skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

I deputati discutono Baku 2015 e la corruzione ad alto livello della FIFA

Le recenti accuse di corruzione ad alto livello in FIFA, l'organo di governo del calcio mondiale saranno discussi dai deputati in plenaria mercoledì sera; seguirà il dibattito sui prossimi Giochi Europei Baku alla luce del record di diritti umani dell'Azerbaigian. Tutto lo sport in diretta, sul nostro sito dalle ore 18,00. Segui il dibattito su Twitter @EuroparlPress con #Baku2015 e #FIFA.

Strasburgo, Aula plenaria del PE - I deputati al voto per alzata di mano.
La Plenaria al voto

Dopo anni di denunce, la Federazione internazionale del calcio (FIFA) deve affrontare una grave crisi.

Nelle ultime settimane sono successe molte cose: con l'accusa di corruzione e tangenti - perpetrate negli ultimi 24 anni - per un totale di 150 milioni da dollari, le autorità svizzere hanno arrestato a Zurigo il 27 maggio scorso alcuni funzionari di alto livello, in città per la riunione annuale della FIFA. Il fermo è avvenuto sulla base diuna richiesta del Dipartimento di Giustizia americano.

Lo stesso giorno, le autorità svizzere hanno confiscato nella sede della FIFA a Zurigo documenti e dati elettronici. L'operazione fa parte dell'inchiesta relativa alle accuse di corruzione nelle decisioni di assegnazione del 2018 e 2022 della Coppa del Mondo, rispettivamente in Russia e Qatar.

Il 29 maggio il presidente della Fifa Sepp Blatter viene rieletto - ricevendo il supporto di 133 delegati FIFA su 209 - per dimettersi solo quattro giorni dopo, spiegando che al suo mandato manca il sostegno del mondo del calcio.

Dopo il dibattito sulla FIFA i deputati discuteranno anche se l'attribuzione dei grandi eventi sportivi debba basarsi anche sul rispetto dei diritti umani e dei valori universali.

Nell'interrogazione presentata da Elena Valenciano (S&D, ES) a nome della commissione per gli affari esteri, per quanto specificatamente l'Azerbaigian (i primi Giochi Europei si svolgeranno a Baku, dal 12 al 28 giugno) si fa presente che nel periodo precedente all'inaugurazione dei Giochi sono stati arrestati difensori dei diritti umani, giornalisti e altre voci indipendenti di alto profilo. Il governo azerbaigiano intenderebbe usare i giochi per promuovere la reputazione del paese a livello mondiale.

Con l'entrata in vigore del trattato di Lisbona nel 2009, l'UE ha acquisito per la prima volta una specifica competenza nel settore dello sport. Adesso l'Unione ha il potere di sostenere, coordinare e integrare le misure di politica dello sport adottate dagli Stati membri.

 

Articolo pubblicato mercoledì 10 giugno 2015