum).

A moderare l'incontro Alessia Gizzi, conduttrice della rubrica di tecnologia PIXEL del TG3 Rai.

L'incontro è organizzato dall'Ufficio del Parlamento europeo in Italia, insieme al Sakharov Prize Network del Parlamento europeo e in collaborazione con l’Associazione Donne e Tecnologie.

L’hashtag ufficiale per seguire la manifestazione sui canali social è #IWD2018RM.

 

Partecipano all'incontro

Asma Kaouech

Asma Kaouech opera per il cambiamento in Tunisia. La sua visione è di una società di eguali senza discriminazioni e la sua ispirazione è la rivoluzione tunisina. Asma è una consulente legale, attivista della società civile e difensore dei diritti umani.

È la direttrice esecutiva della ONG tunisina Fanni Raghman Anni (Artist in spite of), fondata dal 2011 e che utilizza approcci alternativi basati sull'arte e sulla cultura per difendere e sostenere i diritti umani principalmente nelle regioni sfavorite. L'organizzazione sta anche lavorando nel campo della prevenzione e del contrasto all'estremismo violento in Tunisia, aumentando la resilienza dei giovani, delle donne e delle comunità locali usando il concetto di patrimonio culturale; ha ricevuto diversi premi, principalmente il premio Takreem 2016 delle eccellenze culturali nel mondo arabo.

Asma è stata selezionata nel 2017 dal Parlamento europeo come Sacharov Fellow per i difensori dei diritti umani.

 

Valentina Parasecolo

Valentina Parasecolo è una giornalista. Ha lavorato in tv come inviata in programmi di approfondimento: Servizio Pubblico, Announo, Vice on SkyTg24, Petrolio.

Ha co-fondato ilbureau.com e collaborato con società e istituzioni nel campo dei social e della produzione di contenuti digital.

È consulente web per Rai Cultura e autrice per il programma Community di Rai Italia. Insegna video-reportage al NID – Nuovo Istituto del design di Perugia.

 

Micaela Romanini

Dopo aver lavorato come Content Manager e Head of Research Center presso Fondazione VIGAMUS, Micaela Romanini è stata impiegata da Microsoft come International Coordinator Xbox.com nel team di marketing integrato EMEA presso il quartier generale europeo di Reading, in Inghilterra. Attualmente è Vice Direttrice di Fondazione VIGAMUS, occupandosi in particolare della pianificazione di nuove e opportunità di business e delle partnership internazionali.

Dal 2017 è inoltre Event Director di Gamerome, la Developers Conference con sede nella Capitale. Appassionata di comunicazione, realtà virtuale, interactive storytelling e autrice di Game Studies, collabora con il corso di Teoria e Critica delle Opere Multimediali Interattive dell’Università di Roma Tor Vergata ed è docente di VIGAMUS Academy in Link Campus University.

Dal 2018 è associata di Women&Tech - Donne e Tecnologie, Associazione nata nel 2009 da un’idea di Gianna Martinengo, condivisa da un network di aziende e persone che mettono a disposizione le proprie competenze per realizzare la mission di valorizzare il talento femminile nella tecnologia, nell’innovazione e nella ricerca scientifica, promuovere progetti e azioni finalizzate alla lotta agli stereotipi e alla discriminazione di genere, contribuire all'orientamento dei giovani ai mestieri del futuro e verso modelli imprenditoriali sostenibili.

 

Alessia Gizzi

Alessia Gizzi è una giornalista. Ha lavorato per mensili e settimanali, occupandosi di esteri e cultura.

Ha collaborato con La Repubblica, Rai Corporation, America Oggi, Gente d'Italia, International Bureau di Roma, Rai News24, Visite a domicilio.
In seguito ha iniziato a lavorare come cronista per il TG3, dove ha condotto anche il TG3 Minuti.

Attualmente nella redazione cronaca del TG3, conduce la rubrica di tecnologia Pixel.

 

Dove e quando

Casa del Cinema - Sala Deluxe
Largo Marcello Mastroianni, 1
Villa Borghese - ROMA

Venerdì 9 marzo 2018 - dalle ore 10 alle 13

Ingresso libero previa registrazione su: epitalia@europarl.europa.eu

Per l'occasione saranno esposte alla Casa del Cinema nella Sala Tormenti, dal 9 marzo al 6 aprile 2018, le fotografie della mostra "I difensori delle nostre libertà". L'ingresso è gratuito.