skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il Parlamento è in plenaria a Strasburgo dall'11 giugno: scopri l'agenda.

Nucleare iraniano, priorità del prossimo Consiglio europeo, seggi al PE post elezioni 2019, droni e sicurezza, Unione economica e monetaria, emissioni CO2, riforma giudiziaria in Polonia: questi alcuni dei temi in discussione. Mark Rutte in Aula per discutere sul futuro dell’UE.

Immangine della Plenaria in attesa della discussione zoom microfono - © European Union 2014 - European Parliament
Strasburgo, Parlamento europeo. I deputati saranno riuniti in Plenaria dall 11 al 14 giugno 2018. © European Union 2014 - European Parliament
 .

Martedì i deputati discuteranno con il Capo della politica estera dell'UE, Federica Mogherini, le conseguenze e la risposta dell'UE alla decisione del Presidente Trump di abbandonare l'accordo nucleare con l'Iran. I deputati dovrebbero chiedere approfondimenti sull’impatto che potrebbe avere la reintroduzione di sanzioni USA sugli accordi in corso tra l’Iran e alcune compagnie europee.

Martedì mattina, i deputati discuteranno le loro priorità in vista della riunione dei leader dell'UE, che si terrà a Bruxelles dal 28 al 29 giugno. Il Vertice sarà incentrato su migrazione, sicurezza e difesa, il bilancio UE a lungo termine, i colloqui Brexit e la riforma dell’Eurozona.

A seguire, i deputati interrogheranno la Commissione sui progressi compiuti verso la riforma dell'Unione economica e monetaria, la posizione degli Stati membri sull’idea di un Fondo monetario europeo e il modo in cui il budget a lungo termine dell’UE sosterrà una unione economica e monetaria più forte.

Il Primo ministro olandese Mark Rutte sarà il settimo leader UE a discutere del futuro dell’Europa con i deputati e con il Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker, mercoledì mattina alle 10,00. Il Presidente del PE Antonio Tajani e il Premier Rutte terranno una conferenza stampa congiunta mercoledì alle 12,30.

I deputati voteranno martedì nuove norme UE vincolanti sui droni e quanti li utilizzano, per garantirne l’uso sicuro, assicurare il rispetto della vita privata e la protezione dei dati personali. La concezione e la fabbricazione dei droni dovranno rispondere alle esigenze minime dell’UE, e gli utilizzatori suscettibili di ferire esseri umani in caso di collisione dovranno essere registrati.

In base a un progetto di legge che sarà votato mercoledì, il Parlamento europeo dovrebbe ridurre il numero dei propri deputati da 751 a 705, una volta che il Regno Unito avrà lasciato l'Unione europea. 46 dei 73 seggi britannici saranno lasciati in riserva; gli altri 27 verranno ripartiti tra i 14 Stati membri che oggi sono leggermente sotto-rappresentati nell’emiciclo.

La riforma del sistema giudiziario in corso in Polonia sarà l’oggetto di un dibattito mercoledì pomeriggio con il Vicepresidente della Commissione europea, Frans Timmermans. Il governo polacco sta portando avanti una riforma completa del sistema che, secondo la CE, minaccerebbe la sua indipendenza e il principio di separazione dei poteri.

 

Dossier con relatori italiani

Un quarto delle emissioni derivanti dal trasporto su strada proviene da veicoli pesanti: il Parlamento chiede che le emissioni di CO2 di camion, autobus e pullman siano monitorati meglio.

La relazione di Damiano Zoffoli (S&D) sul monitoraggio e la comunicazione dei dati relativi al consumo di carburante e alle emissioni di CO2 dei veicoli pesanti nuovi, sarà presentato in aula lunedì e votato martedì.

 

Agenda del Presidente

Il Presidente del PE, Antonio Tajani, incontrerà martedì pomeriggio il Presidente dell’Assemblea della Repubblica del Kosovo, Kadri Veseli.

Mercoledì mattina, avrà una riunione bilaterale con il Primo ministro olandese, Mark Rutte.

 

Pubblicato l'8 giugno 2018