skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il PE celebra i 70 anni della Dichiarazione dei diritti umani

Dal 19 al 23 novembre a Bruxelles, il Parlamento europeo dedica una settimana ai diritti umani. Si celebra il 70⁰ anniversario della Dichiarazione Universale, adottata il 10 dicembre 1948, che elenca per la prima volta i diritti fondamentali e le libertà di tutte le persone.

Eleanor Roosevelt tiene in mano la Dichiarazione universale dei diritti umani (UDHR) proclamata il 10 dicembre 1948.
Eleanor Roosevelt tiene in mano la Dichiarazione universale dei diritti umani (UDHR) proclamata il 10 dicembre 1948.

Per celebrare il 70⁰ anniversario della Dichiarazione Universale dei diritti umani, adottata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1948, il Parlamento organizza a Bruxelles una settimana di eventi, e una conferenza di alto livello martedì 20 novembre.

Rappresentanti da tutto il mondo si riuniranno per discutere su temi come la difesa dei diritti delle persone nel mondo digitale, la difesa delle minoranze, i diritti dei minori, il monitoraggio della situazione dei diritti umani nell'UE e nel mondo.

Nel corso della settimana le commissioni parlamentari organizzeranno audizioni sul ruolo di governi, istituzioni e società civile, nel rafforzare il rispetto dei diritti fondamentali nell'Unione europea.

Il 19 novembre, la commissione Libertà civili ha discusso il nuovo rapporto sui diritti di migranti, LGBT, persone con disabilità, e sull'indipendenza del sistema giudiziario in UE.

Le commissioni lavorano anche per includere i diritti umani negli accordi di aiuto allo sviluppo e cooperazione commerciale con i Paesi terzi.

Nel corso della settimana, saranno proiettati al Parlamento europeo film che sottolineano storie di difensori dei diritti umani nel mondo.

Sottolineando il proprio impegno nella difesa dei diritti della persona umana nel mondo, il PE ha annunciato a ottobre che il Premio Sakharov per la Libertà di pensiero 2018 sarà assegnato al regista ucraino Oleg Sentsov, condannato a 20 anni di reclusione con l'accusa di aver progettato atti terroristici contro il dominio "de facto" della Russia in Crimea.

 

Pubblicato il 19 novembre 2018