skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
20/05/2015

Immigrazione: i deputati discutono le soluzioni dell'UE

I deputati hanno discusso questa mattina il piano della Commissione per rispondere all'urgenza dei migranti. Il vice presidente della Commissione Frans Timmermans e il commissario per l'Immigrazione Dimitris Avramopoulos hanno annunciato una serie di misure, tra cui un meccanismo di emergenza per la distribuzione dei migranti dai paesi di frontiera, un programma di reinsediamento per i migranti provenienti da paesi al di fuori dell'UE e maggiori fondi per la sicurezza delle frontiere.

Bandiera dell'UE in primo piano. Sullo sfondo un motoscafo in perlustrazione sul mare.
Bandiera dell'UE in primo piano. Sullo sfondo un motoscafo in perlustrazione sul mare.

Il Rappresentante della Presidenza del Consiglio, Zanda Kalnina-Lukaševica, ha accolto l'iniziativa della Commissione e la triplicazione delle risorse per Frontex, l'agenzia delle frontiere esterne dell'Unione europea. Ha ricordato che i governi hanno deciso di istituire un'operazione militare dell'UE volta a "interrompere il traffico di esseri umani".

Il vicepresidente della Commissione Frans Timmermans ha annunciato che la prossima settimana la CE proporrà un meccanismo di trasferimento temporaneo "per alleggerire la pressione dei paesi di frontiera". "Non si tratta della migrazione in generale, ma della situazione di estrema crisi che richiede una risposta chiara".

"I nostri paesi vicini attraversono un momento di crisi e l'Europa è vista come un rifugio in tempi d'instabilità" ha dichiarato il commissario  per l'Immigrazione Dimitris Avramopoulos.

"L'Europa è spesso accusata di non fare nulla. Con queste misure, stiamo dimostrando che l'Europa può agire", ha dichiarato Gianni Pittella (S&D, Italia). "Dobbiamo porre fine alle reti dei trafficanti, ma non vogliamo alcuna azione o violenza militare" ha aggiunto.

Continua a leggere