skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
24/04/2015

I risultati del Consiglio europeo straordinario: impegno su quattro punti chiave

"Salvare vite di persone innocenti è la priorità. Ma salvare vite non significa solo strapparle al mare: significa anche fermare i trafficanti e affrontare la migrazione irregolare", queste le parole del Presidente Donald Tusk. La riunione straordinaria del Consiglio europeo è iniziata con un minuto di silenzio per le vittime dei naufragi nel Mediterraneo.

Lampedusa: Porta d'Europa - Opera di Mimmo Paladino
Lampedusa: Porta d'Europa - Opera di Mimmo Paladino
 .

I leader europei hanno discusso la drammatica situazione dei migranti e hanno concordato quattro aree d'azione prioritarie:

Lotta ai trafficanti
I leader dell'UE hanno chiesto a Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la Politica estera, di proporre azioni che autorizzino il sequestro e la distruzione dei battelli dei trafficanti, invitandola a iniziare i preparativi per una possibile operazione comune di sicurezza e difesa (CSDP) in accordo con il diritto internazionale. Altre misure includono un passo avanti nella cooperazione contro le reti di trafficanti, con il supporto di Europol, e la presenza di funzionari addetti all'immigrazione nei paesi terzi.

Rafforzare la presenza in mare
Il Consiglio europeo ha accordato il triplo delle risorse attualmente disponibili per Triton, la missione che controlla i confini delle acque territoriali dell'UE nel Mediterraneo centrale, e il potenziamento della sua capacità operativa.

Prevenire i flussi di immigrazione illegale
L'Unione europea vuole limitare gli ingressi e combattere le cause di migrazione illegale. La cooperazione con i paesi di origine e transito dovrebbe essere rafforzata, specialmente con quelli vicini alla Libia. I leader europei hanno concordato anche sulla necessità di implementare un nuovo programma per il rimpatrio rapido dei migranti irregolari.

Rinforzare la solidarietà e la responsabilità
L'Unione europea offrirà maggiore protezione ai rifugiati in fuga da conflitti, e metterà in opera un progetto pilota volontario di insediamento all'interno dell'UE, per offrire ospitalità a persone che abbiano diritto a essere protetti.

 

Si ringrazia Vito Manzari per la foto