skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il PE riunito a Strasburgo dal 10 settembre: scopri l'agenda.

In questa plenaria: nuove norme su ambiente, sicurezza, salute, diritto d’autore, molestie e mobbing sessuali, riforma del Corpo europeo di solidarietà. Si discute di Stato di diritto in Ungheria, futuro dell'Unione, Libia e migranti. Mercoledì il dibattito sullo Stato dell'Unione.

Immangine della Plenaria in attesa della discussione zoom microfono - © European Union 2014 - European Parliament
Strasburgo, Parlamento europeo. I deputati saranno riuniti in Plenaria dal 10 al 13 settembre 2018. © European Union 2014 - European Parliament
 .

A otto mesi dalle elezioni europee del maggio 2019, i deputati faranno il punto sui risultati raggiunti finora dalla Commissione Juncker e definiranno gli obiettivi che l'UE a 27 dovrà raggiungere entro quella data. Il dibattito sullo Stato dell’Unione aprirà i lavori di mercoledì 12 settembre.

Martedì mattina, il Primo Ministro greco Alexis Tsipras sarà il nono leader dell'UE a discutere il futuro dell'Europa con i deputati europei e il Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Un punto stampa con Tsipras e il Presidente del PE Antonio Tajani seguirà alle ore 12,45.

La plenaria discuterà martedì e voterà mercoledì la posizione negoziale del Parlamento sulle norme in materia di copyright nel settore digitale. Il l testo che ne risulterà costituirà il mandato con cui il Parlamento negozierà con i ministri UE la forma finale della riforma. Il Consiglio ha adottato la sua posizione nel maggio 2018.

Con il voto di martedì, i deputati daranno il via libera definitivo alla riforma del Corpo europeo di solidarietà (CES), che offrirà opportunità di volontariato ai giovani di tutta l'UE. Una volta che il Consiglio avrà adottato formalmente il testo, le organizzazioni di volontariato e i giovani europei potranno iniziare a presentare domanda per partecipare ai progetti nell'ambito del nuovo programma.

Il PE discuterà martedì con il Primo Ministro Viktor Orbán lo Stato di diritto in Ungheria, prima di decidere, con il voto di mercoledì, se chiedere l’attivazione della procedura per contrastare il rischio di una grave violazione dei suoi valori. Sarebbe la prima volta che il Parlamento europeo adotta un’iniziativa che raccomanda l'attivazione dell'articolo 7 del Trattato sull’Unione europea per una grave minaccia allo Stato di diritto, alla democrazia e ai diritti fondamentali in uno Stato membro.

L'emergenza in Libia e nel Mediterraneo e gli sforzi dell'UE per proteggere i migranti saranno discussi martedì pomeriggio con l'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini.

Nuove misure per combattere il finanziamento del terrorismo, impedendo il riciclaggio di denaro e rafforzando i controlli sui flussi di cassa, saranno in discussione martedì e al voto mercoledì.

I deputati sostengono la creazione di un vero e proprio mercato unico per le plastiche riciclate e propongono misure per affrontare il problema dei rifiuti marini, nuove norme in materia di biodegradabilità e compostabilità, e un divieto delle microplastiche nei cosmetici e nei prodotti per la pulizia entro il 2020. La risoluzione non legislativa sarà discussa mercoledì e votata giovedì.

La crescente minaccia rappresentata dai batteri multi-resistenti richiede un'azione a livello europeo per tenere sotto controllo l'uso degli antibiotici. La risoluzione sarà dibattuta in plenaria mercoledì e votata il giorno successivo.

 

Dossier con relatori italiani

Sarà discussa martedì e votata mercoledì la relazione di Ignazio Corrao (EFDD) sulla lotta al riciclaggio di denaro tramite la penalizzione del reato (continua la lettura).

La relazione di Pina Picierno (S&D) sulle misure per prevenire e combattere il mobbing e le molestie sessuali sul posto di lavoro, negli spazi pubblici e nella vita politica dell’UE, sarà discussa lunedì e messa in votazione martedì. (continua la lettura).

Giovedi si vota la relazione di Laura Ferrara (EFDD) sul progetto di decisione di esecuzione del Consiglio per quanto riguarda il progetto di accordo di cooperazione tra Eurojust e la Repubblica d'Albania.

 

Pubblicato il 7 settembre 2018