skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il PE riunito a Strasburgo dal 1⁰ ottobre: scopri l'agenda della plenaria

In questa sessione: limiti alle emissioni di CO2, norme UE su servizi audiovisivi e piattaforme online, Stato di diritto in Romania, futuro dell’Europa, fondi per città e regioni che accolgono i migranti, reddito minimo in Europa. I deputati discuteranno le priorità per il Vertice UE del 18-19 ottobre.

 .

I deputati discuteranno martedì mattina le priorità per il Summit dei capi di Stato o di governo a Bruxelles, che sarà incentrato su Brexit, migrazione e sicurezza interna.

I deputati voteranno martedì in via definitiva nuove regole sui servizi audiovisivi per garantire una migliore protezione dei bambini e il 30% di opere europee nei cataloghi online.

Il PE voterà mercoledì una nuova normativa per ridurre le emissioni di biossido di carbonio prodotte dalle autovetture nuove e aumentare la quota di mercato dei veicoli a zero emissioni.

Mercoledì, i deputati discuteranno le recenti riforme giudiziarie in Romania e il loro impatto sulla separazione dei poteri, alla presenza del Primo Ministro Viorica Dăncilă. Il voto nella sessione di novembre 2018 a Strasburgo.

Il Primo Ministro estone, Jüri Ratas, discuterà il futuro dell'Europa con i deputati e con il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, mercoledì mattina alle 10.00.

Gli enti locali e regionali hanno generalmente il compito di accogliere e integrare migranti e rifugiati, ma spesso non dispongono del sostegno e dei finanziamenti necessari. I  deputati ne discutono mercoledì.

Il Parlamento europeo discuterà mercoledì alle ore 15.00 la possibilità di introdurre un reddito minimo per tutti i cittadini dell’UE.

 

Pubblicato il 1⁰ ottobre 2018