skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio di collegamento in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il Parlamento europeo riunito in plenaria a Bruxelles

Bilancio UE a lungo termine, bandire i test dell’industria cosmetica sugli animali, garanzie per i minori migranti, indipendenza dei media: questi i principali argomenti della sessione plenaria del PE a Bruxelles. Il premier belga Charles Michel interverrà in aula sul futuro dell’Unione.

I deputati discuteranno mercoledì con la Commissione le nuove proposte per una riforma del bilancio a lungo termine e le entrate dell'Unione europea dopo il 2020. Il dibattito avrà inizio alle ore 13,00.

La relazione annuale sul controllo delle attività finanziarie della BEI per il 2016 (rel. Marco Valli, IT-EFDD) sarà discussa mercoledì e votata giovedì dalla plenaria.

Il Parlamento discuterà di come meglio garantire la libertà di stampa, il pluralismo e l'indipendenza dei media. Una risoluzione (rel. Barbara Spinelli, IT-GUE/NGL) sarà messa ai voti giovedì 3 maggio, Giornata mondiale della libertà di stampa.

L'UE dovrebbe avviare un’iniziativa diplomatica per un divieto mondiale della sperimentazione dei cosmetici sugli animali. Al dibattito di mercoledì prenderanno parte il Consiglio e la Commissione.

Tutti i minori migranti presenti nell'UE dovrebbero aver diritto all’assistenza sanitaria, al sostegno psicologico e all’istruzione e, se non accompagnati, disporre di un tutore al loro arrivo. I deputati interrogheranno mercoledì la Commissione.

Le due proposte di risoluzione saranno votate giovedì.

Giovedì mattina, il Primo ministro belga Charles Michel sarà il quinto leader dell’UE a discutere il futuro dell’Europa con i deputati e il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

 

Articolo pubblicato il 2 maggio 2018