skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio di collegamento in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Jadranka Miličević (Bosnia-Erzegovina)

fotografata da Bieke Depoorter

Il diritto di esprimersisi estende anche alla vita privata. In Bosnia, Bieke Depoorter ha accompagnato Jadranka Miličević, ex rifugiata durante la guerra dei Balcani e attivista a tempo pieno per i diritti umani, durante i suoi spostamenti di villaggio in villaggio.
Jadranka visita le donne che cerca di emancipare attraverso la sua fondazione e i seminari che organizza periodicamente.

 

Le foto, nell'ordine:

Bosnia-Erzegovina. Jadranka si sposta tra Bosnia, Serbia e Montenegro per tenere i suoi workshop.
Bosnia-Erzegovina, Vares. Elda Šišić, figlia di Lejla Omerović.
Bosnia-Erzegovina, Kakanj. A casa di Nuna Zemina Vehabović.
Bosnia-Erzegovina, Sokolac. Jovana Boljanić nella sua camera, luogo dove si sente libera di essere sé stessa. Qui conserva molti oggetti, tra cui la sua bandiera arcobaleno che, malgrado tutto, continua a nascondere a suo padre e suo fratello.
Bosnia-Erzegovina, Srebrenica. Ogni anno Jadranka visita il memoriale di Srebrenica-Potočari con i membri della fondazione CURE e di Women in Black per commemorare il genocidio.

@Bieke Depoorter / Magnum Photo, 2017