skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

La commissione speciale sul terrorismo in visita in Italia

Una delegazione di eurodeputati della commissione speciale sul Terrorismo (TERR) è stata in visita ufficiale in Italia, a Catania, dall’8 al 10 novembre 2017, per discutere i principali temi di interesse nazionale e europeo in materia di terrorismo, sicurezza e problematiche legate allo sbarco di migranti sul suolo italiano.

La visita della delegazione TERR si inserisce nel quadro sempre più attuale della minaccia terroristica in Europa e punta ad esaminare le criticità e le relative procedure che vengono messe in atto a seguito del rilevamento di una possibile minaccia terroristica.

Mercoledì 8 novembre la delegazione è arrivata a Catania dove, nel tardo pomeriggio, si è svolta una riunione introduttiva con l’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex).

Giovedì 9 novembre in mattinata si sono svolti un incontro con la Task Force regionale europea (composta da Frontex, EASO, EUROPOL e EUNAVFOR Med.) e una visita al porto per meglio illustrare le procedure messe in atto a seguito dello sbarco di migranti sul suolo italiano. Il pranzo si è svolto alla presenza delle autorità locali quali il Sindaco di Catania, il Prefetto e rappresentanti di alcune ONG impegnate nell’azione di soccorso dei migranti in mare. Nel pomeriggio, la delegazione ha preso parte a una visita a bordo di una motovedetta e a una visita a Sigonella.

Venerdì 10 novembre la Delegazione si è trasferita all’Hub di Pozzallo: gli eurodeputati hanno avuto modo di capire meglio le procedure di registrazione, identificazione e controlli incrociati che vengono quotidianamente effettuate in tali sedi. E’ seguito un incontro con l’EUROPOL riguardante le procedure ed i controlli ulteriori messi in atto nei confronti di soggetti sospettati di terrorismo.