skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Il PE vota lo stop al geoblocking ingiustificato

Il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva le norme che vietano il cosiddetto "geoblocking", cioè la pratica di restringere l’accesso agli acquisti in retesu base territoriale. Esclusi per ora i contenuti protetti da copyright.

I consumatori potranno acquistare online su qualsiasi sito nell'Unione europea, senza essere automaticamente bloccati o reindirizzati verso un altro sito web a causa della loro nazionalità, del luogo di residenza o dell’ubicazione temporanea.

I commercianti dovranno trattare gli acquirenti di altri paesi come quelli locali, garantendo accesso agli stessi prezzi; vietato anche trattare in maniera diversa in base al luogo di emissione della carta di credito o di debito.

Le nuove norme sono state approvate con 557 voti favorevoli, 89 contrari e 33 astensioni.

L'accordo sul regolamento del geoblocking deve ancora essere formalmente approvato dal Consiglio. Le nuove norme saranno applicabili nove mesi dopo la loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'UE, ovvero entro la fine dell'anno in corso (2018).

Continua la lettura dell'articolo
 

Pubblicato il 5 febbraio 2018